scrivimi
Pordenone, l├Č sabato 31 luglio 2021
ti trovi qui: Home PageComunicati












 
30/04/2021

SERVE UNO SGUARDO LUNGO (ilFriuli.it)

di Lodovico Sonego

Appena allentata lÔÇÖemergenza sanitaria torner├á lÔÇÖattenzione sui temi strategici. La politica regionale, a partire dal Pd, deve maturare idee lungimiranti in campo economico e di rapporti internazionali. Quando, tra non molto, la pandemia allenter├á la sua morsa serviranno sguardi lunghi per rendere concreto il rilancio. ├ł quanto suggerisce alla politica, a partire dal suo partito del cuore, Lodovico Sonego. Con una laurea in filosofia in tasca, il politico pordenonese inizia la sua carriera nel 1978 per arrivare dieci anni dopo in Consiglio regionale dove sar├á nominato pi├╣ volte assessore. Conclude lÔÇÖattivit├á nel 2018 da parlamentare, iniziando tra le fila del Pd e concludendo in quelle di Articolo Uno. ...

leggi tutto [ link ]








 
18/04/2021

MINORANZA SLOVENA E DOPPIO VOTO IN ITALIA LE GARANZIE ARRIVINO DAI PARTITI (Il Piccolo)

di Lodovico Sonego

I presidenti Sergio Mattarella e Borut Pahor si sono incontrati rinnovando la collaborazione e lÔÇÖamicizia tra i due Paesi nonch├ę la personale reciproca stima, i due capi di stato hanno inoltre confermato il sostegno al processo di assegnazione del Narodi Dom alla comunit├á slovena dÔÇÖItalia e ai programmi di Gorizia-Nova Gorica citt├á europea della cultura 2025. La collaborazione tra i due Paesi ├Ę un rilevante patrimonio europeo enfatizzato dal fatto che Lubiana ├Ę presidente di turno dellÔÇÖUnione e dallÔÇÖauspicio che il governo di Janez Jan┼ía possa agire con prudenza e contribuire a stemperare le tensioni dei Balcani Occidentali, a cominciare dalla Bosnia ed Erzegovina. Il riferimento alle rispettive minoranze nazionali nel paese confinante ├Ę sempre presente nelle relazioni tra i due Stati ma ora, in Italia, assume un connotato inedito dovuto al referendum che ha ridotto i parlamentari. ├ł noto che chi scrive sostiene il rilievo nazionale ed internazionale della presenza in Parlamento della minoranza slovena cos├Č come ├Ę risaputo il fatto che quella rappresentanza ├Ę stata sin qui garantita, per scelta politica, dalla Sinistra ...

leggi tutto [ link ]








 
11/04/2021

LÔÇÖELEZIONE DIRETTA DELLA PRESIDENZA UE (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

Ankara ha messo le istituzioni europee innanzi alla loro crisi. La penosa scena in cui il presidente del Consiglio europeo Charles Michel accetta lÔÇÖorganizzazione protocollare con cui il presidente turco Erdogan ha voluto umiliare la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ├Ę sicuramente un vulnus di valori fondativi dellÔÇÖUnione europea. Non sfugge infatti lÔÇÖalto valore simbolico del gesto di Erdogan che ├Ę da lungo tempo noto per la sua concezione regressiva della donna, pi├╣ recentemente per aver revocato lÔÇÖadesione della Turchia alla Convenzione di Istambul contro la violenza sulle donne. Mi limito a dire che Charles Michel ha dimostrato di non essere allÔÇÖaltezza del suo incarico, ma, se non bastasse, cÔÇÖ├Ę dellÔÇÖaltro. Ad Ankara si ├Ę manifestato in modo clamoroso come la diarchia ÔÇô per non dire il conflitto ÔÇô istituzionale e politica di Commissione europea e di Consiglio europeo costituisca un elemento di crisi dellÔÇÖEuropa. ├ł risaputo che il processo di ulteriore integrazione comunitaria per un migliore governo delle grandi questioni continentali, a cominciare dalla risposta alla depressione economica provocata dalla pandemia, ├Ę costantemente ostacolato dalla prassi intergovernativa del Consiglio europeo che ├Ę composto dai capi di stato e di governo dei paesi membri e che molte delle materie trattate da quellÔÇÖorgano richiedono lÔÇÖunanimit├á; una procedura che assegna facolt├á di veto anche a un singolo stato paralizzando cos├Č il Consiglio e a ruota la Commissione. ...

leggi tutto [ link ]








 
28/03/2021

IL PROPORZIONALE TEDESCO MODELLO PER GOVERNARE (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

Il Parlamento non discute di nuova legge elettorale perch├ę giustamente impegnato sul fronte della pandemia, ma il dibattito crescer├á nel tempo per lÔÇÖinadeguatezza del Rosatellum, perch├ę la legislatura si esaurir├á e perch├ę la riduzione del numero dei parlamentari sollecita ulteriormente la discussione. Allora ├Ę bene ragionare. Bisogna anzitutto mettere fine alla vergogna delle liste bloccate che sono una delle cause della disaffezione dei cittadini verso politica e istituzioni; la preferenza unica ├Ę il modo migliore per sanare la ferita. Ma ├Ę bene riflettere anche sullÔÇÖopzione tra maggioritario e proporzionale. Chi scrive, anche nella funzione di legislatore, ha sempre militato tra i sostenitori del maggioritario sulla base dellÔÇÖargomentazione che quel modello consente allÔÇÖelettore di decidere chi governa e conoscere la decisione la sera delle elezioni. In realt├á va preso atto che tre decenni di maggioritario dicono che le cose non sono andate cos├Č. Bench├ę gli elettori avessero deciso la coalizione vincente tutti i governi hanno avuto vita grama e nessuno ├Ę durato per lÔÇÖintera legislatura. Aggiungo un problema molto serio, proprio la debolezza dei governi ha prodotto decine di decreti legge e voti di fiducia che hanno compromesso la natura parlamentare della Repubblica. ...

leggi tutto [ link ]








 
04/02/2021

ESISTE UNA STRATEGIA PER IL RECOVERY DEL FRIULI VENEZIA GIULIA? (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

Esiste una strategia che sulla base di una visione unitaria del Friuli Venezia Giulia sia in grado di traghettare lÔÇÖeconomia e la societ├á regionale oltre il drammatico lascito della pandemia? Il sollecito ├Ę urgente. Le risposte, quelle dirette e quelle implicite, sono deludenti. Partiamo dal fatto che il dodici gennaio il Consiglio dei ministri ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ossia il programma per spendere i 209 miliardi di euro dellÔÇÖEuropa e che per il Friuli Venezia Giulia quel piano non pu├▓ essere considerato soddisfacente. Mentre sta per nascere un nuovo governo ├Ę lecito immaginare che quel programma sar├á rivisto per accostarsi maggiormente gli indirizzi comunitari di spesa che non si pu├▓ certo dire siano state osservati, sarebbe saggio cogliere lÔÇÖopportunit├á della revisione per migliorare in gran fretta le previsioni che ci riguardano. La Giunta Fedriga invi├▓ al Governo la sua lista della spesa che, come si fa, era pi├╣ lunga delle disponibilit├á ma quelle proposte non sono note al pubblico bench├ę lÔÇÖargomento appartenga a ogni cittadino; non sono nemmeno il frutto di una discussione condivisa e trasparente con il Consiglio regionale (!) e neppure con i grandi portatori di interesse: sindacati, associazioni di categoria, professioni. Come ├Ę potuto accadere che una partita vitale per tutti e tutto sia stata gestita allÔÇÖinsegna della clandestinit├á? ...

leggi tutto [ link ]





 
04/02/2021

LA MITTELEUROPA GARANTE DEL FUTURO DEL PORTO DI TRIESTE: FERROVIA STRATEGICA (il Piccolo)

di Lodovico Sonego

Porto di Trieste. Conviene fare un nuovo punto nave perch├ę in pochi mesi sono cambiati i principali riferimenti ma anche perch├ę, peraltro facendo finta di nulla, ├Ę cambiata pure la rotta. Avviso ai naviganti, le considerazioni che seguono assumono unÔÇÖottica di medio/lungo periodo e il superamento, per quanto impegnativo, della crisi da pandemia. Il cambiamento di cui parlavo ├Ę il venir meno dellÔÇÖinfatuazione cinese secondo la quale la New Silk Road avrebbe avuto come terminale Trieste; lÔÇÖinfatuazione, anche triestina ma soprattutto romana, era lÔÇÖesito di un approccio spensierato che supponeva di poter sostituire la lunga collocazione euroatlantica dellÔÇÖItalia con una confusa adesione asiatica. La scontata ruvidit├á del Dipartimento di Stato USA ha ovviamente avuto la meglio sullÔÇÖingenuit├á dei nuovi italo-asiatici e oggi lÔÇÖItalia, anche con Trieste, si conferma euroatlantica a cominciare dai porti e dal 5G. Del resto la Commissione europea ha definito la Cina ÔÇťun competitore economico e un rivale di sistemaÔÇŁ....

leggi tutto [ link ]





 
05/01/2021

IN UNA SANITA' DI GUERRA VANNO UTILIZZATI I RISERVISTI (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

E' una sanit├á di guerra e bisogna reagire con la mobilitazione generale. Richiamando in campo anche la riserva, oppure non ce la faremo. Se vogliamo immunizzare il settanta percento della popolazione del Friuli Venezia Giulia entro il primo novembre dobbiamo infatti vaccinare non meno di 19 mila 200 persone ogni sette giorni. Per le persone trattate con il vaccino Pfizer-Biontech, che richiede una dose di richiamo a distanza di tre settimane dalla prima, lÔÇÖobiettivo delle 19 mila 200 immunizzazioni ogni sette giorni implica che dalla terza settimana dallÔÇÖinizio della campagna serviranno 38 mila 400 iniezioni settimanali, pari a 5 mila 485 vaccinazioni al giorno. Si potr├á tornare alle 19 mila200, cio├Ę esattamente 2 mila 742 al giorno, soltanto quando saranno finiti i Pfizer-Biontech e saranno disponibili i vaccini monoporzione prodotti da altre case farmaceutiche. La sola immunizzazione del settanta percento dei 320 mila ultrasessantacinquenni con Pfizer-Biontech, che richiede due trattamenti, richiede 11,7 settimane di lavoro purch├ę con 38 mila 400 iniezioni ogni settimana. Lo dico da uomo delle istituzioni, o abbiamo la consapevolezza che i numeri della nostra sfida sono quelli oppure facciamo finta. Il vaccino ├Ę una speranza solo se ci organizziamo per vaccinare anche di notte, chiedendo lÔÇÖaiuto di medici ed infermieri in pensione, mobilitando sindaci, protezione civile e chiunque possa aiutare. ├ł una sfida immane che dipende anche dallÔÇÖimpegno, pure di sensibilizzazione e organizzazione, di sindacati e categorie economiche. Metteremo in salvo scuole, fabbriche, bar, ristoranti, palestre ed alberghi ÔÇô cio├Ę Prodotto interno lordo, cultura e relazioni sociali ÔÇô soltanto ricorrendo a misure straordinarie.





 
27/11/2020

IL PUNTO DEBOLE DEL CENTRODESTRA RESTA L'ECONOMIA (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

LÔÇÖex senatore invita il centrosinistra a pensare gi├á al 2023 ┬źDobbiamo vincere per riuscire a rilanciare la Regione┬╗

Lo definisce ┬źun sassolino nella piccionaia┬╗ del centrosinistra in vista della (lunga) marcia che porter├á fino al 2023. ├ł una sorta di invito, insomma, quello dellÔÇÖex assessore regionale e senatore Lodovico Sonego, a cominciare a pensare alla riconquista della Regione ÔÇô che lui ritiene possibile ÔÇô dopo il quinquennio targato Massimiliano Fedriga. Sonego, in poche parole, spinge Pd e alleati a non perdere tempo e dal suo osservatorio traccia anche una (mini) rotta da seguire. Sonego perch├ę ha deciso di parlare adesso? ┬źIl mio ├Ę un sollecito che rivolgo a tutti, me compreso. Abbiamo alle spalle una piccola tornata di elezioni amministrative in Friuli Venezia Giulia che per il centrosinistra ├Ę stata tuttÔÇÖaltro che positiva. Ma davanti a noi, nel 2021, cÔÇÖ├Ę pure una sessione di Comunali molto importante e poi abbiamo la partita delle Regionali nel 2023┬╗. La prende un poÔÇÖ alla larga, insomma... ┬źLo so e dico che in vista di questi appuntamenti tutte le espressioni del centrosinistra devono assumere come bussola fondamentale di r iferimento lÔÇÖidea di costruire uno schieramento, democratico e progressista, che consenta di portare questo raggruppamento al governo della Regione┬╗...

leggi tutto [ link ]





 
17/04/2020

PERCHE' E' GIUSTO METTERE A GARA LE SPIAGGE (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

Un intenso lavoro di sensibilizzazione politica sfocer├á presto in Consiglio regionale per prorogare con legge a tutto il 2033 le vigenti concessioni per il demanio turistico ricreativo, spiagge e porticcioli. Quei beni sono di propriet├á della Repubblica Italiana che attraverso lo Stato, o la Regione nel nostro caso, li concede in uso affinch├Ę siano sfruttati per l'utilit├á di tutti, (se ne ├Ę parlato in queste pagine a proposito della riapertura differita). La gestione italiana della materia ├Ę sempre stata improntata a un certo disordine sedimentando purtroppo un regime pluridecennale che ha dato in concessione beni pubblici omettendo quasi sempre le procedure di gara e accettando l'idea che i concessionari si ritengono padroni di fatto di quei beni comuni, di generazione in generazione.

La vicenda elettorale dei due grandi paesi ├Ę rilevante anche per il Centrosinistra italiano che a volte ha guardato in quella direzione in cerca di suggerimenti; il nostro giusto desiderio di combattere le ineguaglianze o di considerare le autonomie regionali non deve tradursi nella comunanza con chi pur richiamandosi a quegli intenti propone scelte da cui ├Ę bene distinguersi. E soprattutto sar├á utile la consapevolezza che le difficolt├á della Sinistra sono cos├Č diffuse in Europa da rendere poco probabile che da qualche parte oltre confine ci siano ricette miracolose. Anche in questo caso l'Italia non speri nel Veltro dantesco e semmai va rammentato che quando il Centrosinistra italiano ├Ę stato in campo con autorevolezza lo ha fatto con l'originalit├á della sua proposta ulivista che indicava la via di una larga coesione riformista sotto il segno dei valori europei. Quell'ispirazione va aggiornata tenendo conto della tempesta della globalizzazione ma l'Europa rimane un caposaldo e a maggior ragione. Tutto ci├▓ richiede la grande fatica italiana del rinnovamento delle politiche che non ha nulla da spartire con la sciocchezza populista delle rottamazioni.

leggi tutto [ link ]





 
14/12/2019

DUE INATTENDIBILI MITI DELLA SINISTRA (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

Dieci novembre e dodici dicembre: quel che resta di due inattendibili miti della sinistra. Il voto britannico di ieri conferma la prevista sconfitta del Labour di Jeremy Corbyn e del suo Libretto Rosso, un mese prima c'├Ę stata la deludente prova del leader del Partito Socialista Spagnolo Pedro Sanchez. Il secondo ha affrontato il voto certo di una affermazione netta ma le urne hanno amaramente certificato l'arretramento del PSOE e che l'imprudente gestione socialista della vicenda catalana ha fatto nascere l'estrema destra del nazionalismo spagnolo, VOX. La Spagna ha pi├╣ problemi di prima. Il Libretto Rosso agitato da Corbyn in campagna elettorale non ├Ę stato solo un richiamo immaginifico al maoismo, ├Ę voluto essere proprio l'indicazione di una improbabile strategia di governo fondata su massicce nazionalizzazioni, uso punitivo del fisco sui redditi medi, coerente sostegno alla Brexit e a valori antieuropei. E' l'interlocuzione populista con i ceti pi├╣ deboli della societ├á indicando soluzioni senza fondamento per il problema reale delle disuguaglianze accentuate dalle globalizzazioni sfrenate del liberismo. Si rammenti il pizzico di antisemitismo e del mito Corbyn non rimane nulla se non la lezione di una strada da evitare; a Londra come a Madrid il populismo, c'├Ę anche quello di sinistra, lascia macerie.

La vicenda elettorale dei due grandi paesi ├Ę rilevante anche per il Centrosinistra italiano che a volte ha guardato in quella direzione in cerca di suggerimenti; il nostro giusto desiderio di combattere le ineguaglianze o di considerare le autonomie regionali non deve tradursi nella comunanza con chi pur richiamandosi a quegli intenti propone scelte da cui ├Ę bene distinguersi. E soprattutto sar├á utile la consapevolezza che le difficolt├á della Sinistra sono cos├Č diffuse in Europa da rendere poco probabile che da qualche parte oltre confine ci siano ricette miracolose. Anche in questo caso l'Italia non speri nel Veltro dantesco e semmai va rammentato che quando il Centrosinistra italiano ├Ę stato in campo con autorevolezza lo ha fatto con l'originalit├á della sua proposta ulivista che indicava la via di una larga coesione riformista sotto il segno dei valori europei. Quell'ispirazione va aggiornata tenendo conto della tempesta della globalizzazione ma l'Europa rimane un caposaldo e a maggior ragione. Tutto ci├▓ richiede la grande fatica italiana del rinnovamento delle politiche che non ha nulla da spartire con la sciocchezza populista delle rottamazioni.




 
05/12/2019

L'AUTONOMIA DIFFERENZIATA E IL COSTO DELLE SIRINGHE (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

La Conferenza Stato Regioni ha approvato all'unanimit├á, Friuli Venezia Giulia incluso, il disegno di legge che il Ministro Boccia proporr├á al Parlamento per disciplinare i principi delle ulteriori forme di autonomia delle regioni ordinarie. Il pregresso ├Ę turbolento. Lombardia e Veneto governati dalla Lega, Veneto soprattutto, hanno usato l´┐Żautonomia differenziata per riproporre in altro modo la secessione; la devoluzione di tutte le ventitr├Ę materie elencate in Costituzione porta infatti quelle regioni ad un assetto di indipendenza che va oltre l'autonomia di ogni regione speciale.

Il Veneto ha agitato pure il trattenimento del cosiddetto residuo fiscale che tradotto significa tenersi tutte le tasse: la secessione. Il Sud ha reagito alla spinta dei leghisti del Nord denunciando l'aggressione delle ricche regioni settentrionali che gli sottraggono risorse vitali e indicando nella Padania la causa dei suoi ritardi, ├Ę un vittimismo che nasconde e assolve il contributo al mancato sviluppo meridionale che deriva dall'inadeguatezza di un segmento non trascurabile di quelle classi dirigenti.

Tanto il Nord che il Sud hanno offerto di s├Ę stessi il volto peggiore, ne ├Ę derivata una seria lacerazione dell'unit├á della Nazione e anche una spinta a divaricare l'unit├á dello Stato. Ora si tratta di ricomporre l'unit├á nazionale e l'idea di un'azione legislativa del Parlamento per stabilire i principi della futura devoluzione alle regioni ordinarie ├Ę saggia.

La polemica meridionale dei mesi scorsi contro il Nord ha enfatizzato la rivendicazione di risorse per assicurare a tutti gli italiani i medesimi livelli essenziali di prestazione, in primo luogo nella sanit├á che al Sud ├Ę pi├╣ gracile; ├Ę una sollecitazione giusta perch├Ę finalizzata a garantire il principio di uguaglianza tra cittadini e la legge Boccia va in quella direzione. Non prevede invece che nella ripartizione delle risorse tra regioni si rispetti anche il principio, ugualmente essenziale, dei medesimi costi standard per lo stesso servizio erogato: ├Ę il famoso costo della siringa che al Nord costa la met├á che al Sud. Esempio divenuto la metafora di un serio problema di governo regionale e locale che il Meridione non pu├▓ eludere. L'uguaglianza tra cittadini deve essere un obbligo della Repubblica e ci├▓ implica uguaglianza nelle risorse pro capite assegnate alle regioni ma anche l'uguaglianza dei costi per unit├á di servizio. Stesse prestazioni, medesimi costi. Suggerimento al Presidente Fedriga per la prossima Stato Regioni.




 
12/09/2019

VON DER LEYEN E LO STILE DI VITA EUROPEO (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha suscitato la forte critica di una parte dell´┐ŻEuroparlamento, Verdi in primo luogo, per aver denominato ´┐ŻProteggere il nostro stile di vita europeo´┐Ż il portafoglio del commissario Margaritis Schinas che si occuper´┐Ż, fra l´┐Żaltro, degli immigrati extracomunitari e della loro integrazione. Una delle molte reazioni negative ´┐Ż stata che ´┐ŻL´┐Żimplicazione che gli europei hanno bisogno di essere protetti dalle culture esterne ´┐Ż grottesca e questa narrazione dovrebbe essere rigettata´┐Ż. E´┐Ż necessario, che su una questione cos´┐Ż complessa e difficile ci sia una discussione approfondita perch´┐Ż l´┐Żargomento concerne effettivamente i fondamenti giuridici e politici dell´┐ŻEuropa. Non ´┐Ż banale, e per nulla scontato, affermare che uno stile di vita europeo esiste effettivamente e che quel connotato ci distingue in modo radicale da quello russo, mediorientale, indiano o cinese e persino da quello della grande democrazia statunitense.

I connotati europei sono fondati sul principio di democrazia, uguaglianza (anche tra uomo e donna), pluralismo politico, separazione ed autonomia dei poteri dello Stato, economia sociale di mercato e infine su una consistente solidariet´┐Ż sociale consentita da una efficace rete di welfare alimentata da una diffusa progressivit´┐Ż dell´┐Żimposta. Tutto ci´┐Ż non ha un corrispettivo altrove se non in Canada. Dovremmo essere orgogliosi dello stile di vita europeo e la sua difesa non dovrebbe dispiacerci, al contrario. C´┐Ż´┐Ż la questione complessa e impegnativa delle culture esterne, ossia, in modo speculare, di quella europea.

L´┐Żargomento ´┐Ż fondativo e fu affrontato (2003-2007) nel corso dello sfortunato tentativo di Costituzione dell´┐ŻUnione: Giovanni Paolo secondo, rimbalzando Novalis, propose la statuizione costituzionale delle radici cristiane ma la proposta del Pontefice fu rigettata anche per il riproporsi della frattura -tutta cristiana!- tra la Santa Sede e l´┐ŻEuropa transalpina e luterana preoccupata della laicit´┐Ż delle istituzioni. Le radici dell´┐ŻEuropa sono in realt´┐Ż pi´┐Ż complesse di quanto il Vaticano fosse disposto ad ammettere: giudaico-ellenico-cristiane e non va sottaciuto, anzi, che da quel crogiolo ´┐Ż nata l´┐Żantropologia europea, che esiste specificamente e si ´┐Ż fatta politica, che ci consente oggi di pensare ai migranti extracomunitari con il programma dell´┐Żintegrazione.

E´┐Ż proprio lo stile di vita europeo (quella cultura) che ci consente di essere diversi e unici, anche sull´┐Żimmigrazione: vale la pena di essere meno superficiali e di proteggerlo.




 
30/07/2019

E LA TAV TRIESTE LUBIANA? (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

Il Governo italiano aveva comunicato a Bruxelles la posizione favorevole dell´┐ŻItalia alla ferrovia TAV Torino Lione gi´┐Ż lo scorso 27 luglio ma due giorni fa, con il voto di Lega e PD, ´┐Ż sopraggiunto anche il suggello del voto parlamentare: la TAV si fa, partita chiusa. Ed ´┐Ż acquisita, anche grazie alle necessit´┐Ż delle Olimpiadi di Milano e Cortina, la realizzazione della tratta Brescia Padova che arriver´┐Ż in laguna usufruendo della Padova Venezia che i quattro binari li ha gi´┐Ż. Si aggiunga il recentissimo disco verde del CIPE al collegamento passante che connetter´┐Ż l´┐Żaeroporto intercontinentale di Venezia alla linea Venezia Trieste e ci´┐Ż che emerge ´┐Ż un rilevante ammodernamento ferroviario del Nord che per´┐Ż esclude il Friuli Venezia Giulia. Da Venezia in poi il nulla che nega alla nostra regione tutte le opportunit´┐Ż di economia e lavoro di cui godr´┐Ż il resto del Settentrione e costituisce anche una questione di politica estera di prima grandezza poich´┐Ż concerne la relazione dell´┐ŻItalia con il Centro Est Europa. Urge allora riproporre la costruzione della linea AV-AC Venezia Trieste Lubiana del Corridoio Mediterraneo cos´┐Ż come l´┐Żinserimento della linea storica Venezia-Udine in quello Baltico Adriatico. Le infrastrutture sono le misure di politica economica di gran lunga pi´┐Ż efficaci e soprattutto producono effetti incomparabilmente pi´┐Ż longevi: un bonus fiscale ha l´┐Żefficacia di un lustro, una ferrovia di centinaia d´┐Żanni. Come sarebbe il Friuli Venezia Giulia senza l´┐Żautostrada A23 Udine Tarvisio, la nuova Ferrovia Pontebbana, la A34 Villesse Gorizia o la A28 Portogruaro Conegliano? Condizioni di vita peggiori, meno PIL, meno lavoro. La Ferrovia Pontebbana e l´┐Żautostrada Udine Tarvisio sono il frutto dell´┐Żimpegno di Antonio Comelli, Adriano Biasutti e Arnaldo Baracetti, la A28 e la A34 sono dovute a Giovanni di Benedetto e alla Giunta Illy, l´┐Żautostrada A4 da Venezia a Trieste all´┐Żallora senatore e pap´┐Ż di Autovie Venete Giuseppe Garlato che concep´┐Ż l´┐Żopera a tre corsie ma le banche, sbagliando, ne finanziarono solo due. Il nostro presente di benessere e buona qualit´┐Ż della vita ´┐Ż dovuto ad un passato intelligente e lungimirante. Di questi giorni c´┐Ż´┐Ż un gran discutere dell´┐Żadeguatezza delle leadership della regione, il metro di misura ´┐Ż la capacit´┐Ż di immaginare e costruire il futuro manifestato da coloro che hanno avuto responsabilit´┐Ż politiche ed economiche nei decenni passati.




 
30/07/2019

LE PENSIONI DEI CONSIGLIERI REGIONALI (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

La discussione del Consiglio regionale sulle pensioni dei consiglieri in carica desta preoccupazione per la mancanza di legame con l´┐Żinteresse generale e, anzi, per il prevalere di pulsioni individuali occultate da una lotta apparente e propagandistica a privilegi presunti. I fatti. Dal 2013 chi si dedica a tempo pieno al mandato di legislatore regionale ´┐Ż privo di uno schema pensionistico obbligatorio come ´┐Ż stabilito per ogni italiano che abbia un´┐Żoccupazione e anche per deputati e senatori. Ci´┐Ż significa che chi, lasciando il suo lavoro, serve la Regione per cinque o dieci anni accumula un buco previdenziale di pari durata che avr´┐Ż una ricaduta drammatica quando raggiunger´┐Ż i sessantasette anni dell´┐Żet´┐Ż pensionabile. Queste condizioni espongono il Consiglio regionale che legifera sei miliardi di spesa annui a seri rischi perch´┐Ż sar´┐Ż sempre pi´┐Ż difficile convincere un cittadino, in particolare se impegnato in un´┐Żoccupazione qualificata con corrispondente beneficio pensionistico, a lasciare il suo impiego per servire i corregionali; il Consiglio diventer´┐Ż con le conseguenze del caso un banale dopolavoro, vi sono gi´┐Ż dei casi, ma da quell´┐ŻAula continuer´┐Ż a dipendere la qualit´┐Ż degli ospedali, dei trasporti, ecc. di tutti noi.

I consiglieri regionali che hanno ricostruito il Friuli terremotato non erano dopolavoristi. Luned´┐Ż il Presidente Fedriga non ha avuto il coraggio di mettere ai voti la legge che avrebbe introdotto la pensione dei consiglieri alla stregua dei metalmeccanici e con ci´┐Ż ha mancato di una visione istituzionale fondata sull´┐Żinteresse generale e ha abdicato al ruolo di maggioranza, le minoranze si sono opposte alla pensione contributiva scegliendo il comizio populista. Ci sono stati consiglieri che si sono schierati contro legge non sulla base dell´┐Żinteresse generale ma di un calcolo personale.

La legge regionale appena abortita riproponeva il meccanismo vigente per ogni lavoratore dipendente (contributi dell´┐Żeletto pari all´┐Ż8,8% della retribuzione, contributi dell´┐Żistituzione 14,2%) e replicava il meccanismo con cui gli onorevoli Salvini, Di Maio, Renzi, Serracchiani, Meloni stanno maturando la pensione di parlamentare: 913,91 euro mensili a carico dell´┐Żeletto, 2.513,25 a carico del Parlamento. Deputati e senatori come Camera e Senato, parimenti ad ogni altro lavoratore e datore di lavoro, non pagano l´┐ŻIRPEF sui contributi versati perch´┐Ż le imposte sul reddito verranno trattenute a suo tempo sulla pensione.




 
25/03/2019

FIRMATO L'ACCORDO ITALIA CINA (Messaggero Veneto)

di Lodovico Sonego

Il Memorandum ´┐Ż firmato, ora si tratta di valutarne il significato nel contesto europeo e gli effetti in Friuli Venezia Giulia. La visita di Xi Jinping a Roma ´┐Ż in primo luogo un fatto rilevante; l´┐ŻItalia ´┐Ż membro del G7 e l´┐Żospite ´┐Ż Segretario generale del Partito Comunista cinese nonch´┐Ż Presidente della Repubblica Popolare. Le intese sottoscritte sono invece meno importanti di ci´┐Ż che il Governo annunciava alla vigilia e le autorit´┐Ż cinesi speravano: gli accordi firmati sono meno numerosi del previsto, mancano di parti rilevanti riferite a comunicazioni 5G e porti e l´┐Żammontare degli investimenti cinesi in Italia si ferma a 2,5 miliardi. Si tratta di investimenti pur sempre utili -esempio Danieli- ma vanno considerati per la loro dimensione reale, il solo Gruppo Ferrovie dello Stato investe mediamente pi´┐Ż del doppio ogni anno. L´┐Żintesa si ´┐Ż ristretta sino a diventare mignon perch´┐Ż proprio la visita romana di Xi Jinping e l´┐Żenfasi internazionale che ha suscitato hanno portato l´┐ŻItalia, ed anche l´┐ŻEuropa, ad una maggiore consapevolezza che Belt and Road Initiave e MadeinChina2025 sono una legittima ambizione ma anche uno strumento di dominio globale che non va assecondato. Proprio per queste ragioni e poi perch´┐Ż pressato da Bruxelles e dal mondo economico italiano il Governo ha ridimensionato in fretta il peso del Memorandum e cantierato un decreto legge Golden Rule per tutelare il patrimonio industriale italiano di maggior pregio da acquisizioni straniere sgradite. Lo stesso giorno della visita del Premier cinese a Roma l´┐ŻItalia ha partecipato al Consiglio europeo di Bruxelles che ha approvato nuovi indirizzi politici in cui la Cina ´┐Ż definita ´┐Żcompetitore economico´┐Ż e ´┐Żrivale sistemico´┐Ż, il Consiglio annuncia inoltre misure comunitarie per impedire investimenti predatori della Cina e invertire la strategia antitrust dell´┐ŻUnione allo scopo di favorire la nascita di campioni industriali globali. L´┐Żopposto della recente ed infelice bocciatura comunitaria della fusione Alstom Siemens.

Anche in questo frangente l´┐Żambiguit´┐Ż e l´┐Żimprovvisazione politica del Governo italiano si sono manifestate con evidenza, cose che certamente non sono sfuggite a Pechino. L´┐Żapproccio europeo verso la Cina ´┐Ż cambiato profondamente in poco tempo ed al punto tale da indicare come cattiva prassi quella del format 16+1 che raggruppa i paesi dei Balcani Occidentali e del Centro Est Europa per cercare un dialogo regionale con Pechino.

La vicenda Friuli Venezia Giulia e del Porto di Trieste sta in questo contesto che per un verso ´┐Ż noto, la Via della Seta come strategia di dominio, per un altro ´┐Ż inedito l´┐Ż dove l´┐ŻEuropa cambia registro. Gli investimenti cinesi in Friuli Venezia Giulia sono benvenuti purch´┐Ż nel rispetto delle regole comunitarie e domestiche, il cosiddetto Aquis Communautaire, si pu´┐Ż osservare semmai che sono pochini. Ora il Protocollo tra l´┐ŻAutorit´┐Ż portuale e l´┐Żazienda statale cinese CCCC va pubblicato. La controparte cinese aveva chiesto la segretezza, l´┐ŻAquis cinese in luogo di quello comunitario, ma poi la clausola ´┐Ż stata omessa perch´┐Ż l´┐Żaccordo ´┐Ż un atto pubblico e va reso noto affinch´┐Ż tutti, a cominciare dal Consiglio regionale, lo possano apprezzare. Quell´┐Żaccordo ´┐Ż una grande questione nazionale ed internazionale, a maggior ragione regionale: Trieste, Monfalcone, Cervignano.




 
06/03/2019

PECHINO AGISCE CON PROPOSITI DI DOMINIO GLOBALE (Messaggero Veneto)

Il commento di Lodovico Sonego

Michelangelo Agrusti e Giovanni Fantoni hanno suggerito prudenza sui programmi cinesi della Via della Seta per il Porto di Trieste, lo scalo ´┐Ż una grande questione italiana e la Silk Road ´┐Ż di rilevanza globale. Ho pi´┐Ż volte espresso riserve sulla Belt and Road iniziative, anche in sede istituzionale, perch´┐Ż il programma va oltre l'ambito della politica delle infrastrutture ed ´┐Ż una delle leve con cui la Repubblica Popolare ha pianificato una strategia di dominio intercontinentale. Non solo in economia.

La Cina vuole una rete terrestre e marittima per inoltrare le sue merci in Europa, Africa, Medio Oriente ed Oceania e portare energia a Pechino. E' anche il mezzo per allestire un'area intercontinentale di influenza economica tanto forte da imporre come riferimento gli standard tecnici della manifattura e dell'hitech cinese.

La recente definizione di "strategia imprenditoriale di dominio" di un'analista americana ´┐Ż appropriata e completa, la Belt and Road Initiative va infatti valutata insieme alla strategia Made in China 2025 con cui Pechino si pref´┐Żgge di diventare la principale potenza economica fondendo il modello tedesco di Industria 4.0 e quello americano dell'internet of Things.

La pianificazione globale del Partito Comunista cinese esprime la legittima ambizione di quel grande paese ma ci´┐Ż non significa che Europa e Stati Uniti non debbano proporre un'alternativa, anzi ´┐Ż richiesta, in primo luogo all'Unione europea, una risposta adeguata sia sul piano economico che politico sapendo che entrambi i versanti sono cruciali anche per il mantenimento dell'ordinamento liberale dell'Occidente.

Nell'aprile dello scorso anno 27 ambasciatori europei accreditati a Pechino, assente l'Ungheria, hanno sottoscritto una dichiarazione con la quale mettono in luce gli aspetti critici di quella politica cinese; a fine 2018 la Commissione UE ha varato un primo ma ancora insufficiente programma per dialogare con i paesi della Via della Seta sulla base di una alternativa europea. La politica cinese va considerata con equilibrio ma proprio per questo evitando sottovalutazioni. Donald Trump ha bandito la tecnologia della cinese Huawei dalla rete americana 5G per ragioni di sicurezza nazionale, Germania e Regno Unito si sono posti il medesimo problema su sollecitazione dei rispettivi Servizi e hanno chiuso il dossier autorizzando la corporation di Pechino a realizzare le loro reti superveloci con la tecnologia cinese ma sulla base di un impegno alla buona prassi.

Difficile dire se la richiesta di buona condotta sia una garanzia reale per la sicurezza nazionale oppure se Londra e Berlino temano per le relazioni commerciali con la Repubblica popolare. Anche i Servizi italiani sollecitano cautela, cosa far´┐Ż il nostro governo? L'Italia sar´┐Ż il primo paese occidentale a firmare un prtocollo d'intesa sulla Via della Seta in occasione della imminente visita di Xi Jinping a Roma? Le vigenti ragioni dello scambio commerciale tra Nord America/Europa e la Cina non sono pi´┐Ż plausibili perch´┐Ż da tempo Pechino non ´┐Ż pi´┐Ż un'economia sottosviluppata e oggi agisce con propositi di dominio globale; un recente rapporto bipartisan e colto del think tank americano Asia Society parla non a caso, in generale e anche a proposito di Silk Road, della necessit´┐Ż di cambiare la rotta delle relazioni sinoamericane e critica le azioni di Donald Trump sostenendo che il Presidente fa troppo poco e in modo troppo sbagliato.

La partita di Trieste va collocata in questo contesto globale.




 
15/11/2018

XENOFOBIA NON E' UN SINONIMO DI RAZZISMO (Messaggero Veneto)

Separare la paura dall'odio. Il vocabolo xenofobia (xenos, straniero e fobos, paura) ´┐Ż diventato di uso frequente nel discorso pubblico e viene quasi sempre associato a razzismo; nel senso comune prevalente xenofobia e razzismo sono parole cui viene attribuito un significato identico comportando lo stesso biasimo, la sinonimia ´┐Ż presente a volte persino in documenti di istituzioni nazionali e internazionali implicando la medesima sanzione politica. La motivata condanna del razzismo, perseguito peraltro dagli ordinamenti penali democratici, viene allora traslata sulla xenofobia proprio in virt´┐Ż di una equiparazione semantica infondata. Usare xenofobia come sinonimo di razzismo oppure odio per lo straniero non ´┐Ż solo un errore linguistico ma un grave danno politico perch´┐Ż non consente di cogliere il reale sentimento di molte persone confondendole con coloro che effettivamente odiano lo straniero o propugnano il razzismo.

Respingere l'odio per lo straniero non ´┐Ż sufficiente, ´┐Ż l'odio senza ulteriori definizioni che va contrastato; quanto alla xenofobia ´┐Ż bene ritornare alla sua etimologia che ci parla di paura e la condanna ´┐Ż il modo peggiore di fare i conti con la paura se non altro perch´┐Ż questa ´┐Ż solitamente ben nascosta nelle coscienze o pu´┐Ż sempre essere negata con successo. Non ´┐Ż un caso che diversamente dal razzismo nessun codice penale la sanzioni. Bisogna allora rapportarsi alla xenofobia perci´┐Ż che ´┐Ż, separandola sempre dal razzismo proprio per non contribuire a ingrossarne le fila e affrontando la paura con risposte razionali e convincenti che non possono limitarsi n´┐Ż all'etica n´┐Ż alla generica rassicurazione: questo compito spetta in primo luogo ai progressisti. La paura dello straniero nasce di primo acchito dalla differenza ma si aggiungono timori maggiori che richiedono risposte adeguate e concernono la possibilit´┐Ż che chi arriva peggiori la tua condizione economica o civile.

Delle due la seconda ´┐Ż quella che pone le questioni pi´┐Ż difficili perch´┐Ż in ultima istanza la differenza dello straniero pu´┐Ż mettere in discussione la democrazia sottoponendo a dura prova proprio i democratici xenofili che a questo punto sono chiamati a coniugare democrazia e xenofilia (favorevole atteggiamento verso lo straniero) oppure scegliere una delle due in caso di inconciliabilit´┐Ż.

Dico che la questione ultima ´┐Ż la democrazia perch´┐Ż pu´┐Ż accadere, accade, che lo straniero respinga l'idea della libert´┐Ż delle persone, della loro uguaglianza oppure l'unicit´┐Ż della giurisdizione ossia i fondamenti della democrazia. La paura che lo straniero suscita in questi casi non pu´┐Ż essere gabellata per pregiudizio e nemmeno essere motivo di rassicurazioni: rassicurare ´┐Ż un verbo sbagliato; quando si parla di democrazia il verbo dovuto ´┐Ż garantire con le conseguenze giuridiche del caso. L'incontro con lo straniero pu´┐Ż essere socialmente positivo solo se xenofobia viene distinta da razzismo e garantendo la democrazia con la forza della Repubblica.




 
15/11/2018

DAL PORTO AI PASSEGGERI, L'ADDIO ALLA TAV CONDANNA TRIESTE (Il Piccolo)

Appena qualche giorno fa una deputata grillina e una dell'opposizione hanno fatto a gara nel rivendicare la primogenitura della soppressione del progetto di nuova linea ferroviaria AVAC Venezia Trieste e Trieste Divača. La palma va a entrambe ma si tratta di capire se di merito si tratta. Prendendo come primo riferimento la crescita del Porto di Trieste, nella programmazione statale lo scalo e stato indicato, con Genova, come cardine della portualit´┐Ż nazionale nel contesto euromediterraneo. Scelta motivata: Trieste ´┐Ż gi´┐Ż il principale attracco italiano per tonnellaggio. La programmazione a medio termine della Port Authority prevede di passare dagli attuali 1,3 milioni di Teu (contenitori+RoRo) a 3,5 milioni; prospettiva realistica, cui si ´┐Ż aggiunta l'archiviazione del porto offshore di Venezia. Ma il positivo scenario triestino si misurer´┐Ż fra alcuni anni con una capacit´┐Ż ferroviaria insufficiente.

La rete attuale anche debitamente ammodernata non sar´┐Ż in grado di inoltrare 3,5 milioni di Teu, la scelta di cui le due deputate hanno rivendicato la primogenitura impedir´┐Ż di conseguire quell'obiettivo e Trieste si ritrover´┐Ż nella condizione di Genova che soffre la mancanza del terzo valico. L'upgrading tecnologico della rete ci offre qualche anno di capacit´┐Ż, ma il margine va sfruttato per organizzare oggi le condizioni per essere poro da 3,5 milioni di Teu domani. Aver abbandonato il progetto di una nuova linea Venezia Trieste Divača ´┐Ż anche problema di politica estera: l'Italia rinuncia alla leva trasportistica per esercitare la sua influenza economica e politica nell'area di Mitteleuropa e Asia Centrale. Il vuoto lasciato dall'Italia allorch´┐Ż rinuncia alla strategia del Corridoio Mediterraneo viene riempito da altri, a partire dalla Slovenia con Capodistria. Lo scalo sloveno ha giuste e motivate ambizioni ma mi pare discutibile che Trieste e l'Italia scelgano di lasciare a quell'attracco la quasi esclusiva delle relazioni col Centro Est Europa in virt´┐Ż di scelte ferroviarie sbagliate.

L'upgrading della Venezia Trieste Divača ´┐Ż essenziale ma insufficiente soprattutto se si considera che la strategia del porto sloveno ´┐Ż fondata sulla costruzione di una nuova infrastruttura ferroviaria sostenuta finanziariamente dalla Commissione Ue. Tempo fa ho chiesto a Violeta Bulc se non fosse necessario maggiore impegno per un adeguato collegamento ferroviario Italia Slovenia e la Commissaria mi ha risposto che l'Ue ritiene sufficiente l'ammodernamento della linea attuale. Le evidenze tecniche dicono il contrario. L'abbandono del progetto AVAC Venezia Trieste Divača condanna pure i passeggeri: Trieste e l'aeroporto non potranno avere collegamenti ferroviari veloci perch´┐Ż le frecce saranno costrette sugli stessi binarie negli stessi orari di pendolari e delle merci che viaggiano a velocit´┐Ż ridotte.




 
16/05/2018

SONEGO A ZAGABRIA IN RAPPRESENTANZA DEL PARLAMENTO ITALIANO

L´┐Żon. Lodovico Sonego e l´┐Żon. Francesco Scoma, rispettivamente Presidente e componente della Delegazione parlamentare italiana presso CEI-INCE, hanno partecipato alla riunione delle commissioni dell´┐ŻAssemblea parlamentare CEI-INCE svoltasi a Zagabria il 14 e il 15 maggio. Il vertice era focalizzato sulle politiche turistiche nazionali e comunitarie come fattore di sviluppo ed integrazione.

L´┐Żincontro nella capitale croata ´┐Ż servito a rinnovare anche la presidenza delle commissioni Affari politici, Affari economici, Affari culturali che sono state attribuite rispettivamente a Bulgaria, Polonia ed Ungheria. Nel precedente mandato le presidenze erano rispettivamente Italia, Slovenia, Italia.

Il prossimo appuntamento plenario sar´┐Ż l´┐ŻAssemblea generale a fine novembre, le commissioni si riuniranno nei paesi delle rispettive presidenze entro il mese di novembre.




 
23/02/2018

INTERROGAZIONE DI SONEGO SUI LAVORATORI DELLE DIGHE EDISON

I lavoratori e i sindaci delle dighe Edison denunciano ´┐ŻPrigionieri di Edison´┐Ż Interrogazione del senatore Sonego
La vertenza: scoppia il caso. Nuovi orari, 15 euro lordi a notte e due giorni senza tornare a casa.

I lavoratori delle dighe gestite da Edison SpA denunciano di essere ´┐Żprigionieri dei turni di lavoro´┐Ż: otto ore di vigilanza alla diga, altre sedici di reperibilit´┐Ż obbligatoria sul posto di lavoro e poi ancora altre otto ore per la manutenzione dell´┐Żimpiantistica. Il turno complessivo ´┐Ż di trentadue ore filate senza avere la possibilit´┐Ż di rientrare a casa presso le loro famiglie. Se il collega di squadra si ammala o ´┐Ż assente il turno si allunga di 56 ore perch´┐Ż non viene sostituito. Sono i nuovi orari in vigore da quest´┐Żanno i cui lavoratori hanno l´┐Żobbligo di sottostare i 9 lavoratori dell´┐ŻEdison controllate dal gruppo francese EDF che gestisce le dighe della Valtramontina a Ca´┐Ż Selva, Ca´┐Ż Zul e Ponte Racli, gli invasi vengono controllati dai nove dipendenti al posto dei 15 precedenti h24 per 365 giorni all´┐Żanno.

I lavoratori pur essendosi opposti all´┐Żordine di servizio svolgono responsabilmente il loro lavoro anche se gli sconvolge la vita: una vita passata a fare la guardia alla diga. Per questo motivo la loro protesta si ´┐Ż trasformata in vertenza, ma l ´┐Żaccordo sindacale ´┐Ż fallito perch´┐Ż i guardiani della diga si sono opposti anche al sindacato e si sono appoggiati a i sindaci della Vallata e dal senatore di Leu Lodovico Sonego ´┐Żdal 2015 alla fine del 2017- il senatore ha ricostruito la vicenda in un incontro con sindaci e lavoratori - Edison ha ridotto il numero di addetti per squadra, da 5 prima a 4 poi e poi a 3. Il numero ridotto di personale ha portato a questi orari che, per garantire il presidio continuo degli sbarramenti, comportano condizioni di lavoro che compromettono la garanzia psico-fisica degli operatori con il rischio della sicurezza per il territorio, vista la delicatezza e l´┐Żimportanza del tipo di servizio cui gli addetti alla guardia sono chiamati´┐Ż.

La turnistica ha avuto il via libera dal ministero delle infrastrutture che ha competenze di vigilanza delle dighe nazionali. Sonego ha presentato pertanto una doppia interrogazione, con richiesta di revoca dell´┐Żorario, ai ministeri delle infrastrutture e del Lavoro, oltre che a trasmettere il dossier alle sedi dell´┐ŻInps, dell´┐ŻInail, dell´┐ŻIspettorato del lavoro e dell´┐ŻAzienda Sanitaria. Il Senatore sottolinea che ´┐Żla ristrutturazione oraria ´┐Ż stata voluta da Edison per risparmiare sul costo di lavoro e quindi per il profitto. Le stesse ragioni e la logica del profitto-evocando la vicenda del Vajont di 50 anni fa- in nome della quale si erano ridotte le risorse umane sulla sicurezza degli impianti e della popolazione di questo territorio gi´┐Ż duramente colpito dalla tragedia´┐Ż.

Gli operai ´┐Żnon dormono pi´┐Ż, guadagnando 15 euro lorde a notte ed Edison ha saputo solo proporre loro il contratto di Sky per guardare la Tv´┐Ż, dichiarano i guardiani.




 
22/02/2018

INCONTRO CON I LAVORATORI DELLE DIGHE EDISON

oggi gioved´┐Ż 22 febbraio ore 11.00 ci sar´┐Ż un incontro con la stampa sul tema della sicurezza e delle condizioni di lavoro nelle dighe Edison della provincia di Pordenone: Ca´┐Ż Zul, Ca´┐Ż Selva e e Ponte Racli.

Saranno illustrate le varie iniziative istituzionali messe in atto sulla materia.

L´┐Żincontro avverr´┐Ż nella sala giunta al primo piano della sede della Regione in via Ospedale Vecchio a Pordenone.

Parteciperanno all´┐Żincontro una rappresentanza dei lavoratori e dei sindaci del territorio.

Gli organi di informazione sono invitati.




 
10/08/2017

SONEGO SUI RISULTATI GESTIONALI DELL'AEROPORTO DI RONCHI

Penne di pavone per i risultati dell´┐Żaeroporto di Ronchi dei Legionari? I risultati gestionali li apprezzeremo in maniera realistica leggendo i bilanci con la consueta acribia. Poi ne parliamo.

Per intanto rammento ai trionfalisti della Regione e del management che lo scalo continua ad essere imbottito di soldi pubblici come nessun aeroporto del Nord Italia e come fanno solo in Meridione.

Rammento che solo qualche settimana fa la Regione ha dato cinque milioni alla Societ´┐Ż come aumento di capitale con la legge di assestamento.

C´┐Ż´┐Ż un aeroporto del Nord che riceva dalla Regione cinque milioni per ogni ottocentomila passeggeri?

Rammento anche che nessun aeroporto del Nord si fa realizzare le infrastrutture antistanti l´┐Żaerostazione a spese della Regione. Ronchi Si. E sono decine di milioni.

Suggerisco alla Regione e alla Societ´┐Ż di Ronchi una rappresentazione pi´┐Ż adeguata dei fatti.

Ah, dimenticavo. Sto ancora attendendo la querela che il management dello scalo mi aveva preannunciato a mezzo stampa per il paper sulla gestione aeroportuale che ho pubblicato qualche mese fa.




 
24/04/2017

IL SENATORE SONEGO INCONTRA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ON. SERGIO MATTARELLA

Il Presidente della Repubblica on. Sergio Mattarella ha ricevuto il senatore Lodovico Sonego e L'on. Tamara Bla´┐Żina che erano latori di una lettera congiunta in materia di eleggibilit´┐Ż al Parlamento di un esponente della minoranza nazionale slovena in Italia.

Il Presidente della Delegazione Italiana presso l'Assemblea parlamentare CEI-INCE e l'esponente della Minoranza Nazionale Slovena hanno scritto al Capo dello Stato manifestando la preoccupazione che nel corso delle prossime discussioni sulla riforma della vigente legislazione in materia di elezione di Camera dei Deputati e Senato della Repubblica possa accadere che venga trascurata, nonostante le proposte avanzate, la necessit´┐Ż di consentire la possibilit´┐Ż di eleggere in Parlamento un esponente della minoranza nazionale slovena....

leggi tutto [ link ]




 
13/04/2017

BALLOTTAGGIO ALLE REGIONALI? SI DEVE EVITARE (Messaggero Veneto)

Perch´┐Ż cambiare la legge elettorale della Regione?

E' una domanda molto banale ma la risposta, che va indirizzata ai cittadini elettori che usano quelle regole per decidere come essere governati, dev'essere convincente e trasparente.

La legge elettorale, proprio perch´┐Ż serve ai cittadini, non pu´┐Ż che nascere da un dibattito con le caratteristiche che ho rammentato...

leggi tutto [ link ]




 
13/04/2017

SI PUO' DISSENTIRE, NON TAPPARE LA BOCCA (il Gazzettino)

Il sindaco Ciriani organizza marce perch´┐Ż non ´┐Ż capace di fare cose.

Ha vinto promettendo una Pordenone senza immigrati ma si vede benissimo che ora non sa che pesci pigliare.

Gli suggerisco un profilo umile e di collaborazione con la Prefettura; il problema ´┐Ż enorme, drammatico e non si risolve n´┐Ż con con un voil´┐Ż n´┐Ż con un corteo.

La Destra di Ciriani si esprima con l'azione di governo e non con la propaganda, se il sindaco continua cos´┐Ż dichiarer´┐Ż il suo fallimento proprio sul piano del governo....

leggi tutto [ link ]




 
06/04/2017

MIGRANTI: SONEGO (MDP), ENTRARE IN EUROPA NON E' UN DIRITTO (ANSA)

"Entrare in Europa non ´┐Ż un diritto. E' un privilegio che si pu´┐Ż accordare, entro limiti quantitativi, solo a chi sia disponibile a condividere esplicitamente l'avventura del modello europeo a cominciare dalla democrazia".

Lo afferma oggi il sen. Lodovico SONEGO (Mdp), commentando la manifestazione organizzata ieri a Pordenone dalle per i diritti degli immigrati. "La risposta da dare alla stragrande maggioranza dei casi di immigrazione - prosegue SONEGO - ´┐Ż il rimpatrio nei paesi di origine, a cominciare ovviamente dai pachistani. Invito le autorit´┐Ż a non prestare ascolto a Rete Solidale e Associazione Immigrati, la Prefettura ha fatto molto bene a non ricevere i manifestanti. Va detto infine che ci sono persone, associazioni, cooperative, aziende che si dedicano agli immigrati non per solidariet´┐Ż ma perch´┐Ż la gestione degli immigrati ´┐Ż un motivo di tornaconto economico. Il lucro ´┐Ż consistente in particolare nel caso dei minori non accompagnati e su questa cosa si tratter´┐Ż di vigilare e riflettere.

Le migrazioni sono un fenomeno internazionale che va contrastato, anche con iniziative internazionali appunto, ma bisogna mettere anche fine alla strumentalizzazione dei migranti - conclude - fatta per tornaconto economico da nostri connazionali".




 
29/03/2017

SONEGO SUL DECRETO MINNITI IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE

Ho votato la fiducia al Governo Gentiloni per approvare il Decreto Minniti in materia di immigrazione.

Il provvedimento fa un consistente passo in avanti per governare il fenomeno migratorio e in particolare per il respingimento dei migranti che sulla base della legislazione italiana non possono rimanere nel nostro paese.




 
29/03/2017

DUE INTERROGAZIONI DI SONEGO SULLA SCUOLA

Due interrogazioni depositate dal senatore Lodovico Sonego per chiedere al Ministro dell´┐ŻIstruzione, dell´┐ŻUniversita e della Ricerca Valeria Fedeli quali iniziative intenda adottare per affrontare due questioni rilevanti:

a) l´┐Żassenza di un dirigente per governare la Direzione regionale dell´┐ŻIstruzione;

b) le gravi problematiche connesse alla reale possibilit´┐Ż di attuare i programmi di scambio scuola lavoro per gli studenti della secondaria superiore previsti dalla legge cosiddetta della ´┐ŻBuona scuola´┐Ż.

Sul primo aspetto il senatore sollecita l´┐Żamministrazione centrale a coprire con la massima tempestivit´┐Ż il posto vacante di direttore regionale dell´┐Żistruzione che ´┐Ż una funzione esiziale per il buon funzionamento dell´┐Żintero sistema regionale. Con l´┐Żoccasione Sonego sollecita anche il rafforzamento dell´┐Żorganico dell´┐Żex provveditorato agli studi di Pordenone che causa insufficienza di risorse umane non riesce a fronteggiare l´┐Żordinaria amministrazione come la ricostruzione delle carriere o i pensionamenti.

Sul secondo Sonego rammenta che anche in una provincia a forte vocazione industriale come Pordenone lo sforzo di collocare gli studenti in stage di formazione scuola-lavoro si scontra con difficolt´┐Ż oggettive.

C´┐Że un carico di impegno davvero rilevante che grava sulle scuole e lo stesso dicasi sui datori di lavoro. L´┐Żutile misura dell´┐Żinserimento nei luoghi di lavoro sar´┐Ż pi´┐Ż efficace se il Ministero sapr´┐Ż ripensare aspetti organizzativi e dimensionali del programma.




 
28/03/2017

FUNZIONA LA LEGGE SONEGO PER FINEST SPA

La legge Sonego che ha ampliato l´┐Żoperativita´┐Ż di Finest SpA a tutti i paesi del Mediterraneo funziona in modo spedito.

Tra i paesi mediterranei c´┐Że anche la Francia il che significa che Finest SpA pu´┐Ż aiutare anche l´┐Żinternazionalizzazione di un´┐Żimpresa del Nordest che vuole stabilirsi a Calais.

Dopo un solo biennio dalle nuove attribuzioni il portafoglio delle partecipazioni della finanziaria controllata dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giul´┐Ża e dallo Stato ´┐Ż costituito per il 7% dai nuovi interventi mediterranei.

Se si considera anche il dato degli interventi recentemente deliberati ma non ancora attuati il valore sale all´┐Ż11%. Dunque le regole della legge Sonego stanno consentendo alla societ´┐Ż un tiraggio che prima non c´┐Żera.

incontro in Regione con Maria Rashidi

Sono dati emersi nel corso di un incontro tra il senatore pordenonese con il management della societ´┐Ż rappresentato dal Presidente Mauro Del Savio e dal Direttore Eros Goi.

Nel corso dell´┐Żincontro gli esponenti aziendali hanno anche sottolineato il grande sforzo compiuto in un biennio per ridurre il modo sensibile i costi di gestione e per rilanciare con successo la strategia degli investimenti a sostegno dell´┐Żinternazionalizzazione delle imprese del Nordest.




 
26/02/2017

SONEGO. LASCIO IL PD E CI TORNO APPENA FINITA LA CULTURA E LA POLITICA DEL RENZISMO

Sono uno dei fondatori del Pd e voglio che il partito appartenga ai suoi iscritti e ai suoi elettori. Renzi ´┐Ż stato eletto segretario con fascisti e leghisti in coda per votarlo. Lavorer´┐Ż per un Centrosinistra ampio che nel 2018 vinca in Italia e in Friuli Venezia Giulia.

leggi l'intervista del Messaggero Veneto del 26.02.2017 [ link ]




 
22/02/2017

SONEGO RICEVE L'AMBASCIATRICE DI LITUANIA

Il senatore Lodovico Sonego, presidente della Delegazione Parlamentare Italiana presso l´┐ŻIniziativa Centro Europea, ha ricevuto oggi a Palazzo Madama l´┐Żambasciatrice in Italia della Repubblica di Lituania Jolanda Balciuniene.

Al centro del colloquio le relazioni tra i due paesi con particolare riferimento al rafforzamento delle relazioni economiche con l´┐Żarea baltica.

Centrale anche la prospettiva di una pi´┐Ż stretta collaborazione della Lituania con l´┐ŻAssemblea parlamentare dell´┐ŻINCE che torner´┐Ż a riunirsi gi´┐Ż nel corso della primavera a Minsk con la presidenza di turno Bielorussa. L´┐Żambasciatrice ha molto apprezzato l´┐Żipotesi della collaborazione con INCE.




 
19/01/2017

SONEGO SUL CONTRATTO DI PROGRAMMA MANUTENZIONI DI RFI

Il Contratto di Programma MIT-RFI 2016-2021 per la parte manutenzione (ordinaria e straordinaria) ´┐Ż un documento positivo che merita l'approvazione del Senato. Ministero e Azienda di Stato hanno fatto un buon lavoro.

Lo dichiara il Senatore Lodovico Sonego al termine dell'audizione dell'amministratore delegato della societa' Maurizio Gentile.

Quanto al Contratto di Programma sezione investimenti Sonego apprezza la prosecuzione dell'impegno per la modernizzazione infrastrutturale di tutta la penisola.

Pi´┐Ż specificamente il senatore del Pd giudica positivamente l'attivita' di RFI per il completamento della linea AV/AC del Corridoio Mediterraneo tra Brescia e Padova.

Negativo invece che la societ´┐Ż abbia sottoscritto con la Regione Friuli Venezia Giul´┐Ża una intesa che anche formalmente accantona la prosecuzione del Mediterraneo da Venezia a Trieste e Lubiana con una nuova linea AV/AC per ripiegare, invece, su una illusoria azione di upgrading della linea storica. Non si tratta solo di un errore infrastrutturale ma anche di politica estera.

Sonego ha anche sollecitato RFI ad affrontare subito il nodo della connessione in alta velocit´┐Ż degli aeroporti di Fiumicino e Venezia. Il collegamento con Fiumicino ´┐Ż oltretutto rilevante per migliorare le performance di Alitalia.





 
11/01/2017

SONEGO. SODDISFAZIONE PER IL SUCCESSO DEL GRUPPO FSI NEL REGNO UNITO

Grande soddisfazione per l'acquisizione di National Express Essex Thameside (UK) da parte del gruppo Ferrovie dello Stato.

Lo afferma il senatore Lodovico Sonego che rammenta come si sia sempre pronunciato in favore di dell'internazionalizzazione dell'azienda ferroviaria di Stato.

L'acquisizione britannica, prosegue Sonego, si colloca nel solco di un processo di crescita del Gruppo FSI che non pu´┐Ż che avvenire nell'ambito dell'internazionalizzazione. Ora aggiungo i migliori auguri all'azienda italiana per la gara del servizio Londra Edimburgo.

Nel mercato italiano, come sostengo da sempre, ´┐Ż bene che i servizi ferroviari vengano messi a gara nel modo pi´┐Ż esteso; cos´┐Ż come FSI sfrutta le opportunit´┐Ż del mercato aperto britannico ´┐Ż necessario che anche quello italiano metta a gara i servizi.

Si tratta di una opzione essenziale per modernizzare il sistema paese a cominciare dal trasporto ferroviario.





  28/11/2016

SONEGO. CEI-INCE, MISSIONI a MINSK E SARAJEVO

Due missioni internazionali del senatore Lodovico Sonego in veste di presidente della Delegazione parlamentare italiana presso CEI-INCE.

MINSK. La prima ´┐Ż stata la visita a Minsk incontrando le autorit´┐Ż della Bielorussia cui nel 2017 toccher´┐Ż la presidenza di turno di CEI-INCE.

La presenza di Sonego nella capitale bielorussa ha voluto rimarcare l'importanza che l'Italia assegna alla funzione di quel paese in ambito CEI-INCE soprattutto considerando che la Delegazione italiana ritiene necessario rafforzare l'attivit´┐Ż dell'Istituzione, che raggruppa diciotto stati membri dai Balcani al Baltico, nel quadrante Nord Orientale della sua constituency.

Il senatore Sonego ha dapprima incontrato gli esponenti della Camera alta rappresentata dagli onorevoli Starovoitova, Milovanov, Shitkovskaya.

leggi tutto [ link ]




  26/10/2016

IL PIANO INDUSTRIALE DEL GRUPPO FSI E' SOLO UN ANNUNCIO MEDIATICO

Il piano industriale del Gruppo FSI ´┐Ż solo un annuncio mediatico ma in realt´┐Ż non esiste. A distanza di settimane dall'annuncio dell'ing. Mazzoncini il piano, richiesto dalla Commissione trasporti del Senato e da singoli senatori, non ´┐Ż mai stato inoltrato.

L'unica spiegazione razionale ´┐Ż che il piano non esiste o che ci´┐Ż che ´┐Ż stato annunciato sono solo titoli di un elaborato ancora senza contenuti.




  25/10/2016

VANNINO CHITI E LODOVICO SONEGO: LE RAGIONI DEL SI

VENERD´┐Ż 4 NOVEMBRE - ORE 20.30 - SALA TERESINA DEGAN - BIBLIOTECA CIVICA - PORDENONE

Comitato 25 aprile per il S´┐Ż

con: Sen. Vannino Chiti e Sen. Lodovico Sonego

presiede: Patrizia Del Col Segretaria Circolo Pd di Sacile

Il senatore Chiti parler´┐Ż della riforma costituzionale e del voto di domenica 4 dicembre ma anche del cosiddetto lodo Chiti, ossia di come cambiare subito la legge elettorale Italicum e del perch´┐Ż ´┐Ż necessario approvare presto la legge ordinaria per la elezione dei senatori regionali.

Il senatore Sonego parler´┐Ż di come la riforma costituzionale interviene sullo status delle regioni a statuto speciale come il Friuli Venezia Giulia.

il volantino [ link ]




  20/10/2016

TUTTO A GARA. CORRETTIVI PER I SERVIZI LOCALI DI INTERESSE GENERALE

Il principio ´┐Ż che tutto va messo a gara. La Commissione trasporti del Senato esprime parere favorevole all'Atto Governo 308, Schema di decreto legislativo in materia di servizi pubblici locali di interesse generale, ma chiede al Consiglio dei Ministri correttivi rilevanti.

Fra essi la soppressione dei commi 11 e 12 dell'articolo 22. Il comma 12 consente l'affidamento diretto e senza gara dei servizi ferroviari.

La Commissione chiede anche una riscrittura radicale dell'articolo 33 il quale nella versione del Governo prevede che una concessionaria che passi di propriet´┐Ż per fusione o acquisizione avvenuta mediante gara possa poi ottenere la proroga della concessione senza procedure competitive e sulla base del puro arbitrio. Procedura quanto mai opaca.

La Commissione chiede al Governo modifiche radicali dell'articolo 33. Nel caso il concessionario oggetto di acquisizione coincida con il concedente si chiede che la disponibilit´┐Ż alla proroga della concessione, anche nei suoi termini precisi e comunque per non oltre 24 mesi, venga inclusa nel bando di cessione del concessionario.

Nel caso il concedente e il concessionario non coincidano la Commissione chiede che la proroga della concessione venga esclusa.

Ora la parola ´┐Ż al Governo.




  20/09/2016

SONEGO IN VISITA NELLE REPUBBLICHE BALTICHE

Il senatore Lodovico Sonego, nella veste di presidente della Delegazione parlamentare italiana presso la Central Europea Initiative, ha compiuto nella seconda met´┐Ż di agosto e nella prima di settembre visite ufficiali in Estonia, Lettonia e Lituania in rappresentanza del Parlamento italiano.

Nelle tre capitali il senatore ha incontrato i rappresentanti dei rispettivi parlamenti nonch´┐Ż esponenti dei governi approfondendo ipotesi di collaborazione tra CEI e ciascuna delle repubbliche baltiche.

L'interesse per l'area baltica nasce dalla consapevolezza che quella regione ha antichissimi rapporti economici con quella adriatica, relazioni testimoniate oggigiorno dal numero dei mezzi pesanti con targa baltica che circolano sulle nostre autostrade.

Il parlamentare ha sollecitato una pi´┐Ż stretta relazione tra le repubbliche baltiche e CEI anche allo scopo di una condivisione di strategie di grande rilievo e di comune interesse a cominciare da quella delle infrastrutture e dei trasporti.

Al ritorno a Roma il presidente della Delegazione italiana ha formalizzato ai parlamenti e ai governi di Tallin, Riga e Vilnius la proposta di una pi´┐Ż stretta collaborazione con CEI.




 
28/07/2016

AGENZIA PER LA SICUREZZA FERROVIARIA COMPETENTE SU TUTTE LE RETI ED IMPRESE

Le reti ferroviarie locali e regionali isolate adibite al trasporto passeggeri e le imprese ferroviarie che esercitano unicamente servizi di trasporto urbano, extraurbano o regionale su tali reti saranno assoggettate alla regolazione e al controllo dell'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie.

Diversamente da quanto accade ora ed esattamente come accade invece gi´┐Ż per la rete ferroviaria nazionale.

Le reti e le imprese ferroviarie che saranno sottoposte all'Agenzia Nazionale avranno tempo dodici mesi per adeguarsi alla nuova regolamentazione.

Questo il contenuto di un disegno di legge presentato dai senatori Sonego, Lai, Margiotta, Tomaselli del Partito Democratico.





 
13/07/2016

SUBITO UN DECRETO LEGGE SULLA SICUREZZA FERROVIARIA

Sonego e Tomaselli. Subito un decreto legge e poi la propriet´┐Ż statale della rete ex concesse

Subito un decreto legge per estendere le regole di sicurezza ferroviaria della rete nazionale e i controlli dell'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria alla rete delle ferrovie ex concesse.

L'Italia ´┐Ż un paese ad alta sicurezza ferroviaria, cosa di cui essere orgogliosi e che ´┐Ż il frutto di professionalit´┐Ż nella gestione e di molti lungimiranti investimenti che troppo spesso sono stati criticati con superficialit´┐Ż.

La rete delle ex concesse, con una estesa non trascurabile e prevalentemente a binario unico, fa per´┐Ż eccezione. Bisogna immediatamente estendere alle ex concesse le regole che valgono per la rete nazionale.

Dopo l'urgente decreto legge si tratter´┐Ż di avviare anche una riforma pi´┐Ż strutturale. Solo la propriet´┐Ż statale delle reti ferroviarie ´┐Ż in grado di garantire i requisiti di sicurezza ed efficienza che tutti ci aspettiamo.

E' del resto la scelta che solo qualche giorno fa avevamo motivatamente indicato per la rete ferroviaria di un'altra ex concessa pugliese. Le reti ex concesse vanno conferite al pi´┐Ż presto nella rete nazionale di RFI.





 
11/05/2016

SONEGO SULLE NUOVE NORME PER LA MARINERIA ITALIANA

Molto bene la delega al governo per riformare il regime tributario e contributivo della marineria italiana che ´┐Ż stata inclusa nella legge comunitaria licenziata dal Senato.

E' bene che il governo la utilizzi in primo luogo per innalzare dal 50 all'80% il margine di forfettizzazione della Tonnage Tax di modo tale da equiparare la regolazione italiana a quella media europea, Malta raggiunge il 100%.

Negativo invece che si stabilisca l'esclusione da ogni beneficio tributario e contributivo per le compagnie di shipping che non rispettino il criterio dell'esclusivo impiego di personale italiano o comunitario.

Si tratta di una normazione discriminatoria e di dubbia legittimit´┐Ż sia dal punto di vista del diritto interno che comunitario.

Traslata sulla FIAT la nuova disciplina implicherebbe che il grande gruppo metalmeccanico perderebbe ogni agevolazione tributaria e contributiva se tra i suoi dipendenti ci fosse una persona di cittadinanza canadese.




 
27/04/2016

SONEGO ALLA RIUNIONE DEI PRESIDENTI IN RAPPRESENTANZA DEL PRESIDENTE PIETRO GRASSO

In Bosnia Erzegovina circola ancora un enorme quantitativo di armi, quelle del conflitto degli anni novanta non sono state consegnate; serve un programma sostenuto dalla comunit´┐Ż internazionale, a cominciare dall'Unione europea, che ne incentivi la consegna e la distruzione.

La proposta ´┐Ż del senatore Lodovico Sonego che da presidente della Delegazione parlamentare italiana presso INCE-CEI si occupa attivamente di Balcani e Centro Est Europa.

Nell'ultimo mese Sonego ha incontrato a Sarajevo esponenti del governo, del parlamento, delle principali istituzioni internazionali presenti in loco e nel fine settimana a Spalato, in rappresentanza del Presidente del Senato Pietro Grasso, ha partecipato con la presidente Laura Boldrini alla conferenza dei presidenti di parlamento dell'area Ionico-Adriatica.


leggi tutto [ link ]





 
18/04/2016

SONEGO IN MERITO ALL'AEROPORTO DI RONCHI DEI LEGIONARI (TS)

L'unica riforma possibile ´┐Ż venderlo partendo dal fatto che la Aeroporto Friuli Venezia Giulia SpA, socio unico la Regione, sopravvive fabbricando perdite. I dati di bilancio sono impietosi e chiamano alla responsabilit´┐Ż.

La differenza tra l'aeroporto di Venezia e quello di Ronchi ´┐Ż che il primo ´┐Ż privato, non costa un centesimo al contribuente e fa una barca di investimenti che si paga da s´┐Ż pur distribuendo utili.

Il secondo ´┐Ż totalmente pubblico, ´┐Ż una fabbrica di perdite nonostante goda di ricapitalizzazioni e sussidi regionali e non ´┐Ż in grado di pagarsi nemmeno un centesimo di investimenti, quindi non ha futuro.

Bisogna sapere che le risorse regionali bruciate inutilmente dall'aeroporto sono sottratte alla sanit´┐Ż o all'occupazione. E i collegamenti aerei sono scadenti. Non ´┐Ż pi´┐Ż accettabile.

L'aeroporto ´┐Ż sempre stato gestito da una societ´┐Ż pubblica controllata al 51% da un consorzio di enti locali con la Regione al 49% che doveva limitarsi a dare sussidi e pagare gli investimenti.

Quando, a suo tempo, ho dato l'indicazione di avviare le procedure prescritte per vendere la societ´┐Ż integrando l'aeroporto in un network aeroportuale che consentisse al Savorgnan Di Brazz´┐Ż di stare in piedi e dare un servizio accettabile il Consorzio si ´┐Ż sempre opposto invocando pretesti.

Per vendere si sarebbe dovuto aspettare la concessione quarantennale, che qualche anno fa ´┐Ż poi arrivata, oppure bisognava aspettare il piano industriale, o il risanamento dell'azienda che come si pu´┐Ż ben capire ´┐Ż pretesto pi´┐Ż sicuro per non vendere mai. Era la fiaba di Sior Intento.

Da qualche anno il tappo del controllo del 51% del Consorzio non c'´┐Ż pi´┐Ż e l'aeroporto ´┐Ż 100% Regione, quindi non ci sono pi´┐Ż scuse. ´┐Ż tempo di avviare le procedure per cedere la societ´┐Ż a chi ´┐Ż in grado di inserire lo scalo regionale in un network trasportistico di rilievo nazionale ed internazionale.

L'attuale societ´┐Ż concessionaria ritiene necessari investimenti per diciotto milioni di euro, 7.5 nel 2016, ma non ´┐Ż in grado di pagare neppure un debito molto pi´┐Ż piccolo.

E' giunto il momento di cessare di risquotere dai cittadini e dalle imprese del Friuli Venezia Giulia la tassa occulta che viene imposta da molti anni per tenere in piedi una fabbrica di perdite.

leggi anche [ link ]





 
11/04/2016

SONEGO. DOMENICA 17 APRILE ANDRO' A VOTARE NO

Dare l'indicazione di disertare le urne e' sempre un errore, anche quando si tratta di un referendum sbagliato e in larga parte propagandistico come quello sui pozzi petroliferi.

Sono favorevole a che i pozzi gi´┐Ż operativi possano operare anche oltre il termine della concessione quando in quella data ci sia ancora del minerale da estrarre.

Informazioni tecniche sul referendum sulle trivelle [ link ]





 
06/04/2016

SONEGO. INTEGRAZIONI DELL'AEROPORTO DI RONCHI CON QUELLO DI VENEZIA

Non ´┐Ż bene, neanche un po'. E' negativo che SAVE dichiari che l'integrazione con Ronchi non le interessa pi´┐Ż perch´┐Ż, evidentemente, a Venezia si sono stufati di farsi raccontare la storia di Sior Intento.

Da sempre penso che in materia di trasporto aereo il futuro di Trieste sta a Venezia e mi sono sempre comportato di conseguenza nelle indicazioni strategiche alla societ´┐Ż aeroportuale che, invece, ha sempre remato contro lucrando sul fatto che la partecipazione azionaria della Regione si fermava purtroppo al 49%.

Oggi per fortuna la Regione FVG controlla la societ´┐Ż di Ronchi e quindi si pu´┐Ż decidere l'integrazione mettendo fine ai facili pretesti che da molti anni vengono invocati per negare o dilazionare sine die l'integrazione.

Venezia e' uno dei tre hub intercontinentali italiani insieme a Malpensa e Fiumicino, le potenzialit´┐Ż dell'integrazione Venezia-Trieste-Treviso-Verona sono molto alte a cominciare dal fatto che il Marco Polo avr´┐Ż presto l'accesso diretto alla ferrovia Venezia Trieste che gi´┐Ż passa accanto al Pietro Savognan Di Brazza' lungo la linea del Corridoio Mediterraneo.

Si tratta di scegliere se Ronchi deve continuare ad avere una vita asfittica con pochi voli e l'eterna necessit´┐Ż di essere sussidiato in varia forma oppure se in una logica di mercato e di integrazioneon Venezia lo scalo potr´┐Ż essere il volano dell'economia e del turismo regionale.




 
05/04/2016

CONVEGNO SUL DDL DEL "DOPO DI NOI". SONEGO: NECESSARIA ANCHE UNA LEGGE REGIONALE

Il disegno di legge 2232 sul Dopo di Noi, approvato dalla Camera e ora all´┐Żesame del Senato che lo dovr´┐Ż auspicabilmente migliorare, costituisce un positivo fatto nuovo per un grande numero di persone disabili e le loro famiglie.

Per la prima volta lo Stato si sta organizzando, anche con risorse economiche, per programmare il Dopo di Noi sulla base di politiche che valorizzino la presa in carico della persona disabile e scommettendo sull´┐Żautonomia possibile.

E´┐Ż la riflessione iniziale proposta dal senatore Lodovico Sonego nel corso del convegno svoltosi ieri a Pordenone e dedicato al Dopo di Noi; vi ha preso parte una folta platea che ha seguito con attenzione anche gli interventi di Vincenzo Zoccano presidente della consulta regionale dei disabili, Francesco Simoncini notaio e presidente del collegio notarile di Pordenone nonch´┐Ż Roberto Orlich coordinatore del settore socio sanitario dell´┐ŻAAS5 del Friuli Occidentale.

Zoccano ha insistito sulla necessit´┐Ż di non discriminare tra disabilit´┐Ż diverse e richiamato l´┐Żimpegno della Consulta regionale, Simoncini ha informato sulla natura degli istituti giuridici utilizzabili per il Dopo di Noi fra cui il trust, Orlich ha enfatizzato l´┐Żesigenza della valorizzazione dell´┐Żautonomia possibile delle persone con disabilit´┐Ż e per questo scopo la necessit´┐Ż di un´┐Żazione organica e multi settoriale.

Sonego ha infine proposto che accanto alla nascente legge dello Stato ci sia presto anche una legge regionale sul Dopo di Noi. Un provvedimento che complementi le misure statali e che anche in questo caso faccia del Friuli Venezia Giulia un caso pilota nazionale.




 
27/03/2016

SONEGO: DUE GIORNI DI INTENSI COLLOQUI CON I VERTICI DELLA BOSNIA ERZEGOVINA

Sicurezza, migrazioni, sviluppo economico e adesione alla NATO al centro di due giorni di colloqui in Bosnia Erzegovina con ministri, parlamentari ed esponenti di organismi internazionali.

Il senatore Lodovico Sonego, presidente della delegazione parlamentare italiana presso INCE-CEI, ha compiuto una visita di due giorni in Bosnia Erzegovina con colloqui che hanno coinvolto tutte istituzioni della Repubblica balcanica e i vertici delle pi´┐Ż significative istituzioni internazionali presenti in loco. La delegazione italiana era rappresentata anche dal senatore Francesco Scoma. La visita ´┐Ż stata organizzata con successo dalla rappresentanza italiana a Sarajevo guidata dall'ambasciatore Ruggero Corrias.

La visita a Sarajevo ´┐Ż stata motivata dal fatto che la repubblica balcanica detiene la presidenza di turno dell'INCE ma anche dalla particolare temperie internazionale che assegna a quello stato un ruolo di grande rilievo in materia di migrazioni e di sicurezza.

Il presidente Sonego ha dapprima incontrato una delegazione di parlamentari in rappresentanza della Camera dei Rappresentanti e della Camera dei Popoli guidate dai presidenti Safet Softić e Bari´┐Ża Čolak . Successivamente ha incontrato gli esponenti della delegazione parlamentare bosniaca presso INCE-CEI guidati da Monika Tomić.

leggi tutto [ link ]





 
21/03/2016

LA LEGGE SUL DOPO DI NOI

Atto Senato 2232
Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilit´┐Ż grave e prive del sostegno famigliare

Luned´┐Ż 4 aprile ore 17:30
Pordenone, Piazza della Mota - Sala convegni dell´┐Żex convento di san Francesco
Intervengono:
  • Lodovico Sonego senatore
  • Francesco Simoncini notaio
  • Vincenzo Zoccano presidente della Consulta regionale dei disabili FVG
  • Roberto Orlich coord. dei servizi socio sanitari dell´┐ŻAzienda AS n.5
La Camera dei Deputati ha approvato il disegno di legge 2232 in prima lettura il 4 febbraio, ora il provvedimento ´┐Ż all´┐Żesame del Senato. Si tratta di una legge importante per il futuro di tantissime famiglie italiane e merita pertanto un adeguato approfondimento prima che venga licenziato anche dal secondo ramo del Parlamento. La discussione fuori dalla sede istituzionale ´┐Ż importante per offrire ulteriori indicazioni al legislatore.

Va detto inoltre che per allestire incisive azioni di DOPO DI NOI l´┐Żapprovazione di una buona legge non sar´┐Ż sufficiente.

Sar´┐Ż necessario un grande protagonismo della Regione a cui si sollecita, nel quadro della legislazione nazionale, una propria e consistente azione nonch´┐Ż delle aziende di assistenza sociale e sanitaria.

Sar´┐Ż importantissimo anche il ruolo delle famiglie, delle associazioni, delle fondazioni, delle cooperative sociali e del volontariato. Di tutto questo vorremmo discutere insieme.

il testo del DDL 2232 [ link ]





 
16/03/2016

VENTI SENATORI PD CHIEDONO A RENZI MODIFICHE SULLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

Cari presidenti, gentile ministra,

i sottoscritti senatori ritengono che il disegno di legge sulle banche debba essere modificato in pi´┐Ż punti, in particolare negli articoli che riformano il credito cooperativo. L'attribuzione del ddl in prima lettura alla Camera dei deputati ha fatto venire meno la tradizionale navetta che vuole la prima lettura su materie analoghe vada ora a una camera ora all'altra.

Lo svolgimento dei lavori, al di l´┐Ż del calendario ufficiale, fa temere una dilatazione dei tempi tale da consegnare al Senato un ddl non pi´┐Ż modificabile. Lo diciamo subito, a futura memoria: una gestione dei lavori parlamentari di questo tipo non pu´┐Ż essere accettata, specialmente ove Montecitorio non apportasse le modifiche che si rendono necessarie anche in ottemperanza del dettato costituzionale in tema di cooperazione.

... leggi tutto il documento [ link ]





 
16/03/2016

SONEGO SUL PASSAGGIO DI SAPPADA AL FRIULI VENEZIA GIULIA

Sono sempre stato dalla parte dell'autonomia speciale del Friuli Venezia Giulia, per questo ho sempre considerato il disegno di legge 951 per Sappada una iniziativa ingenua e dannosa per la Regione.

Sono i motivi per i quali da consigliere e assessore regionale ho sempre guardato lontano e non ho mai dato corda, anzi, a chi proponeva di portare in Regione San Michele al Tagliamento, Portogruaro o Cinto Caomaggiore.

Alla Camera c'e' un disegno di legge proprio per Cinto Caomaggiore, auspico che anche in questo caso ci sia la meditata riflessione dedicata a Sappada.

Su Sappada ho da tempo interloquito con il Governo, anche ben conoscendo ci´┐Ż che bolle nella societ´┐Ż e nella politica del Veneto, evidenziando i contraccolpi negativi che il passaggio del comune montano avrebbe avuto per la specialit´┐Ż del Friuli Venezia Giulia.

... guarda il video dell'intervento al Senato [ link ]





 
08/03/2016

SONEGO. OTTO MARZO 2016. MAI PIU' DONNE A CAPO COPERTO

L'obbligo di stare a capo coperto, in alcuni casi anche celando il volto, costituisce uno dei simboli pi´┐Ż vistosi delle molte discriminazioni subite dalle donne nel mondo.

In Occidente un malinteso senso di rispetto nei confronti di culture tribali spesso violente, se non di acquiescenza dettato da interesse, porta a giustificare tali condotte discriminatorie che violano il principio di uguaglianza tra uomo e donna e di conseguenza il principio di democrazia.

incontro in Regione con Maria Rashidi

Di qui la necessit´┐Ż di una campagna italiana ed internazionale, promossa in primo luogo dalle donne che esercitano un ruolo influente in economia, nella politica e nella cultura, per bandire la prassi del capo e del volto coperto imposta a donne di molti paesi.

Uno degli esempi da seguire, l'ultimo in ordine di tempo, ´┐Ż quello della principessa Maria di Danimarca che si ´┐Ż rifutata di coprire il capo innazi al Re durante una visita di stato in Arabia Saudita.

Lo ha affermato il senatore Lodovico Sonego nel corso di una conferenza stampa svoltasi luned´┐Ż sette marzo e che ´┐Ż stata anche l'occasione per affermare il valore di un approccio universalistico alla promozione di democrazia ed uguaglianza. Valori che vanno tutelati ovunque e sempre, in modo universale appunto.

Hanno preso parte alla conferenza stampa anche la signora Baharak Darvishi, il signor Taher Diafarizad e la signora Maria Rashidi. Quest'ultima ´┐Ż la testimonianza di una delle forme tribali di asservimento cui sono sottoposte donne nel mondo. La Signora Rashidi ´┐Ż stata deturpata in volto da persona che la ha acidificata, presumibilmente su mandato del marito.



 
08/03/2016

L'APPELLO DI MARIA RASHIDI SFIGURATA DALL'ACIDO

Un messaggio forte e anche un appello al rispetto dei diritti delle donne ´┐Ż stato lanciato in citt´┐Ż da Maria Rashidi, 60 anni, iraniana sfigurata con l'acido dal marito. La Rashidi, che ha subito 90 interventi chirurgici, ´┐Ż diventata un simbolo antiviolenza, nonch´┐Ż presidente dell'associazione svedese per i diritti delle donne, ´┐Ż arrivata alla vigilia dell'8 marzo, con l'intermediazione dell'associazione Neda Day.

Ieri ha incontrato i ragazzi delle scuole superiori, per parlare della lapidazione, oggi alle 9 sar´┐Ż a Cinemazero e domani alla stessa ora allo Zancanaro di Sacile per la proiezione del film "Mi chiamo Nojoom, ho 10 anni e voglio il divorzio'', contro le spose bambine.

Accolte nella sede della Regione, dal senatore Lodovico Sonego, la Rashidi e la sua vice Baharak Dcrvishi, accompagnate da Taher Djafarizad, esule iraniano, presidente di Nada day, che si batte contro l'integralismo, hanno lanciato un appello al mondo occidentale. ´┐ŻE necessario fare uno sforzo - ha spiegato Sonego - per rilanciare la causa dell'universalismo dei diritti umani per impegnarci contro le discriminazioni. Smetterla di fingere rispetto per altre culture soltanto per interesse e fare in modo che nessuna donna occidentale s´┐Ż presenti nei Paesi islamici con il velo´┐Ż. Deve rifiutarsi di metterlo, ha sottolineato la Rashidi, come ha fatto la principessa di Danimarca in Arabia Saudita. In Svezia ci siamo risentiti, ha aggiunto, ´┐Żquando abbiamo saputo che in Italia in occasione della visita di Rohani le statue sono state coperte. Per noi ´┐Ż stato un affronto, anche perch´┐Ż l'arte ´┐Ż un valore dell'umanit´┐Ż.

... leggi tutto l'articolo [ link ]





 
08/03/2016

MARIA RASHIDI: SENZA LE PRIMAVERE ARABE SVANISCE IL SOGNO DI LIBERTA'

Aggredita con l´┐Żacido in Iran, a Pordenone ospite di Cinemazero.
Appello alle occidentali al governo: ´┐ŻNessuna indossi il velo in visita in Oriente´┐Ż


di Paola Dalle Molle per il Messaggero Veneto

Il ruolo delle donne nel Medioriente potrebbe essere determinante per la pace se solo esse avessero la possibilit´┐Ż di intervenire nella vita politica di questi Paesi. Al contrario, i diversi regimi usano le donne e preferiscono tenerle sottomesse.

Hanno paura della loro forza. Sono queste alcune delle riflessioni espresse alla vigilia della festa della donna, da Maria Rashidi, iraniana di origine, sopravvissuta a una delle forme pi´┐Ż barbare di violenza contro le donne, l´┐Żaggressione con l´┐Żacido. Una battaglia, quella che secondo Rashidi va portata avanti, anche in Occidente, e che passa anche per simboli come il velo.

Luned´┐Ż i primi impegni a Pordenone: un incontro all´┐Żistituto Geometri con 400 ragazzi e una conferenza stampa con il senatore Lodovico Sonego. In quel contesto Rashidi ha parlato della questione velo. ´┐ŻIo capisco i rapporti economici ´┐Ż ha detto Rashidi ´┐Ż, ma quando vediamo personalit´┐Ż che vanno in Iran e indossano hijab per noi ´┐Ż uno schiaffo, perch´┐Ż ´┐Ż un segno di disprezzo´┐Ż.

Su questo il senatore Sonego ´┐Ż stato chiaro: ´┐ŻNon si pu´┐Ż giustificare la violazione dei diritti umani parlando di culture diverse. L´┐Żuguaglianza uomo donna ´┐Ż un pilastro della democrazia. Per questo dobbiamo rilanciare un impegno per l´┐Żuniversalismo senza frontiere, chiedendo che nessuna donna occidentale che ricopre ruoli pubblici indossi il velo´┐Ż.

... leggi tutto l'articolo [ link ]





 
03/03/2016

FONDI PER INTERNET VELOCE, SONEGO ATTACCA LA GIUNTA

Quando si dice punti di vista. Se l´┐Żassessore regionale Paolo Panontin saluta l´┐Żincontro di ieri a Roma come un significativo passo avanti sulla strada che porter´┐Ż il Friuli Venezia Giulia a investire 100 milioni di euro per garantire la banda ultra larga alle aree che oggi ne sono ancora sprovviste, il senatore Pd Lodovico Sonego bacchetta invece l´┐Żamministrazione regionale.

Amministrazione rea ´┐Ż a sentire il Democratico ´┐Ż di scelte incomprensibili che avrebbero reso inaccessibile a cittadini e imprese la pur fortissima infrastruttura gi´┐Ż realizzata in regione.

´┐ŻDal punto di vista della connettivit´┐Ż, in Friuli Venezia Giulia si muore di fame con il frigo pieno ´┐Ż attacca Sonego ´┐Ż e la giunta attuale ´┐Ż in totale continuit´┐Ż con quella di Tondo´┐Ż. Colpevole cio´┐Ż di scelte che il senatore ritiene profondamente sbagliate e sulle quali auspica un cambio di rotta. Vedi la cessione in affitto della rete ridotta a uno spezzatino, ´┐Żdecisone irresponsabile ´┐Ż rincara la dose ´┐Ż presa pur sapendo che il valore della rete sta nella sua unitariet´┐Ż.

... leggi tutto l'articolo [ link ]





 
03/03/2016

SONEGO SULLA BANDA LARGA IN FVG

La Conferenza Stato regioni ha confermato un riparto di quasi cento milioni al Friuli Venezia Giulia per lo sviluppo della banda ultralarga in fibra ottica.

Si tratta di risorse consistenti che sommate ai circa 145 gi´┐Ż allocati negli anni scorsi (tra i quali i 128 che ho stanziato io sino al 2008) permetterebbero di fare della nostra regione uno dei territori europei a maggiore connettivit´┐Ż che ha abolito il digital divide. Una posizione potenzialmente invidiabile.

Ma solo potenzialmente. In questi anni la Regione ha realizzato una fortissima infrastruttura in fibra ma cittadini e imprese non ne possono fare uso a causa di scelte politiche incomprensibili alle quali si ´┐Ż sommata la decisione irresponsabile di cedere la rete in affitto a pezzettini pur sapendo che il valore della rete e' la sua unitariet´┐Ż.

In sostanza in FVG, dal punto di vista della connettivit´┐Ż, si muore di fame con il frigo pieno e la giunta attuale e' in totale continuit´┐Ż con quella di Tondo.

Ora si tratta di spendere bene e presto le risorse aggiuntive dello Stato ma soprattutto si tratta di cambiare in modo radicale la politica di utilizzo della rete mettendola subito a disposizione di cittadini ed imprese e senza farla a pezzi. Per tale scopo andranno ricercate le opportune sinergie con lo Stato e le politiche che sta realizzando.




 
27/02/2016

SERRACCHIANI. MENO DISPREZZO, MENO TV E PIU' FVG

Colpiscono in primo luogo i toni grevi e persino volgari, poi il fatto che non sia una interlocuzione politica ma solo una manifestazione di disprezzo nei confronti di un esponente del proprio partito.

Il senatore Sonego commenta cos´┐Ż la replica della Presidente del Friuli Venezia Giulia alla richiesta di congresso avanzata dal leader della sinistra Pd Roberto Speranza.

Chi come la Serracchiani riveste una rilevante carica istituzionale dalla quale ´┐Ż sempre difficile, se non impossibile, dissociarsi quando parla da vicesegretario di partito dovrebbe saper mantenere un profilo pi´┐Ż appropriato.

Debora Serracchiani non si ´┐Ż ancora resa conto che in questo modo danneggia la Regione Friuli Venezia Giulia, che ´┐Ż di tutti i suoi cittadini e di tutte le sue imprese senza distinzione di colore politico, perch´┐Ż trascina la sua funzione istituzionale nella contesa partitica che per definizione divide e suscita contrasti.

Debora Serracchiani dovrebbe concentrasi un po' pi´┐Ż sulla funzione di governo e farsi ossessionare un po' meno dalla televisione a Roma che la distoglie dai problemi del Friuli Venezia Giulia.

Pi´┐Ż Gallia, meno Roma.




 
26/02/2016

APPROVATA LA LEGGE SULLE UNIONI CIVILI

Il Senato ha approvato una legge sulle unioni civili che consente all'Italia di fare un balzo in avanti nella tutela dei diritti delle persone.

La questione dell'adozione del figlio del partner andr´┐Ż risolta con un successivo provvedimento nell'ambito di un ammodernamento della complessivo materia delle adozioni.

... leggi di pi´┐Ż [ link ]





 
14/02/2016

SONEGO RILANCIA LA POLITICA DEI CORRIDOI EUROPEI

un articolo de Il Piccolo

La politica dei collegamenti ferroviari tra FVG e Slovenia ´┐Ż´┐Ż ferma´┐Ż. La prima conseguenza? ´┐ŻIl danno per il porto di Trieste, il primo scalo italiano per tonnellaggio´┐Ż.

Lodovico Sonego, senatore del Pd, somma le dichiarazioni di novembre del coordinatore europeo del Corridoio Mediterraneo Laurens Jan Brinkhorst a quelle pi´┐Ż recenti del commissario Ue dei Trasporti Violeta Bulc, in visita luned´┐Ż scorso a Trieste, e lancia l'allarme: ´┐ŻDi fronte a uno stop deciso in Italia, in FVG e pure in Slovenia, l'Europa registra e non apprezza´┐Ż.

... leggi tutto il documento [ link ]





 
10/02/2016

SONEGO SCRIVE AL MINISTRO PER I LAVORI SUL NODO FERROVIARIO DI UDINE

un articolo di Alessandra Ceschia per il Messagero Veneto

Il senatore: un esempio di "bad practice" che vanificher´┐Ż l´┐Żinvestimento austriaco di oltre 8 miliardi.
Il Comitato pendolari: con il traffico passeggeri in cintura tempi pi´┐Ż lunghi e maggiori costi agli utenti

Sessanta milioni di euro investiti per ´┐Żpeggiorare le caratteristiche della linea internazionale del corridoio Baltico Adriatico riducendo velocit´┐Ż e aumentando i tempi di percorrenza´┐Ż. ´┐Ż cos´┐Ż che il senatore Lodovico Sonego liquida il finanziamento assegnato dallo Stato a Rete ferroviaria Italiana per gli investimenti sul nodo ferroviario di Udine.

Lo sostiene nell´┐Żaspra denuncia che ha inviato al commissario europeo ai trasporti Violeta Bulc e al ministro dei trasporti Graziano Del Rio.

I fondi sono stati assegnati per migliorare il collegamento tra la stazione di Udine Centrale e quella di Udine Vat a Nord della citt´┐Ż e lungo la direttrice del Corridoio Baltico-Adriatico. L´┐Żattuale struttura a binario singolo consente una velocit´┐Ż superiore ai 140 km/h e tempi di percorrenza medi di 4 minuti.

... leggi tutto il documento [ link ]





  03/02/2016

LA DIFESA DELLE DONNE E' LA DEMOCRAZIA DI TUTTI

Da IL GAZZETTINO

Domani, gioved´┐Ż 4 febbraio, tutti in piazza anche a Pordenone (alle 18 piazza Cavour) per la libert´┐Ż delle donne che ´┐Ż quella di ciascuno. I fatti accaduti a Colonia il 31 dicembre cambiano tutto, persino pi´┐Ż delle stragi parigine dell'estremismo islamico contro Charlie Ebdo e del 13 novembre. La notte del 31 un gran numero di immigrati riunitisi nella citt´┐Ż renana ha dato seguito ad una caccia alla donna (occidentale) con aggressioni e molestie sessuali; le violenze sono avvenute anche con la partecipazione di richiedenti asilo che invocano il diritto alla protezione da persecuzioni, con casi di strupro e, pare ormai acquisito, sulla base di una organizzazione preordinata.

La differenza tra Parigi e Colonia, ci´┐Ż che cambia tutto, ´┐Ż che nel primo caso l'Europa ha subito l'aggressione omicida dell'estremismo islamico che ´┐Ż conosciuto e percepito come un nemico dichiarato della democrazia, della libert´┐Ż e dell'uguaglianza; nel secondo la libert´┐Ż e l'uguaglianza della donna ....

leggi tutto l'articolo     [ link ]







  26/01/2016

BENE RENZI CON L'IRAN

Bene cos´┐Ż. Renzi incontra il presidente della Repubblica Islamica dell'Iran Rouhani e firma importanti contratti economici e commerciali.

Ma non si dimentica dei diritti umani sulla base di una diplomazia dalla schiena dritta.

Cooperazione internazionale e diritti umani non sono in antitesi, anzi si rafforzano vicendevolmente.






  30/12/2015

SI ALL'EMENDAMENTO SONEGO. LA GHIAIA NON E' PIU' RIFIUTO. SI TORNA A SCAVARE NEI FIUMI

Da IL GAZZETTINO

Quasi due anni fa la legge nazionale legata alla "Terra dei fuochi" (per il ripristino di una situazione disastrosa delle discariche in Campania) comprendeva anche un arti-colo che equiparava la ghiaia a un rifiuto. La norma, di fatto, aveva blocca-to anche nel nostro territorio la gi´┐Ż scarsa (a causa della crisi edilizia) attivit´┐Ż estrattiva. Nei giorni scorsi con un provvedimento normativo firmato dal senatore Pd Lodovico Sonego la legge ´┐Ż stata modificata: ora la ghiaia non ´┐Ż pi´┐Ż considerata un rifiuto ma materia prima e quindi le imprese del settore non devono pi´┐Ż sottostare alle norme (anche penali) sui rifiuti e a costi di gestione molto pi´┐Ż elevati.

Con provvedimento nato a Pordenone - furono Unindustria e le aziende del settore a sensibilizzare Sonego sulle enormi difficolt´┐Ż derivanti dalla precedente situazione - il settore potr´┐Ż tornare alla normalit´┐Ż e usufruire di una boccata d'ossigeno nonostante il comparto delle costruzioni abbia ancora il freno della crisi tirato.

Nel territorio sar´┐Ż ora pi´┐Ż facile ricominciare a estrare ghiaia dall'alveo dei fiumi (si pensi al Cellina-Meduna e al problema del Varma a Barcis).

leggi tutto l'articolo     [ link ]




  24/12/2015

L'INVITO DELL'INCE: BALCANI NELLA NATO

servizio di Diego d´┐ŻAmelio per IL Piccolo

A Skopje l´┐ŻAssemblea plenaria, documento finale votato anche dalla Serbia


Favore per la collaborazione fra Nato e paesi dei Balcani occidentali, col sostanziale invito agli Stati dell´┐Żarea all´┐Żadesione volontaria all´┐ŻAlleanza atlantica, indipendentemente dall´┐Żingresso nell´┐ŻUe. ´┐Ż questo il nodo pi´┐Ż rilevante della dichiarazione finale dell´┐ŻAssemblea parlamentare dell´┐ŻInce, tenutasi a Skopje e dedicata alla sfida delle migrazioni e all´┐Żinterconnessione fra paesi centro-europei e Ue.

Il documento ´┐Ż stato votato anche dalla Serbia e ci´┐Ż ´┐Ż un punto politico pregnante rispetto a futuri scenari d´┐Żalleanza, in relazione al solido rapporto fra Belgrado e Russia.

Il tema ´┐Ż di grande attualit´┐Ż, davanti alle tensioni in atto sul versante orientale del continente. Questione peraltro di lungo periodo: l´┐Żavvicinamento strategico-militare alla Jugoslavia caratterizz´┐Ż le strategie americane dalla fine degli anni ´┐Ż40, quando lo sganciamento di Tito dall´┐ŻUrss rese il leader jugoslavo interlocutore fondamentale per rafforzare il lato meridionale della Nato, attraverso accordi fra Jugoslavia, Grecia e Turchia che non trovarono per´┐Ż mai piena attuazione.

E forse non a caso, la Turchia non ´┐Ż stata dimenticata nelle conclusioni del vertice, in una fase che impone con sempre maggior forza una riflessione sulla sua collocazione geopolitica: l´┐ŻInce si impegna a rafforzare il dialogo, invitando Istanbul a divenire membro ospite della propria Assemblea.

leggi tutto     [ link ]




  17/12/2015

ITALIA PROTAGONISTA NEI BALCANI E NELL'INCE

L'Assemblea parlamentare dell'INCE, riunitasi a Skopje in Macedonia il 10 dicembre, ha concluso la sessione dei suoi lavori approvando una dichiarazione finale che affronta le pi´┐Ż significative questioni presenti nei Balcani occidentali. Ne da notizia il senatore Lodovico Sonego che ´┐Ż il presidente della delegazione parlamentare italiana presso INCE.

Di seguito i principali contenuti della dichiarazione...

leggi tutto     [ link ]




  16/12/2015

SONEGO SULLA PRIVATIZZAZIONE DEL GRUPPO FFS

La privatizzazione del Gruppo FFS decisa dal Governo, sino al 40 % e con il mantenimento della propriet´┐Ż pubblica della rete dell'infrastruttura, consentir´┐Ż di migliorare la politica italiana del trasporto.

Lo ha dichiarato il senatore Lodovico Sonego in Commissione trasporti del Senato che oggi ha audito la presidente del gruppo Gioia Ghezzi e l'amministratore delegato Renato Mazzoncini sullo schema di DPCM che avvia la cessione di una parte delle azioni del Gruppo.

Sonego ha dato atto dei grandi passi avanti fatti dalle FFS nell'ultimo decennio non mancando di sottolineare pure che la futura partecipazione privata sar´┐Ż rilevante per ulteriormente migliorare il profilo industriale dell'Azienda a servizio del Paese.

Il senatore non ha mancato di sottolineare infine la necessit´┐Ż che nella privatizzazione si assicuri una reale indipendenza giuridica e gestionale della rete dell'infrastruttura.




  09/12/2015

PERPLESSITA' E DELUSIONE PER LA DECISIONE DEL DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA USA SU ELECTROLUX

La decisione del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti suscita perplessit´┐Ż e delusione. E' questo il commento del senatore del Pd Lodovico Sonego dopo lo stop delle autorit´┐Ż americane all'acquisizione del ramo elettrodomestici di General Electric da parte di Electrolux.

Il Dipartimento statunitense sostiene che la modesta quota di mercato americano gi´┐Ż in possesso da parte di Electrolux, sommata a quella di GE, avrebbe costituito una posizione dominante.

Si tratta, afferma il senatore del Pd, di una valutazione che merita un approfondimento perch´┐Ż potrebbe costituire un aspetto problematico delle relazioni commerciali transatlantiche.

Sarebbe utile che il Governo italiano e la Commissione europea approfondissero il dossier.

Delusione anche, conclude Sonego, perch´┐Ż l'investimento di Electrolux negli Stati Uniti avrebbe rafforzato il profilo industriale della multinazionale di Stoccolma in controtendenza con la finanziarizzazione crescente degli scorsi anni.




  24/11/2015

SONEGO. DUE BUONE NOTIZIE PER LE FERROVIE

Ferrovie. Due buone notizie in pochi giorni che confermano che le riforme sono sulla buona strada.

La prima ´┐Ż l'approvazione della deliberazione n. 96 dell'Autorit´┐Ż di regolazione dei trasporti in materia di tariffazione dell'accesso alla rete ferroviaria. Un provvedimento che favorir´┐Ż la crescita e il miglioramento del trasporto ferroviario dei passeggeri e delle merci.

La seconda sono le dichiarazioni del ministro Graziano Del Rio che annuncia che la positiva parziale privatizzazione del Gruppo FSI si far´┐Ż nel 2016 con la precisazione che la rete delle infrastrutture rimarr´┐Ż pubblica.




  11/11/2015

VERTICE INCE-CEI A TRIESTE SU MIGRAZIONE ED INFRASTRUTTURE    (www.cei.int)


In order to take stock of the various initiatives aimed at building the most important infrastructure networks in the area and on the path towards EU enlargement, the two General Committees - on Political and Home Affairs, and on Economic Affairs - of the CEI Parliamentary Dimension took place in Trieste on 9 November.

On top of the agenda of both meetings was the migration crisis where Sen. Lodovico Sonego, head of the Italian parliamentary delegation to the CEI, called upon the delegations of CEI Member States to make a commitment to study the migration issue in depth and highlighted the need for "a new commitment from Europe and its institutions in this part of the continent´┐Ż. The Western Balkans are ´┐ŻEurope´┐Ż. The countries of that area share the same destiny Europe does and the question of migration is a clear example.´┐Ż, Sonego underlined.

leggi tutto     [ link ]




  10/11/2015

VERTICE SUI BALCANI OCCIDENTALI PROMOSSO DALLA DELEGAZIONE ITALIANA


di Silvio Maranzana per IL PICCOLO

TRIESTE. La questione delle reti di trasporto transeuropee in relazione anche al loro ampliamento ai Balcani occidentali ´┐Ż stato l´┐Żargomento al centro degli incontri della commissione per gli Affari economici e della commissione per gli Affari politici dell´┐ŻInce che si sono riunite ieri a Trieste.

´┐ŻIn tempi recenti - ha affermato Lodovico Sonego, presidente della delegazione parlamentare italiana presso l´┐ŻIniziativa Centroeuropea - ´┐Ż prevalsa in Europa la sensazione che quello dei Balcani occidentali sia un dossier concluso e che non richieda pi´┐Ż l´┐Żimpegno precedente. ´┐Ż un errore. Quei Paesi e quelle comunit´┐Ż si sentono Europa e desiderano essere membri delle istituzioni europee, hanno fatto grandi passi avanti per diventare Paesi membri e vanno incoraggiati e aiutati dalle istituzioni comunitarie per compiere il cammino che resta da fare´┐Ż. In particolare, Sonego ha sottolineato che per la delegazione italiana ´┐Żnel caso della Serbia si tratta di dare inizio senza indugio al negoziato di accesso´┐Ż.

leggi tutto     [ link ]




  09/11/2015

FAR RIPARTIRE L'ITALIA SENZA LASCIARE INDIETRO NESSUNO


Come avrete appreso dagli organi di informazione, nella giornata di ieri la minoranza PD ha svolto un'iniziativa di presentazione dei contenuti e dei testi di alcuni emendamenti alla Legge di Stabilit´┐Ż, sottoscritti dai senatori della stessa minoranza.

Si tratta di un contributo al dibattito del gruppo PD del Senato e conseguentemente del Parlamento per migliorare l'impianto complessivo della Legge di Stabilit´┐Ż sul versante di un pi´┐Ż preciso impegno sul fronte degli investimenti, e quindi della crescita e della lotta alle disuguaglianze.

Per illustrare i contenuti delle proposte emendative, anche al fine di poter realizzare un confronto di merito con i cittadini, gli iscritti e i sostenitori del PD, sono state indetti su tutto il territorio nazionale diversi appuntamenti nelle giornate del 13-14-15 novembre p.v.

In questo quadro, si ´┐Ż valutata l'opportunit´┐Ż di organizzare anche nella nostra Regione un incontro che avr´┐Ż luogo sabato 14 novembre a partire dalle ore 18.30 a Cervignano del Friuli, nella "Casa del Popolo".

la locandina dell'evento     [ link ]




  06/11/2015

VERTICE INTERNAZIONALE INCE A TRIESTE


Vertice internazionale INCE a Trieste

promosso dalla Delegazione italiana

con i coordinatori europei dei corridoi Mediterraneo e Baltico-Adriatico

Luned´┐Ż 9 novembre ore 10:00
Presidenza della Regione Friuli Venezia Giulia
Piazza Unit´┐Ż D'Italia, 1 - Trieste

il programma dell'evento     [ link ]




  13/10/2015

SONEGO SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE APPROVATA IN SENATO

Oggi il senato approva il superamento del bicameralismo paritario. ´┐Ż un risultato importante che si sarebbe potuto migliorare riducendo anche il numero dei deputati della Camera.

Il testo approvato oggi ´┐Ż strutturalmente migliore di quello presente un mese fa. Ecco le modifiche pi´┐Ż rilevanti:
  • il Senato ha funzioni pi´┐Ż rilevanti di quelle assegnatigli dalla Camera;
  • il Senato elegger´┐Ż due giudici costituzionali a tutela dell'autonomia della Corte;
  • i senatori regionali saranno eletti dai cittadini;
  • il presidente della Repubblica sar´┐Ż eletto da una platea in cui i "nominati" non saranno determinanti.
Sono molto contento di aver contribuito a questi risultati importanti.




  06/10/2015

SONEGO INCONTRA PERSONALIT´┐Ż POLITICHE ED ISTITUZIONALI A VIENNA


Il senatore Lodovico Sonego, nella veste di capo della delegazione parlamentare italiana presso INCE-CEI, ha incontrato nei giorni scorsi a Vienna varie personalit´┐Ż politiche ed istituzionali della Repubblica Federale Austriaca. Scopo delle conversazioni lo scambio di opinioni su materie che saranno trattate in dicembre a Scopje, Macedonia, nell'ambito dell'Assemblea parlamentare plenaria di INCE-CEI.

Sonego ha incontrato:

  • Karl Duffek, presidente del Karl Renner Institut e responsabile esteri del Partito Socialdemocratico SPO;
  • Monika Reiner, responsabile esteri del Partito Popolare OWP;
  • Susanne Kurtz, capo della delegazione parlamentare austriaca presso INCE-CEI;
  • Michael Linhart, segretario generale del ministero austriaco degli affari esteri.


... leggi e vedi tutto in merito agli incontri     [ link ]




  18/09/2015

SONEGO. SUL CUNEO FISCALE HA RAGIONE LA BCE


Lo sostengo da tempo, ora lo suggerisce anche la Banca Centrale Europea. I margini di bilancio per il 2016 vanno prioritariamente spesi per ridurre il cuneo fiscale del lavoro.

La ripresa c'´┐Ż e non va sprecata, anzi va incoraggiata e sostenuta perch´┐Ż ´┐Ż un treno che non passa frequentemente.

Se il PIL va bene ne beneficiano tutti gli italiani sotto ogni latitudine, e oggi il modo pi´┐Ż efficace di sostenere la crescita e´┐Ż ridurre il cuneo tagliando gli oneri previdenziali.

Quella sui contributi e´┐Ż la manovra maggiormente sostenibile sotto il profilo della spesa, anche perch´┐Ż la riduzione degli oneri previdenziali del comparto pubblico e´┐Ż a costo zero trattandosi di una partita di giro.




  07/08/2015

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AUTISMO E ASSISTENZA ALLE FAMIGLIA


Partita da Pordenone e dalle sue eccellenze la prima legge italiana sull'autismo che mette fine ad un lungo periodo di trascuratezza da parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Lo dichiara il senatore Sonego rammentando che il percorso legislativo ha avuto origine a Pordenone allorch´┐Ż, proprio su iniziativa del parlamentare pordenonese, la Commissione Sanit´┐Ż del Senato arriv´┐Ż nella Destra Tagliamento per conoscere l'avanguardistica attivit´┐Ż della Fondazione Bambini e Austimo che in stretta collaborazione con Regione e Azienda Sanitaria ha dato vita ad una esperienza pilota di valore nazionale ed intenzionale.

Il bagaglio di conoscenze e di verifiche sul campo ottenute a Pordenone ha successivamente consentito al Senato di varare la legge sull'autismo che con qualche ulteriore apporto e' stata approvata anche dalla Camera.

L'Azienda Sanitaria di Pordenone e la Fondazione Bambini ed Autismo hanno inoltre contribuito alla stesura delle norme nel corso di audizioni svoltesi in Commissione in Senato.

Oggi il voto del Senato che approva la norma in modo definitivo. Da oggi, prosegue Sonego, gli autistici e le loro famiglie sono meno soli e godono di maggiori tutele.

Pordenone conferma ancora una volta la sua capacit´┐Ż di eccellere, in questo caso sulla base di uno straordinario parternariato tra pubblico e privato.

... leggi il Disegno di Legge     [ link ]




  05/08/2015

DOBBIAMO VINCERE LA SFIDA CON I PORTI NORDEUROPEI (la voce)


Come valuta il Ministero dei Trasporti a guida Graziano Delrio? Intanto ha annunciato una inversione di rotta su procedure speciali, varianti in corso d'opera e general contractor. Le grandi opere saranno ridotte drasticamente di numero. E' solo propaganda o una strategia precisa?

Il ministro Delrio far´┐Ż un buon lavoro e lo sta gi´┐Ż dimostrando. Per esempio collaborando con il Senato dal quale ´┐Ż uscita una legge delega per gli appalti molto innovativa e lontana dalla propaganda. Invito a leggerla. Un bel segno. Sulle grandi opere mi pare fisiologico concentrarsi sulle priorit´┐Ż: era l'intento della legge obiettivo quando nacque. Lavorando cos´┐Ż apriremo cantieri e daremo lavoro.

... leggi tutto l'articolo de "la Voce"     [ link ]




  31/07/2015

SERBIA-ITALIA: VISITA DEL SENATORE SONEGO A BELGRADO (nova)


Il senatore Lodovico Sonego ´┐Ż stato oggi a colloquio con il presidente della commissione parlamentare serba per l'Integrazione europea, Aleksandar Senic. Secondo una nota diramata dal parlamento di Belgrado, Senic ha ringraziato il senato italiano per la risoluzione approvata lo scorso novembre dalla commissione Politiche dell'Unione europea in cui si chiedeva l'apertura di un primo capitolo del complessivo pacchetto negoziale della Serbia. Senic ha inoltre illustrato a Sonego le attivit´┐Ż della commissione da lui presieduta, precisando che la Serbia ´┐Ż pronta, dal punto di vista tecnico e politico, ai negoziati con l'Ue.

Sonego, che ricopre anche la carica di presidente della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea parlamentare dell'Iniziativa Centro Europea (Ince), ha inviato un appello alla parte serba affinch´┐Ż si unisca alla dichiarazione in fase di elaborazione in vista della prossima riunione dell'Assemblea parlamentare dell'Ince che si terr´┐Ż a dicembre a Skopje. Al centro dei colloqui sono stati inoltre i progetti nei settori di infrastrutture e trasporti che riguardano la regione dei Balcani occidentali. Nel corso della riunione sono stati infine discussi il tema delle minoranze nazionali e dei diritti civili, l'iniziativa per la formazione di un gruppo di amicizia fra Serbia e senato italiano, l'attivazione di un accordo per il riconoscimento reciproco delle lauree e il perfezionamento del quadro legislativo per l'agevolazione di investimenti italiani in Serbia.

... leggi tutto dal sito dell'Ambasciata di Belgrado     [ link ]




 
31/07/2015

SONEGO SFIDA SERRACCHIANI A MUSO DURO

Lei, Debora Serracchiani, con un tweet lanciato a votazione finita, ha bocciato tutti i senatori del Pd che mercoled´┐Ż hanno detto "no" all'arresto del collega dell'Ncd, Antonio Azzolini. Lui, il senatore dell'area riformista Pd, Lodovico Sonego che ha contribuito al risultato, rispedisce seccamente il giudizio al mittente, bocciando Serracchiani sia come avvocato, sia come vice segretario nazionale del partito.

Un voto arrivato dopo aver appurato che nel caso in oggetto "non ricorreva nessuna delle tre condizioni in cui, in attesa di processo, ´┐Ż opportuno l'arresto: inquinamento delle prove, rischio di fuga, reiterazione del reato".

... leggi tutto l'articolo apparso su "Il Gazzettino"     [ link ]




 
23/07/2015

SONEGO. CONDIVISIBILI DICHIARAZIONI DI DEL RIO SUL GRUPPO FSI

Largamente condivisibili le dichiarazioni del Ministro Del Rio che in Commissione trasporti del Senato, parlando della quotazione del Gruppo FS, ha sottolineato la necessit´┐Ż di operare per preservare l'autonomia della rete delle infrastrutture.





  22/07/2015

SONEGO SU MINORANZA SLOVENA E COLLEGI CAMERALI

In Friuli Venezia Giulia allargare il collegio di Trieste-Gorizia significa ridurre le possibilit´┐Ż di eleggere un esponente della minoranza nazionale slovena alla Camera dei Deputati.

L'Italicum di per se' rende complessa l'elezione di rappresentanti sloveni, una definizione sbagliata dei collegi accentuerebbe le difficolt´┐Ż. Si tratterebbe di un passo che invito a valutare con tutta la prudenza e la ponderatezza del caso.




  13/07/2015

SONEGO INCONTRA LE AUTORITA' SLOVENE A LUBIANA

Il senatore Lodovico Sonego, presidente della delegazione parlamentare italiana presso INCE-CEI, ha incontrato le autorita slovene nel corso di una visita a Lubiana. Il parlamentare, accompagnato dall'ambasciatrice Italiana Rossella Franchini Sherifs, ha dapprima una delegazione di deputati sloveni presso l'Assemblea Nazionale.

Nel corso dell'incontro, al quale hanno partecipato gli onorevoli Marco Ferluga, An.e Logar, Igor Zor.i. e Lilijana Kozlovi., si sono affrontati problemi riguardanti la collaborazione bilaterale Italia Slovenia ma anche storiche ed emergenti questioni dei Balcani occidentali in vista dell'Assemblea parlamentare CEI-INCE di fine anno a Skopie. I parlamentari dei due paesi hanno manifestato una consistente condivisione di opinioni.

... leggi tutto il comunicato     [ link ]




 
02/07/2015

CARGO FERROVIARIO. DDL PER ESTENDERE AL NORD LO SCONTO-PEDAGGIO


Quattro senatori PD propongono di emendare la finanziaria in modo da utilizzare appieno i 100 milioni del nuovo servizio universale. Soddisfatta Fercargo.

Non ´┐Ż passata nemmeno una settimana dall´┐Żufficializzazione dell´┐Żallarme lanciato da Fercargo e quattro parlamentari del PD (Lodovico Sonego, Marco Filippi, Stefano Esposito e Daniele Borioli) hanno presentato un disegno di legge (´┐ŻMisure per favorire il trasporto merci su ferrovia´┐Ż) che potrebbe risolvere il problema rilevato dall´┐Żassociazione che rappresenta le imprese ferroviarie operanti nel settore del trasporto merci indipendenti dal Gruppo FSI.

Secondo Fercargo lo stanziamento di 100 milioni di euro annui (per 2015, 2016 e 2017) stabilito con l´┐Żultima legge finanziaria (in luogo del tradizionale servizio universale ad esclusivo beneficio di Trenitalia) rischia di andare parzialmente (al 60%) inutilizzato perch´┐Ż la norma prevede che il contributo, destinato ad RFI affinch´┐Ż sconti il relativo pedaggio per l´┐Żuso delle linee, possa essere applicato solo a servizi ferroviari ´┐Żaventi origine o destinazione nelle regioni Abruzzo, Molise, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia´┐Ż.

... leggi tutto il documento [ link ]





 
31/06/2015

MANUTENZIONE DELLA NORMA SUL FERROBONUS


Un gruppo di senatori del Pd, Sonego, Filippi, Esposito, Borioli ed altri hanno depositato un disegno di legge allo scopo di migliorare l'utilizzo dei cento milioni annui stanziati con la finanziaria per il 2015, ma a valere con il medesimo importo anche sui successivi due esercizi, per sostenere il cosiddetto Ferrobonus.

IL comma 294 della legge 190 del dicembre 2014 aveva lo scopo di abbattere i costi a carico dei vettori ferroviari per l'accesso alla rete.

La norma del 2014 confinava il beneficio ai trasporti originati o destinati alle regioni italiane centromeridionali, l'implementazione della norma ha tuttavia evidenziato che tali traffici sono insufficienti ad assorbire tutta la dotazione finanziaria disponibile che rimane inutilizzata per oltre la met´┐Ż dello stanziamento.

Di qui il disegno di legge dei senatori del PD che propongono di utilizzare a consuntivo le risorse non spese nelle regioni centromeridionali per insufficienza di domanda in favore di traffici originati o destinati nelle regioni settentrionali.

La misura non ha solo lo scopo di promuovere il cargo ferroviario ma anche di evitare che le risorse stanziate finiscano in economia a causa del fatto che "il cavallo non beve".





  22/06/2015

BALKANS: SENATOR SONEGO MET WITH CROATIA'S ECONOMY MINISTER (ansa)


(ANSA) - TRIESTE - Senator Lodovico Sonego, chairman of the Italian parliamentary delegation to the CEI (Central European Initiative), visited Croatia, after choosing Zagreb as the first of a number of capital cities he's going to visit in preparation of the events scheduled by the CEI for next fall.

The visit focused on the stabilization and European integration of the Balkans and on the issues of economic growth, infrastructure development, maritime economy, governance of migration flows to Europe through the Balkans. The talks also touched on the issue of Croatia's accession into the Schengen area.

Senator Sonego met (among others) with Economy Minister Godan Maras, Deputy Minister Zdenka Lonar, Deputy Minister for Maritime Affairs Igor Butorac, the leader of the Italian minority in Croatia Furio Radin, the MPs Daniel Mondekar and Melita Mulic, members of Croatia's delegation to the CEI, Deputy Interior Minister Neboja Kirigin. These talks were preceded by a visit to Croatia's ambassador to Italy Damir Grubia. (ANSA).



  22/06/2015

INTENSA VISITA DEL SENATORE SONEGO IN CROAZIA




Intensa visita in Croazia del presidente della delegazione parlamentare italiana presso INCE-CEI senatore Lodovico Sonego. Il capo della delegazione ha scelto Zagabria come prima di una serie di capitali da visitare in preparazione degli incombenti appuntamenti autunnali dell'Iniziativa Centro Europea.

Al centro della visita le questioni della stabilizzazione e dell'integrazione dell'area balcanica nel contesto europeo ed occidentale con riferimento particolare ai temi della crescita economica, dello sviluppo delle infrastrutture e dell'economia marittima, del governo dei flussi migratori verso l'Europa attraverso i Balcani. Approfondito anche l'argomento del futuro ingresso della Croazia nell'area Schengen.

Fra gli incontri, tecnici e politici, sono da segnalare in particolare quelli con il ministro dell'economia Godan Maras accompagnato dalla viceministro Zdenka Lončar, il viceministro agli affari marittimi Igor Butorac, il leader della minoranza italiana in Croazia Furio Radin, I deputati membri della delegazione croata persso l'INCE Daniel Mondekar e Melita Mulic, il viceministro agli interni Neboj´┐Ża Kirigin. La visita era stata preceduta da una cordiale visita all'ambasciatore croato a Roma Damir Grubi´┐Ża.



  11/06/2015

SONEGO SULLA LEGGE PER APPALTI E CONCESSIONI OGGI IN SENATO




La legge delega che il Senato si accinge a licenziare assume effettivamente iL carattere di provvedimento di grande riforma economica e sociale introducendo novit´┐Ż da lungo tempo attese.

Lo ha affermato il senatore Lodovico Sonego nel corso del suo odierno intervento in Senato elencando solo alcune delle innovazioni rilevanti:
  • l'assegnazione dei servizi sociali e quelli di ristorazione ospedaliera, assistenziale e scolastica si potranno fare solo con il criterio dell'offerta economicamente pi´┐Ż vantaggiosa escludendo il massimo ribasso;

  • i servizi pubblici con una intensit´┐Ż di manodopera superiore al 50% del costo verranno assegnati con una clausola sociale a tutela degli addetti, nel rispetto dei contratti nazionali di lavoro che garantiscono le migliori condizioni, escludendo il criterio del massimo ribasso;


... leggi tutto il comunicato [ link ]




  09/06/2015

SONEGO SCRIVE A LORENZINI E SERRACCHIANI CIRCA IL FUTURO DEL CRO DI AVIANO




Qualche giorno fa ho indirizzato una lettera alla ministro Lorenzin e alla presidente Serracchiani sul presente e sul futuro del CRO.

Ho successivamente letto le dichiarazioni tranquillizzanti con le quali l´┐Żassessore Telesca ha interloquito con la mia lettera.

Da uomo delle istituzioni non posso che prendere seriamente in considerazione le affermazioni dell´┐Żassessore.

La Regione avr´┐Ż tempo e modo di confermare con l´┐Żazione di governo la replica alle mie preoccupazioni.

... leggi la lettera [ link ]




  14/05/2015

AUTOVIE. FONDERSI DIVENTA UN RISCHIO PER LA A4




Da una parte si schiaccia l'acceleratore per maturare le aggregazioni fra concessionarie autostradali, cominciando da Autovie Venete e Autobrennero (perch´┐Ż entrambe controllate da mani pubbliche). Ma dall'altra si rischia di compromettere il progetto complessivo della terza corsia A4 Venezia-Trieste.

... leggi tutto l'articolo apparso sul il Gazzettino [ link ]




  14/05/2015

LARGA BANDA. LA GIUNTA REGIONALE SBAGLIA STRATEGIA




Se non si cambia strategia faremo la fine di quello che mor´┐Ż di fame con il frigo pieno. In Fvg c'´┐Ż un enorme quantit´┐Ż di fibra ottica della Regione che ha investito 130 milioni di euro per arrivare anche nei borghi alpini, ma il servizio di banda larga esiste solo nei capoluoghi di Provincia. Una beffa.

... leggi tutto l'articolo apparso sul Messagero Veneto [ link ]




  07/05/2015

L'INCE E' UNA FELICE INTUIZIONE




L'INCE ´┐Ż una felice intuizione alla quale la politica estera italiana ha dato un contributo determinante sin dai tempi della pentagonale.

Sono crollati i muri ma il valore della cooperazione e dell'integrazione dell'area centro europea sono immutati.

Lo afferma il senatore Lodovico Sonego dopo la sua elezione a presidente della delegazione parlamentare italiana presso l'INCE avvenuta in data odierna.

La delegazione ´┐Ż uno degli organismi bicamerali del Parlamento.



  06/05/2015

SONEGO IN SENATO SUL PIANO GOVERNATIVO DELLA BANDA ULTRALARGA




Il piano governativo della banda ultra larga ´┐Ż positivo e va implementato senza esitazioni.

Cos´┐Ż il senatore Sonego in Senato nell'ambito della discussione sulle mozioni sulla banda ultralarga.

Si tratta semmai di aggiungere la previsione di un gestore neutrale ed universale che possa garantire a tutti l'accesso libero e non discriminatorio alla rete pubblica in fibra.

Il piano governativo ´┐Ż un'opportunit´┐Ż per gli operatori privati desiderosi di complementare la politica statale con i loro investimenti e accompagnare in questo modo il paese, e le loro rispettive aziende, in direzione della modernizzazione.



  23/04/2015

SONEGO SOTTOSCRIVE LE PAROLE DI DEL RIO SULLE CONCESSIONI AUTOSTRADALI




Sottoscrivo parola per parola le dichiarazioni rese ieri alla Camera dal ministro dei trasporti e delle infrastrutture Graziano Del Rio a proposito di autostrade e articolo 5 dello Sblocca Italia.

"Sono d'accordo - ha dichiarato il ministro - con chi ha detto che ´┐Ż giusto fare le gare per le concessioni scadute. Punto. Se poi le gare sono complesse, richiedono tempo, si deve partire prima della scadenza".

Se la Regione avesse chiesto per tempo al governo di bandire la gara per la terza corsia della A4 sapremmo gi´┐Ż chi far´┐Ż il concessionario dopo il 2017 e il tema della difficile bancabilit´┐Ż derivante dall'incognita 2017 sarebbe risolto ormai da molto. Per fare la gara servono circa 24 mesi.

Sono peraltro convinto che Autovie Venete avrebbe avuto ottime probabilit´┐Ż di vincere quella gara e tale opportunit´┐Ż permane.



  22/04/2015

EMENDAMENTI SONEGO ALLA DELEGA SUGLI APPALTI




Quando l'opera pubblica appaltata necessit´┐Ż di modificazioni progettuali che superano la soglia prestabilita per poter essere eseguita l'appalto decade.

La norma, proposta da un emendamento del senatore Sonego al disegno di legge delega sui lavori pubblici, mette fine al malcostume della stazione appaltante di mettere in gara progetti scadenti e alla pessima abitudine dell'appaltatore di far piovere riserve sul progetto per gonfiare costi e tempi.

Altro emendamento del senatore Sonego stabilisce che l'appalto di opere e servizi avviene con il criterio dell'offerta economicamente. Altri criteri come, il massimo ribasso, il contraente generale o l'appalto integrato sono utilizzabili ma solo dimostrando motivatamente la maggiore convenienza della scelta o la sua obbligatoriet´┐Ż tecnica.



 


  17/04/2015

DIMISSIONI DI ROBERTO SPERANZA: GESTO LINEARE E COERENTE




"Un gesto lineare e coerente, quello di Roberto Speranza che ha rassegnato le proprie dimissioni da capogruppo PD alla Camera. Un gesto tanto pi´┐Ż apprezzabile in tempi di trasformismo e opportunismo. Sentiamo, dunque, di manifestargli, senza riserve, condivisione e solidariet´┐Ż, per una scelta di autonomia e responsabilit´┐Ż. Nel contempo formuliamo l'auspicio che la sua decisione, cos´┐Ż politicamente connotata, possa consentire, prima del voto in Aula, l'apertura e la ripresa di un confronto su un tema, come quello della legge elettorale, segnato da rilevanti risvolti costituzionali e delle evidenti ripercussioni sulla qualit´┐Ż della democrazia nel nostro Paese. Un confronto che possa consentire dovute correzioni e suscitare pi´┐Ż ampi consensi a livello parlamentare e presso l'opinione pubblica".

I senatori PD Corsini, Broglia, Cucca, D'Adda, Fornaro, Gatti, Gotor, Guerra, Guerrieri Paleotti, Lai, Lo Giudice, Lo Moro, Manassero, Martini, Mineo, Migliavacca, Mucchetti, Pegorer, Ricchiuti, Sonego, Tocci.



  17/04/2015

SONEGO e ALTRI 34 SENATORI PD SUL 25 APRILE




"La Festa della liberazione il 25 aprile non sarebbe tale senza la partecipazione dei rappresentanti della Brigata ebraica e degli ex deportati nei campi di sterminio nazisti. Lo affermano senatori del Partito democratico, Sonego e altri trentaquattro, in una lettera indirizzata al presidente dell'ANPI Carlo Smuraglia e al presidente dell'Unione delle Comunit´┐Ż Ebraiche Italiane Renzo Gattegna.

Facciamo appello all'ANPI e all'Unione delle Comunit´┐Ż Ebraiche, proseguono i senatori, ma anche a tutti i democratici e antifascisti affinch´┐Ż proprio i rappresentanti della Brigata ebraica e degli ex deportati siano in prima fila nelle celebrazioni del 25 aprile.

Questa ´┐Ż la risposta che tutti insieme dobbiamo dare a coloro che nel corso degli anni, e oggi con aggressivit´┐Ż che sorprende e va combattuta, hanno contestato, ostacolato e offeso la presenza della Brigata ebraica e degli ex deportati nei cortei e nelle cerimonie della Liberazione.

Chi si comporta in questo modo non ha nulla da spartire con il 25 aprile, l'antifascismo, la democrazia. Nessuna motivazione pu´┐Ż essere adotta, tanto meno accettata, a sostegno di slogan e condotte intolleranti e che puntano a trasformare l'unit´┐Ż e i valori dell'antifascismo in pratiche antidemocratiche. Ogni democratico ed antifascista ´┐Ż chiamato ad un impegno conseguente."

Roma 16 aprile 2015

Sonego, Borioli, Broglia, Caleo, Capacchione, Cardinali, Chiti, Cociancich, Corsini, Fabbri, Fattorini, Favero, Fedeli, Filippin, Fornaro, Gatti, Giorgi, Gotor, Guerra, Guerrieri, Idem, Lai, Logiudice, Muchetti, Padua, Pagliari, Pegorer, Pezzopane, Santini, Silvestro, Spilabotte, Tronti, Vaccari ,Zanoni



  17/04/2015

LA NUOVA LEGGE SULL'AUTISMO NASCE A PORDENONE




La commissione sanit´┐Ż del Senato ha approvato in sede legislativa la legge che per la prima volta organizza interventi organici in materia di autismo. Ora il provvedimento passa alla Camera.

Lo comunica il senatore Lodovico Sonego il quale aggiunge che l'azione legislativa ha visto la luce anche grazie alle esperienze particolarmente avanzate della provincia di Pordenone dove, grazie alla Fondazione bambini ed autismo e al Servizio Sanitario Regionale, si ´┐Ż consolidata un'organizzazione terapeutica ed assistenziale molto avanzata e nota in Italia e all'estero.

Sonego ricorda il sostegno alla Fondazione sin dai tempi in cui era assessore regionale. Rammenta inoltre la visita a Pordenone della Commissione sanit´┐Ż del Senato che egli stesso promosse. La delegazione parlamentare era guidata dalla senatrice Venera Padua che ebbe modo di apprezzare l'eccellente lavoro e l'approccio innovativo della realt´┐Ż pordenonese frutto del lavoro di squadra tra Fondazione bambini ed autismo, dell'Azienda sanitaria e Regione.

Proprio avendo apprezzato l'esperienza pordenonese gli esponenti della Fondazione e dell'Azienda sanitaria furono successivamente invitati in Senato ad una audizione della commissione sanit´┐Ż che stava approntando la nuova legge.

... DDL S. 1487 - Disposizioni a favore delle persone autistiche     [ link ]




  14/04/2015

SONEGO SUGLI ATTACCHI ALLA SPECIALITA'




So quale sia l'immenso valore della nostra specialit´┐Ż perch´┐Ż conosco la storia della mia regione, ho frequentato per anni la Conferenza Stato regioni, ho partecipato alla discussione parlamentare sulla riforma del Titolo V: tutto questo per dire che gli attacchi che subiamo in questi giorni erano ampiamente previsti.

Anzi ´┐Ż stato un errore sottovalutare l'ostilit´┐Ż dello Stato centrale e delle ordinarie. Gli attacchi proseguiranno e nei prossimi mesi si manifesteranno in forme inedite e pericolose. La mia posizione ´┐Ż nota e la sosterr´┐Ż. Con la caparbiet´┐Ż di sempre.



 
08/04/2015

RIDUZIONE DEL NUMERO DELLE REGIONI IN FRANCIA

Il 17 gennaio scorso ´┐Ż stata pubblicata sul Journal Officiel de la R´┐Żpublique Fran´┐Żaise la Loi n. 2015-29 du 16 janvier 2015 relative ´┐Ż la d´┐Żlimitation des r´┐Żgions, aux ´┐Żlections r´┐Żgionales et d´┐Żpartementales et modifiant le calendrier ´┐Żlectoral1.

Annunciata dal Presidente Hollande nel gen-naio 2014, illustrata in via ufficiale dallo stesso Presidente il 2 giugno 20142 e varata dal Consiglio dei Ministri del 18 giugno 2014, la riforma ha suscitato un acceso dibat-tito, tanto da impedirne l´┐Żadozione entro l´┐Żestate 2014, come avrebbe voluto il Primo Ministro Valls.

La Legge in commento rappresenta la secon-da tappa di una pi´┐Ż ambiziosa riforma territo-riale perseguita dal Presidente Hollande, il cui primo passaggio ´┐Ż stata l'approvazione - nel gennaio 2014 - della Legge per la moder-nizzazione dell'azione pubblica territoriale e l'affermazione delle metropoli3.

... leggi tutto [ link ]



ritorna SU   




  31/03/2015

SUBITO LE GARE PER LE CONCESSIONI AUTOSTRADALI




"L'articolo 5 dello Sblocca Italia ´┐Ż rimasto orfano. Leggo e registro che la norma per la proroga delle concessioni autostradali in barba al diritto comunitario viene ripudiata anche da Aiscat". E' quanto afferma in una nota il senatore del Partito democratico Lodovico Sonego, membro della Commissione Trasporti a Palazzo Madama.

"Il presidente dell'associazione delle concessionarie autostradali si ´┐Ż pronunciato contro le norme speciali, l'articolo 5 appunto, e ha chiesto il rispetto della direttiva europea 23/2014 - sottolinea l'esponente pd - In realt´┐Ż la pedissequa e immediata applicazione di tale direttiva non ´┐Ż una scelta ma un puro obbligo ribadito con fermezza dalla Commissione europea.

... leggi tutto     [ link ]




  20/03/2015

SONEGO SULLA PRIVATIZZAZIONE DEL GRUPPO FS




La privatizzazione decisa dal Governo, si parla di un 40% dell'intero Gruppo, costituisce una vicenda industriale italiana di prima grandezza. FS ´┐Ż infatti la maggiore azienda italiana del trasporto e della logistica e la terza societ´┐Ż ferroviaria in Europa.

Il gruppo FS esercita inoltre un rilevante ruolo sociale in tutto il paese per la sua influenza sulla mobilit´┐Ż delle persone e per il numero di addetti.

Il Gruppo fattura circa 8,5 MLD annui e ha circa 70 Mila dipendenti.

La Commissione definir´┐Ż il programma dei suoi lavori nei prossimi giorni ma si pu´┐Ż gi´┐Ż anticipare che lavorer´┐Ż a stretto contatto di gomito con il Governo. Cosa scontata del resto.

Non credo che i cambiamenti debbano suscitare timore, ´┐Ż importante che innovazioni cos´┐Ż rilevanti siano frutto di dibattito.




  19/03/2015

SONEGO RELATORE SULLA PRIVATIZZAZIONE DI FS




La Commissione VIII del Senato, infrastrutture e trasporti, ha incardinato oggi l'affare assegnato n. 514 che concerne "Aspetti inerenti al progetto di privatizzazione del Gruppo Ferrovie dello Stato". Relatore ´┐Ż stato nominato il senatore Lodovico Sonego.

Il programma di lavoro della Commissione sulla materia della privatizzazione del Gruppo FS verr´┐Ż definito.

... ultim'ora del Corriere della Sera     [ link ]




  14/03/2015

SONEGO BOCCIA L'IPOTESI FASOLA AL TIMONE DEL CRO DI AVIANO




´┐ŻPer la direzione generale del Cro dico no a nessuna forma di bigamia´┐Ż. Lo sostiene il senatore del Pd, Lodovico Sonego, in visita ieri all´┐Żistituto di ricerca e cura della Pedemontana: niente nomi, ma ´┐Ż evidente che boccia l´┐Żipotesi dell´┐Żattuale direttore del dipartimento di oncologia dell´┐Żospedale di Udine, Gianpiero Fasola, tra i papabili alla guida dell´┐Żistituto.

Sonego ha anche invitato la Regione a procedere quanto prima alla redazione del piano oncologico.

Campus. La giornata avianese del senatore ´┐Ż cominciata con la visita al Campus, la cui costruzione ´┐Ż ormai alle battute finali, accompagnato dal direttore generale, Piero Cappelletti, quello scientifico Paolo De Paoli, e dal presidente del Comitato di vigilanza e indirizzo, Michelangelo Agrusti, con cui poi ha affrontato altri temi.

´┐ŻIl Campus ´┐Ż afferma ´┐Ż nasce da un finanziamento di 6 milioni di euro della Regione. La decisione di fare questa operazione fu assunta in una sera di dicembre del 2006 da me e dall´┐Żallora vicepresidente della Regione, Gianfranco Moretton´┐Ż.

... leggi tutto l'articolo del Messaggero Veneto     [ link ]




  14/03/2015

SONEGO AD AQUILEIA SULLA SPECIALITA' DEL FVG




So molto bene quale sia l'immenso valore dell'autonomia speciale della Regione Friuli Venezia Giulia, ´┐Ż per questo che la sostengo.

Senza l'autonomia speciale saremmo ancora un'area svantaggiata, tutte le conquiste che ci hanno portato ad essere una delle aree pi´┐Ż affluenti d'Europa hanno a motivo l'impegno delle persone e delle imprese ma anche l'autonomia speciale.

Chi ha vissuto la nostra storia lo sa. Non serve essere friulanisti per stare dalla parte dell'autonomia, io sono veneto di Pordenone e sostengo l'autonomia. Pordenone sta dalla parte dell'autonomia non meno di Udine o Trieste.

Dunque la difesa dell'autonomia come patrimonio comune.

... leggi tutto     [ link ]




  13/03/2015

INTERA GIORNATA DEDICATA AL CRO DI AVIANO




Giornata del senatore Lodovico Sonego interamente dedicata al CRO con una pluralit´┐Ż di incontri.

In primo luogo una visita al cantiere ormai quasi ultimato del Campus. La struttura sar´┐Ż il luogo fisico nel quale nei prossimi anni soggiorneranno e lavoreranno gli scienziati e i medici che verranno al CRO per contribuire alle azioni scambio scientifico e professionale che l'istituto di Aviano organizzer´┐Ż nell'ambito del suo network internazionale.

La struttura disporr´┐Ż di sale didattiche, zone di ricerca, scambio culturale scientifico e poi di 26 camere singole e 6 piccoli appartamenti per una ricettivit´┐Ż totale di circa 60 ospiti. I lavori saranno terminati in un paio di mesi circa.

... leggi tutto     [ link ]




  26/02/2015

CONFRONTO SUL BONUS FISCALE MOBILI




Sonego, la vicepresidente del Senato Valeria Fedeli hanno incontrato a Palazzo Madama il direttivo nazionale di Federlegno-Confindustria guidato dal presidente Roberto Snaidero.

Argomento di confronto, fra gli altri, il bonus fiscale mobili di cui Sonego ´┐Ż stato uno dei protagonisti.

La senatrice Fedeli si ´┐Ż invece soffermata a lungo sul Made in Italy.

... vedi tutto     [ link ]




  17/02/2015

SONEGO GELA SERRACCHIANI




Posizioni ruvide e provocazioni per stanare l'avversario (politico), che nel caso ´┐Ż dello stesso partito.

Nel confronto per salvare la Specialit´┐Ż regionale tra Debora Serracchiani, Franco Iacop, i parlamentari ed i capi gruppo in Consiglio, emergono i conflitti nel Pd e le visioni opposte.

... leggi tutto l'articolo apparso sul Messaggero Veneto del 17.02.2015     [ link ]




  14/02/2015

PRODI BOCCIA L'UNIONE EUROPEA




Ex presidente del Consiglio, gi´┐Ż ministro del Tesoro e dell'Industria, ex presidente della Commissione europea e del Consiglio europeo, economista, in questa intervista Romano Prodi sferza l'Europa, che non c'´┐Ż, parlando di Libia e anche di Fvg.

... leggi tutto l'articolo apparso sul Messaggero Veneto del 14.02.2015     [ link ]




  11/02/2015

IL MIO VITALIZIO? ECCO LA VERITA'




«Non sono di Venezia, ma serenissimo lo stesso». Il senatore del Pd Lodovico Sonego si affida allo spitito per rendere evidente che il polverone che gli si ´┐Ż sollevato attorno perch´┐Ż ha deciso di non mollare rispetto alla richiesta di riconoscimento del vitalizio per i cinque anni che ha fatto come assessore tecnico nella giunta Illy, non gli ´┐Ż caduto addosso.

Ben inteso, richiesta con la sospensione dell'erogazione finch´┐Ż ´┐Ż parlamentare, cos´┐Ż com'´┐Ż sospeso l'assegno di 4mila euro cui ha diritto per i suoi 15 anni di consigliere regionale.

... leggi tutto l'articolo apparso sul Messaggero Veneto del 11.02.2015     [ link ]

... leggi tutto l'articolo apparso sul Messaggero Veneto del 07.02.2015     [ link ]




  04/02/2015

SONEGO SU IDEALSCALA




Grande soddisfazione per la firma dell'accordo Idealscala oggi pomeriggio al Ministero dello Sviluppo Economico.

Lo dichiara il senatore Lodovico Sonego che si ´┐Ż a lungo dedicato alla delicata e a tratti tesa vertenza che ha visto implicati circa quattrocento lavoratori con le rispettive famiglie.

Ora i lavoratori iniziano la sfida dell'autoimprenditorialit´┐Ż e avranno ancora bisogno del sostegno del territorio e delle istituzioni, a cominciare dalla Regione.



  02/02/2015

FERROVIA PEDEMONTANA: NON C'E' FUTURO PER IL TRENO


´┐ŻLo studio appena commissionato porter´┐Ż alla conclusione che i costi di una gestione regionale della ferrovia Sacile Gemona sono troppo alti e, quindi, che la Regione non ´┐Ż in grado di gestirla in autonomia. Spero di sbagliare, ma temo che andr´┐Ż cos´┐Ż, perch´┐Ż la conoscenza della materia mi dice questo´┐Ż.

L´┐Żanalisi, che suona, di fatto, il ´┐Żde profundis´┐Ż a chi crede ancora nella possibilit´┐Ż di rivedere un treno sulla Pedemontana, giunge dal senatore pordenonese del Pd, Lodovico Sonego. Assessore ai trasporti nella giunta regionale Illy, attuale componente della commissione trasporti e infrasttrutture del Senato, Sonego ha una certa ´┐Żdimestichezza´┐Ż col settore. Ne conosce i vari aspetti, le varie sfumature, soprattutto le politiche.

... leggi tutto     [ link ]




  31/01/2015

MATTARELLA PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Il Pd unito elegge Sergio MATTARELLA Presidente della Repubblica. Una personalit´┐Ż di grande livello istituzionale ed autonomia politica a capo dello Stato.

Ora avanti con l'unit´┐Ż del Pd e con le riforme per innovare l'Italia e l'Europa.
 




28/01/2015

SONEGO: BASTA BUONISMO, SONO TROPPI

Va messa la parola fine all'accoglienza a tutti costi, figlia di un certo buonismo senza doveri n´┐Ż diritti, mentre diventa prioritario fare chiarezza e smetterla con gli infingimenti. Concetti non nuovi, ma che generano un surplus di attenzione se espressi da un parlamentare del Pd, partito che ha una linea pi´┐Ż morbida.

La posizione ´┐Ż del senatore Lodovico Sonego che, senza mezzi termini, afferma come ´┐Żentrare in Italia e in Europa non ´┐Ż un diritto e il bricolage locale non ha prospettive. Bisogna partire da qui´┐Ż.

A giudizio del parlamentare pordenonese ´┐Żle cose che accadono in questi giorni sono figlie della politica della doppia finzione. L'Italia fa finta di rispettare gli obblighi internazionali che nascono con Schengen e l'Europa finge di considerare come comunitario il problema del flusso biblico di migranti che lascia il Medio Oriente e il Maghreb per entrare in Italia e quindi in Europa.

... leggi tutto l'articolo del Messaggero Veneto [ link ]




  27/01/2015

VERTENZA DEI LAVORATORI CIVILI DELLA BASE USA DI AVIANO

Nella Base USA di Aviano c'´┐Ż una lunga tradizione di relazioni sindacali improntate a collaborazione e dialogo. Un metodo che ha dato buoni frutti.

Sarebbe cosa utile se si proseguisse su quella strada sapendo che in questo modo ´┐Ż pi´┐Ż facile risolvere i problemi.

E' questo il senso del sollecito che il senatore Lodovico Sonego rivolge alle autorit´┐Ż statunitensi impegnate in un confronto con i sindacati, in corso da tempo, sulla materia della riorganizzazione di alcuni servizi della base.

In tale contesto, prosegue Sonego, una approfondita discussione di merito consentir´┐Ż certamente un'intesa soprattutto tenendo conto che gli organici delle forze armate statunitensi dislocate nella base di Aviano sono destinati a crescere di alcune centinaia di unit´┐Ż in breve tempo.



  27/01/2015

SONEGO E IL VOTO FINALE SULL'ITALICUM

Non ho partecipato al voto sulla legge nel suo complesso come altri colleghi che come me si sono impegnati contro i nominati.

Ho firmato e votato gli emendamenti che avrebbero consentito ai cittadini di scegliersi il parlamentare anzich´┐Ż vederselo imposto in ragione del 60% degli eletti a causa dei capolista bloccati.

Ho scelto di sostenere con coerenza quegli emendamenti perch´┐Ż l'impegno del Pd, nei programmi e nelle dichiarazioni di tutti i candidati a segretario durante le primarie, ´┐Ż sempre stato chiaro: niente nominati.

Spiace che una maggioranza di senatori abbia fatto scelte che vanno in altra direzione.

Sarebbe stato un errore votare contro la legge nel suo complesso perch´┐Ż, anche grazie all'impegno di tanti di noi, la legge ´┐Ż oggettivamente migliorata. Non c'erano le condizioni per un voto favorevole perch´┐Ż rimane la ferita dei parlamentari nominati anzich´┐Ż eletti.



  23/01/2015

SONEGO SULL'IMU AGRICOLA DOPO LE DECISIONI DEL GOVERNO

Il lavoro dei senatori del Pd ha dato buoni frutti in materia di IMU agricola. Lo dichiara il senatore Lodovico Sonego. Per l`anno 2014 saranno applicati i criteri di montanit´┐Ż cos´┐Ż come elaborati dall`Istat e con l`effetto sono esenti tutti i comuni montani e, nei comuni parzialmente montani, vengono esentati tutti i terreni di propriet´┐Ż o in affitto a imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti.

"Con i nuovi criteri - ha evidenziato Sonego- 3546 comuni saranno totalmente esenti e 655 parzialmente esenti. Il termine di pagamento per chi non rientra nei parametri di esenzione ´┐Ż posticipato al 10 febbraio. Questa soluzione certamente rappresenta una risposta convincente per quanti operano nelle zone montane ed ´┐Ż un traguardo importante. Le questioni amministrative poste dai comuni hanno trovato una prima risposta anche se permangono le difficolt´┐Ż nei comuni pi´┐Ż piccoli per rendere operativa la fase di riscossione dell`Imu agricola. Complessivamente con il rinvio al 10 febbraio e con la rimodulazione dei criteri per il 2014 sono stati fatti due importanti passi in avanti".



  21/01/2015

SONEGO SUGLI EMENDAMENTI ALL'ITALICUM

Ho votato gli emendamenti che avevo sottoscritto insieme ad altri colleghi per consentire agli elettori di scegliersi il parlamentare con il voto di preferenza.

Con molti altri senatori ho cercato di migliorare la legge elettorale. Una maggioranza di senatori non ha consentito quel passo in avanti e il 60% del Parlamento continuer´┐Ż ad essere nominato.



  09/01/2015

I GIORNALISTI NON BESTEMMIANO MAI

I giornalisti, qualsiasi cosa scrivano o disegnino, non bestemmiano mai. In altri termini i giornalisti non sono mai limitati -ne' possono esserlo- da norme di carattere religioso, possono tuttalpi´┐Ż essere chiamati davanti a un giudice dello Stato se si ritiene che dello Stato abbiano violato la legge.

Le comunit´┐Ż islamiche presenti in Italia non possono sottrarsi a questa fondamentale norma che non ´┐Ż una semplice autodisciplina di convivenza ma legge della Repubblica Italiana.

E il rispetto e l'applicazione della legge della Repubblica sono dovuti da parte di tutti senza eccezioni.

La condanna del terrorismo islamico non pu´┐Ż limitarsi alla tragedia parigina che colpisce il cuore dell'Europa e l'immaginazione di 500 milioni di europei, deve includere tutte le manifestazioni terroristiche a cominciare, per esempio, dalle stragi africane di Boko Haram.



  20/12/2014

UNA LEGGE DI STABILIT´┐Ż CHE RIDUCE IL CUNEO FISCALE


Ora il cuneo fiscale sul lavoro ´┐Ż significativamente pi´┐Ż piccolo e per le aree manifatturiere che esportano come Pordenone e il Nord Est ´┐Ż un consistente passo avanti che solo diciotto mesi fa' era impensabile.

Un contributo molto importante alla competitivit´┐Ż internazionale delle nostre imprese. Il problema ´┐Ż ben presente in provincia di Pordenone dove la partita Electrolux e di molte altre aziende si gioca moltissimo proprio sul differenziale del costo del lavoro che deriva da oneri fiscali e contributivi.

Lo afferma il senatore Lodovico Sonego nel corso del brindisi per gli auguri natalizi, offerto insieme ai consiglieri regionali Renzo Liva e Renata Bagatin, e tenutosi a Pordenone a mezzogiorno.

Sonego, a dire il vero, ´┐Ż arrivato a brindisi quasi concluso causa i lavori del Senato sulla legge di stabilit´┐Ż che si sono protratti ininterrottamente per 24 ore e conclusisi oltre i tempi previsti alle otto di mattina.

Il senatore ha ricordato che, dopo l'intervento degli ottanta euro mensili di detrazioni fiscali che riducono il cuneo fiscale lato dipendente per una vasta platea di contribuenti, con la stabilit´┐Ż 2015 si ´┐Ż agito sul cuneo lato impresa.

La riduzione di quella parte dell'IRAP che deriva dal costo delle retribuzioni dei dipendenti costituisce infatti proprio un contributo alla riduzione del cuneo lato azienda con immediato recupero di competitivit´┐Ż nei confronti della concorrenza estera. In questo modo si riduce il costo del lavoro.

Bisogner´┐Ż fare ancora di pi´┐Ż per migliorare la competitivit´┐Ż della manifattura italiana ma la legislazione approvata nel 2014 rappresenta una prima concreta azione.



  09/12/2014

L'ITALICUM NON MI PIACE. IL CITTADINO NON PUO' SCEGLIERE


All'Italicum mancano le preferenze e ´┐Żio sono per riconsegnare lo scettro al cittadino elettore´┐Ż. La legge elettorale ´┐Ż un ´┐Żelemento fondativo della Repubblica, ne terr´┐Ż conto nell'esprimere le mie opinioni e il mio voto´┐Ż. Cos´┐Ż il senatore del Pd Lodovico Sonego, che a Roma non stenta a far sentire le sue posizioni anche in divergenza ai dettami del partito, quando si ´┐Ż alla vigilia di quella che nelle intenzioni del premier Matteo Renzi dovrebbe essere una corsa finale e veloce per l'approvazione del nuovo strumento elettorale, l'Italicum.

Renzi vorrebbe fosse varato entro l'anno. Sar´┐Ż cos´┐Ż? Si vedr´┐Ż.

Nella visione di Sonego il testo ha fatto passi avanti rispetto alle critiche aspre che egli stesso mosse nella prima stesura (per premio di maggioranza e soglia di sbarramento), ma resta il vulnus ´┐Żmolto serio´┐Ż per il quale il cittadino non pu´┐Ż scegliere il suo rappresentante.

... leggi tutto     [ link ]




  08/12/2014

AL CRO SERVE UN NUOVO DIRETTORE


Il mantenimento della qualifica di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) per il Cro significa far appartenere l´┐Żospedale di Aviano a un limitato gruppo di strutture sanitarie (quaranta in tutto il Paese) che rappresentano l´┐Żeccellenza nella ricerca e possono vantare il diritto alla fruizione di finanziamenti pubblici per la ricerca scientifica.

Una commissione del ministero della Salute ´┐Ż stata qualche giorno fa ad Aviano per le verifiche periodiche e ha sollevato alcune prescrizioni cui la Regione dovrebbe provvedere a breve.

Lodovico Sonego, senatore del Pd, ha sollecitato ieri un intervento tempestivo sostenendo che ´┐Ż´┐Ż necessario che ci sia un chiarimento della Regione rapido e senza ambiguit´┐Ż. Sonego aveva gi´┐Ż affrontato l'argomento all'inizio dell'autunno nel corso di un incontro svoltosi, su iniziativa del parlamentare, proprio al Cro con il personale medico.

... leggi tutto     [ link ]




  27/11/2014

QUARTO PACCHETTO FERROVIARIO. COMMISSIONI DEL SENATO A SOSTEGNO DELLA COMMISSIONE EUROPEA


Il Senato, dopo il pronunciamento della propria Commissione trasporti che si era espressa con un parere di merito lo scorso 21 ottobre sostenendo il testo della Commissione anzich´┐Ż quello del Parlamento europeo, torna sul Quarto pacchetto ferroviario con una risoluzione formale e congiunta delle commissioni trasporti e affari comunitari approvata in data odierna.

Le due commissioni "ritengono che il Quarto pacchetto, nella versione proposta dalla Commissione europea, in particolare per quanto riguarda il pilastro politico e segnatamente la governance della rete delle infrastrutture, risulti pi´┐Ż convincente e preferibile della versione emendata dal Parlamento europeo".

Le due commissioni Impegnano il governo affinch´┐Ż il Consiglio trasporti del 3 dicembre approvi il Quarto pacchetto ferroviario, in via prioritaria, nella versione proposta originariamente dalla Commissione europea.

Relatori della risoluzione sono la senatrice Cardinali per la Commissione 14a Affari comunitari e il senatore Sonego per la Commissione 8a Trasporti e infrastrutture.



  26/11/2014

TONNAGE TAX. AUDIZIONE URGENTE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE E DI CONFITARMA


I senatori Filippi, Sonego, Russo, Pegorer e Battisti hanno chiesto che la direttrice dell'Agenzia delle Entrate e il presidente di CONFITARMA vengano auditi dalla Commissione trasporti del Senato con somma urgenza.

La richiesta nasce da una sanzione tributaria di quasi sessanta milioni di euro irrogata a carico di una compagnia di schipping di diritto italiano che applica la Tonnage Tax.

La Tonnage Tax fu introdotta nell'ordinamento italiano una decina di anni fa per contrastare la concorrenza fiscale di altri paesi comunitari che gi´┐Ż disponevano di identico regime tributario. La misura servi' a rafforzare la marineria italiana.

I provvedimenti sanzionatori a carico della compagnia italiana hanno l'effetto di vanificare la legislazione voluta dal Parlamento a sostegno della marineria nazionale.



  20/11/2014

VIENNA. L'ASSEMBLEA PARLAMENTARE DELL'INCE APPROVA L'EMENDAMENTO SONEGO


L´┐ŻAssemblea parlamentare dell´┐ŻINCE (Iniziativa Centro Europea) riunitasi nei giorni scorsi a Vienna ha approvato il documento finale che conclude l´┐Żanno di presidenza austriaca e definisce le strategie per il 2015.

L´┐Żorganizzazione internazionale ha sede a Trieste ed ´┐Ż costituita da diciotto stati membri: alcuni, fra cui l´┐ŻItalia che ne ´┐Ż uno dei promotori e fondatori, sono membri dell´┐ŻUnione europea altri come Ucraina, Bielorussia, Moldova e Macedonia non ne fanno parte.

L´┐ŻAssemblea parlamentare ha approvato un emendamento che il senatore Lodovico Sonego ha proposto al documento finale.

... leggi tutto     [ link ]




  18/11/2014

ACCOGLIERE TUTTI IMPEDISCE L'INTEGRAZIONE


"Aprire a tutti coloro che bussano significa rendere impossibile l'integrazione". Il senatore Pd Lodovico Sonego interviene Friuli Venezia Giulia per l'ipotesi di allestire luoghi d'accoglienza in ex caserme.

Senatore Sonego, non proprio una dichiarazione secondo lo stile del "politicamente corretto", la sua. Non teme una contraerea da parte della sua stessa parte politica?

... leggi tutto     [ link ]




  18/11/2014

DISPIACERE PER LE PAROLE ED I GESTI RIVOLTI AL VESCOVO PELLEGRINI


Profondo dispiacere per i gesti e le parole usate nei confronti del vescovo Pellegrini da un gruppo di sedicenti animalisti. ´┐Ż questo il senso di una lettera del senatore Sonego a monsignor Giuseppe Pellegrini.

Ecco il testo integrale della missiva.

Roma, 13 novembre 2014
Eccellenza, desidero esprimerle pubblicamente il mio profondo dispiacere. Mi hanno colpito le parole e i gesti di sedicenti ambientalisti che si sono rivolti alla sua persona in modo inurbano. Non si tratta solo di parole e di fatti molto sopra le righe. Sono, persino, espressioni prive di razionalit´┐Ż. Con l'occasione voglio ringraziarla per la sua azione pastorale nella nostra comunit´┐Ż e per il suo impegno sociale, a cominciare dal lavoro. Con stima,
Lodovico Sonego





  13/11/2014

LA MINISTRO PINOTTI RISPONDE A SONEGO SUL TORIO NEI MAGREDI DI CORDENONS


Il torio 132 ´┐Ż presente presso quattro degli otto obiettivi statici collocati nei magredi di Cordenons ed ´┐Ż gi´┐Ż stato approvato un piano di caratterizzazione per poi dare seguito alle azioni ripristino ambientale.

Lo comunica la ministro della difesa Roberta Pinotti al senatore Lodovico Sonego che sull'argomento aveva presentato una interrogazione parlamentare.

Allegato il testo integrale della risposta della ministro.

... leggi tutto     [ link ]




  12/11/2014

SONEGO IN COMMISSIONE SULLE IPOTESI DI QUOTAZIONE DEL GRUPPO FS


Prima di pensare ad una eventuale quotazione in borsa di Ferrovie dello Stato bisogna che il Governo e il Gruppo sottopongano al Parlamento una convincente strategia dell'azienda di Stato per il paese.

Lo ha affermato il senatore Lodovico Sonego in Commissione trasporti nel corso dell'audizione del presidente e dell'amministratore delegato del Gruppo FS.

Prima di tutto viene la definizione di una strategia trasportistica a sostegno dello sviluppo dell'Italia, gli assetti del Gruppo FS non possono che essere funzione di quegli obiettivi.

E va detto anche che proprio l'interesse nazionale richiede che la rete ferroviaria rimanga totalmente in mano pubblica con lo scopo di una reale liberalizzazione dell'accesso all'infrastruttura. Il modello britannico ´┐Ż a questo proposito un utile riferimento.




  21/10/2014

SI DEL SENATO AL IV PACCHETTO FERROVIARIO MA NELLA VERSIONE ORIGINARIA


La Commissione trasporti del Senato, relatore Sonego, ha espresso oggi parere favorevole al quarto pacchetto ferroviario ma nella versione proposta dalla Commissione europea, non in quella emendata dal Parlamento di Strasburgo.

La Commissione del Senato si ´┐Ż soffermata in particolare su una delle sei misure legislative del pacchetto, la proposta di direttiva che riguarda l'apertura del mercato dei servizi nazionali di trasporto dei passeggeri e la governance delle infrastrutture ferroviarie.

... leggi tutto     [ link ]




  21/10/2014

AUTOSTRADE. LA LETTERA DI BRUXELLES NON E' UNA NOTIZIA


La lettera di Bruxelles non ´┐Ż una notizia, ´┐Ż solo un atto dovuto e quindi ampiamente previsto. L'idea di prorogare le concessioni autostradali, in alcuni casi anche di vent'anni, senza bandire una gara non ´┐Ż solo contraria al diritto comunitario ma ´┐Ż anche contraria agli interessi del paese.

Quando la materia giunger´┐Ż al Senato riproporr´┐Ż i contenuti del mio disegno di legge (S. 1044) che porta a compimento l'impostazione della Direttiva Costa-Ciampi (1995) rispettando le regole Ue, il mercato e i consumatori. Non ultimo anche la trasparenza.

... leggi tutto     [ link ]




  27/09/2014

SONEGO PER LA FERROVIA SACILE - GEMONA E LA CICLOVIA CASARSA - PINZANO


La sala del consiglio comunale di San Martino al Tagliamento ha ospitato la sera di sabato 27 settembre un importante ed affollato convegno promosso dai circoli del Pd che lungo il Tagliamento vanno da Casarsa a Pinzano.

Tema del convegno l'utilizzo per scopo ciclistico della vecchia e dismessa ferrovia Casarsa´┐Ż- Pinzano.

Relatori, fra gli altri, il senatore Lodovico Sonego, l´┐Żfeurodeputata Isabella De Monte e il deputato Giorgio Zanin.

... leggi tutto     [ link ]




  25/09/2014

SONEGO SULLA RISPOSTA DEL VICEMINISTRO CLAUDIO DE VINCENTI PER ELECTROLUX

Apprezzamento per il ruolo svolto dal governo per la vicenda Electrolux, sia da parte del Ministero del Lavoro che dello Sviluppo Economico, e necessit´┐Ż di mantenere anche nei prossimi tre anni la massima attenzione sull'evoluzione del Gruppo.

Questa in massima sintesi le considerazioni del senatore Sonego che insieme ai colleghi Maurizio Sacconi e Giorgio Santini avevano presentato una interrogazione al governo sul futuro della presenza in Italia del Gruppo di Stoccolma.

Sonego, in replica, ha sollecitato l'esecutivo a fare in modo che il decreto sulla decontribuzione dei contratti di solidariet´┐Ż possa essere operativo al pi´┐Ż presto e ha inoltre confermato la necessit´┐Ż di impiegare il triennio di vigenza della recente intesa governo-Electrolux-sindacati per radicare in Italia il gruppo svedese in maniera ancora pi´┐Ż consistente.

... leggi tutto [ link ]



  23/09/2014

LETTERA A LUPI E CAMANZI PER LA FERROVIA SACILE-GEMONA


Rete Ferroviaria ´┐Ż inadempiente rispetto agli obblighi del contratto di programma sottoscritto con lo Stato perch´┐Ż non rimette in pristino la ferrovia Sacile-Gemona.

Rete ferroviaria Italiana riceve un corrispettivo dallo Stato in cambio del quale ´┐Ż obbligata a garantire l'efficienza di tutta la rete nazionale nella quale rientra anche la Sacile-Gemona.

E' questo il senso della lunga e documentata lettera che il senatore Lodovico Sonego ha inviato al ministro Maurizio Lupi e al presidente dell'Autorit´┐Ż di regolazione dei trasporti Andrea Camanzi.

Il senatore si riserva peraltro ulteriori iniziative sull'argomento.

Sonego ripercorre nella lettera le tappe dell'interruzione della linea a seguito di una frana del 2012 e richiama gli obblighi della concessionaria, RFI.

... leggi la Lettera     [ link ]




  20/09/2014

STRADE E FIBRA OTTICA. IL PD PER LA ZONA DEL MOBILE

Friuli Venezia Giulia Strade SpA si dia una mossa. Ci sono quarantotto milioni di euro disponibili cash per realizzare opere viarie nella zona del mobile e non bisogna perdere tempo. La velocit´┐Ż ´┐Ż tutto. I ritardi burocratici non sono accettabili, soprattutto vista la difficile situazione e economica.

E´┐Ż questo in sintesi il messaggio del senatore Sonego nel corso dell´┐Żassemblea pubblica indetta dal circolo del Pd di Brugnera in collaborazione con quelli di Pasiano e Prata. L´┐Żincontro, presieduto dalla segretaria del circolo Roberta Sandrin, ´┐Ż stato l´┐Żoccasione per un approfondito e costruttivo confronto tra cittadini ed amministratori comunali di diverse collocazioni politiche.

... leggi tutto [ link ]



  16/09/2014

BANDA LARGA E SEQUALS - GEMONA NON SONO ALTERNATIVE

Banda larga? Ho gi´┐Ż fatto. Giorni fa ho richiamato la necessit´┐Ż di realizzare il collegamento viario Sequals-Gemona e mi si ´┐Ż obiettato che se la Regione dovesse decidere dell'impiego di 350 milioni sarebbe preferibile li spendesse in banda larga piuttosto che in nuovo asfalto. Da assessore regionale ho sempre pensato che infrastrutture viarie e banda larga non sono in antitesi e ho agito di conseguenza: in primo luogo ho varato il programma Excellent region in a multimedia european society (Ermes) dotato di 120 milioni di euro per portare fibra ottica a tutti.

Quindi ho varato e finanziato un consistente programma di infrastrutture viarie. Per la connessione Cimpello-Sequals-Gemona con due corsie per senso di marcia ho introdotto la norma di legge che consente alla Regione di assegnare concessioni come fa lo Stato, in altri termini realizzare le infrastrutture con capitali privati mediante finanza di progetto.

... leggi tutto [ link ]



  08/09/2014

L'ACQUISIZIONE DI GE DA PARTE DI ELECTROLUX RILANCIA LA SFIDA GLOBALE

Bisogner´┐Ż come sempre capirne di pi´┐Ż, ma nel frattempo prendo per buono Keith McLouglin quando dice che ´┐Żacquisizione rafforza l´┐Żimpegno per l´┐Żelettrodomestico e fornisce ad Electrolux scala ed opportunit´┐Ż per accelerare gli investimenti in innovazione e crescita globale´┐Ż.

Dopo l´┐Żacquisizione di Indesit da parte di Whirlpool il quartier generale di Stoccolma aveva due possibilit´┐Ż, subire o rilanciare. Ha optato per la seconda soluzione e questo ´┐Ż un fatto positivo che testimonia la volont´┐Ż di una scommessa sul terreno industriale.

... leggi tutto [ link ]



  01/09/2014

CONDIVISIONE DI SONEGO E DEI SINDACATI PER UN INTERVENTO TEMPESTIVO

Serve un intervento pubblico tempestivo, autorevole e consistente. Questo il senso ultimo dell´┐Żincontro svoltosi questa mattina a Pordenone tra il senatore Lodovico Sonego, i segretari provinciali confederali CGIL, CISL, UIL Pigozzo, Pellizzon, Zaami e i segretari provinciali metalmeccanici delle tre sigle per fare il punto nave sulla questione Electrolux.

Condivisione nel ritenere che il recente accordo sia un fatto positivo, che ora ci sono tre anni di tempo per costruire una strategia di radicamento di Electrolux in Italia e a Pordenone ma nel contempo piena consapevolezza che i tre anni, proprio per quella strategia di radicamento, vanno messi a profitto subito senza perdere tempo. Tre anni volano.

... leggi tutto [ link ]



  19/08/2014

LA COMUNITA' ISLAMICA COMPIA UN ATTO POLITICO E CONDANNI L'ISIS

Che cosa ne pensa la comunit´┐Ż islamica che vive a Pordenone? ´┐Ż bene che si esprima pubblicamente. Mi riferisco alle persecuzioni e alle stragi con cui l'estremismo islamico dell'Isis, invocando la fede, colpisce le minoranze cristiane, yazide, turcomanne di Siria ed Iraq.

Questo intervento desidera porre in modo esplicito e pubblico la questione del come culture, fedi ed etnie diverse costruiscono - come io auspico - un duraturo rapporto di proficua convivenza rispettando i principi e le regole di uno Stato liberale.

Il problema che pongo non ´┐Ż generale ed astratto, riguarda molto concretamente la provincia di Pordenone, partiamo da qui. Le persecuzioni e le stragi compiute in Siria ed Iraq dall'estremismo islamico di per s´┐Ż non possono lasciare indifferenti e la scelta di vivere (Con-Vivere) in un territorio ed in uno Stato (Italia) la cui vita ´┐Ż fondata sui principi e le regole del liberalismo a maggior ragione accentua la riprovazione dell'indifferenza.

... leggi tutto [ leggi tutto ]




  01/08/2014

ORGANI SOCIALI DELLA BANCA FRIULADRIA: LETTERA AD ALBERTO FRASSATI DI CARIPARMA

Caro Presidente,

Le scrivo in merito al rinnovo degli organi sociali della Banca Friuladria, quando avverr´┐Ż, e in particolare in merito alla presidenza.

Anzitutto per confermare la stima e l'apprezzamento per il lavoro del Presidente Antonio Scardaccio e, nel caso non fosse possibile la prosecuzione del suo mandato in occasione della scadenza, per raccomandare che il nuovo presidente sia espressione del mondo imprenditoriale della provincia di Pordenone.

E' bene che il territorio di Friuladria sia adeguatamente rappresentato anche nel consiglio.

... leggi tutto [ leggi tutto ]




  16/07/2014

SONEGO SULLA PRIMA RELAZIONE DELL'AUTORIT´┐Ż DEI TRASPORTI

I primi passi dell'Autorita Regolatrice dei Trasporti vanno nella direzione giusta e non mancheranno di provocare positivi effetti per i cittadini e le imprese.

La liberalizzazione del settore, in particolare la libert´┐Ż di accesso alle reti infrastrutturali, ´┐Ż uno snodo essenziale per la crescita del paese.

La definizione di regole che introducano il principio della concorrenza ´┐Ż inoltre essenziale anche per il settore del trasporto pubblico locale le cui ossificazioni si scaricano sulle condizioni di vita di milioni di italiani.

Lo dichiara il senatore Lodovico Sonego della Commissione Trasporti del Senato a commento della prima Relazione annuale dell'Autorita'.



  11/06/2014

DISEGNO DI LEGGE PER MODERNIZZARE IL TRASPORTO PUBBLICO

Il senatore Sonego e un folto gruppo di colleghi hanno depositato il disegno di legge 1405 in materia di diritto alla mobilit´┐Ż e procedure di assegnazione del servizio di trasporto pubblico locale su gomma, ferro, acqua.

Il disegno di legge conferma lo strumento del fondo nazionale trasporti, introduce l'istituto dei costi standard e del livelli essenziali di mobilit´┐Ż da garantire a tutte le persone su tutto il territorio nazionale.

Sono previste risorse aggiuntive per le regioni che assegnano il servizio di trasporto pubblico locale con gara europea e che integra totalmente il servizio gomma con ferro e acqua. E' questa inoltre la chiave di volta per poter affermare la buona prassi delle tariffazione integrata.

Si prevede infine la clausola sociale a tutela dei lavoratori dipendenti delle aziende pubbliche e private che oggi svolgono il servizio di trasporto pubblico locale che verr´┐Ż successivamente messo a gara.

La riforma proposta modernizza in modo consistente il sistema nazionale del trasporto pubblico locale e a parit´┐Ż di servizio consente una riduzione dei costi a carico dei bilanci pubblici.

Il DDL 1405 ´┐Ż la strada pi´┐Ż utile per avviare politiche di spending review nel settore del trasporto pubblico locale a parit´┐Ż di servizio erogato al cittadino.

... leggi tutto [ leggi tutto ]




  14/05/2014

ESTESO IL BONUS DI 80 EURO AI CASSINTEGRATI

L'agenzia delle Entrate ha diramato in data odierna la Circolare 9/E del 14 maggio 2014 stabilendo che il bonus IRPEF di 80 euro mensili spettante ai lavoratori dipendenti ´┐Ż esteso anche ai titolari di trattamento di casa integrazione guadagni, mobilit´┐Ż e indennit´┐Ż di disoccupazione.

Lo annuncia il senatore Lodovico Sonego affermando che in questo modo potra' usufruire del beneficio anche chi ha perso, magari anche soltanto temporaneamente, Il lavoro.

Il parlamentare osserva anche che la misura fiscale ´┐Ż di particolare importanza per le aree del FVG fortemente interessate al fenomeno delle crisi aziendali.

Il bonus di 80 euro ha il duplice di aumentare la possibilit´┐Ż di spesa di redditi bassi e di ridurre, dal lato del dipendente, il cuneo fiscale che grava sul lavoro.

Lo stesso provvedimento, il decreto legge 66/2014, interviene sul cuneo fiscale che grava sul costo del lavoro dal lato dell'impresa riducendo l'IRAP.

La materia ´┐Ż tratta dalla Circolare al punto 1.3. La circolare ´┐Ż allegata.




  14/05/2014

ELECTROLUX. E ORA NESSUN DORMA

L'accordo ´┐Ż di grande importanza perch´┐Ż una grande multinazionale che opera in Italia rimette la manifattura al centro della sua strategia. A gennaio non era cos´┐Ż.

Investimenti importanti, gestione condivisa dell'organico, nuova scommessa sul futuro dell'elettrodomestico. Questo in sintesi il significato dell'accordo.

E poi, di rilievo, una multinazionale che scommette nuovamente sul sistema Italia.

Tutto ci´┐Ż ´┐Ż il frutto dello straordinario impegno dei lavoratori e dei sindacati, delle istituzioni a cominciare da Parlamento, Regioni e Governo

Electrolux da parte sua ha contribuito seriamente all'intesa e fa piacere riconoscerlo.

Ora per´┐Ż nessun dorma. I problemi non sono risolti una volta per tutte. L'accordo odierno deve essere la leva su cui si agisce per costruire con lungimiranza un radicamento di lungo periodo della casa svedese in Italia. Deve essere anche l'opportunit´┐Ż per ricostruire il primato italiano nel bianco.




  13/05/2014

ELECTROLUX. RISULTATO VICINO


In queste ore si sono fatti passi avanti per un accordo che possa chiudere positivamente la vertenza Electrolux. Altri passi avanti si possono ancora fare e sono auspicabili.

L'intesa permetter´┐Ż di usufruire con tempestivit´┐Ż i benefici delle norme che il Parlamento sta approvando in via definitiva per la decontribuzione dei contratti di solidariet´┐Ż, peraltro elevata dal 25% al 35%.

Governo e Parlamento hanno svolto sin dall'inizio un ruolo utile e tempestivo.

Il quadro odierno ´┐Ż strutturalmente migliore di quello di quattro mesi fa quando Stoccolma voleva semplicemente far passare la strategia del disinvestimento in Italia e della delocalizzazione in Polonia.




  13/05/2014

IDEAL STANDARD FUGGE


Ideal Standard fugge, lasciando precipitosamente la riunione al Ministero dello Sviluppo Economico, perch´┐Ż ´┐Ż consapevole di essersi attestata su posizioni impresentabili che non riesce a motivare razionalmente.

La scelta della multinazionale ´┐Ż gravissima, peggiora la situazione del gruppo italiano e accentua le tensioni a Orcenico.

I costi economici che la multinazionale imbarcher´┐Ż se proseguir´┐Ż sulla strada imboccata nel pomeriggio saranno altissimi a meno che non decida di ritornare sulla strada della ragionevolezza.

Inutile dire che le istituzioni, a cominciare da chi scrive, saranno a fianco dei lavoratori.




  07/05/2014

MIGLIORATE LE NORME SUL BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI


Concluderemo probabilmente oggi le votazioni della Commissione sul del cosiddetto Piano Casa che la prossima settimana andr´┐Ż all'attenzione dell'aula del Senato.

Lo dice il senatore Lodovico SONEGO, che della commissione fa parte, aggiungendo che proprio le votazioni in commissione hanno gi´┐Ż consentito di approvare un emendamento in materia di "bonus mobili ed elettrodomestici" che introduce modificazioni molto utili.

Con l'emendamento approvato scompare il tetto di spesa che correlava l'acquisto di mobili e ed elettrodomestici all'importo della ristrutturazione edilizia.

Prima la spesa per mobili ed elettrodomestici, su cui beneficiare della detrazione d'imposta del 50%, non poteva superare i 10.000 euro e l'importo della ristrutturazione edilizia.

Le norme approvate, per ora solo in commissione, tolgono il tetto.

Si tratta di un utile contributo al sostegno della domanda interna di mobili ed elettrodomestici.




  04/05/2014

IL SENATORE SONEGO SI APPELLA AL SINDACATO: SU ELECTROLUX DOVETE CAPITALIZZARE LA BATTAGLIA

Sar´┐Ż un passaggio importante perch´┐Ż il sindacato ha il compito di capitalizzare lo starordinario sforzo di mobilitazione che lavoratori, istituzioni, forze politiche e sociali hanno dispiegato da ottobre a oggi per difendere la presenza industriale e occupazionale di Electrolux in Italia e soprattutto a Porcia.

Quattro mesi fa Porcia era chiusa e la mobilitazione, in primo luogo quella dei lavoratori, ha riaperto lo stabilimento. Stoccolma pensava a una facile guerra lampo e invece ´┐Ż stata costretta alla trattativa dal logorante conflitto delle portinerie.

... leggi tutto [ link ]



  06/05/2014

SONEGO A FIANCO DEI LAVORATORI DELLA DOMINO

La condotta inaffidabile di chi si era candidato a gestire in affitto la Domino ha messo in grave difficolt´┐Ż gli oltre cento dipendenti.

Ora e necessaria una azione congiunta di tutte le parti coinvolte, a cominciare dalle istituzioni, per ogni azione utile alla ripresa dell'attivit´┐Ż produttiva e al mantenimento dell'occupazione.

Non potr´┐Ż partecipare fisicamente alla manifestazione di gioved´┐Ż mattina perch´┐Ż impegnato nei lavori del Senato. La mia adesione politica ´┐Ż tuttavia totale cos´┐Ż come la mia disponibilit´┐Ż ad ogni collaborazione utile.




  24/04/2014

BELLA CIAO. ORA ´┐Ż IL MOMENTO DELL'UNIT´┐Ż

´┐Ż prevalsa la ragione e anche il rispetto. Ora tutti in Piazzale Ellero a ricordare la Resistenza e celebrare la Liberazione.

Ora ´┐Ż il momento dell'unit´┐Ż di tutti i democratici e cantare tutti Bella Ciao in Piazzale Ellero deve proprio servire a sottolineare il valore unificante della Resistenza e della Liberazione.

Non sar´┐Ż fisicamente in Piazzale Ellero, ne' alla manifestazione mandamentale del Livenza che frequento tutti gli anni da pi´┐Ż di quarant'anni, perch´┐Ż impedito da un viaggio programmato da mesi.

Idealmente e politicamente sar´┐Ż tuttavia in Piazzale Ellero per unirmi ai tanti democratici che intoneranno Bella Ciao.




  23/04/2014

BELLA CIAO AL 25 APRILE DI PORDENONE

Per il prefetto Galante Intonare "Bella ciao" durante la celebrazione dell'anniversario della liberazione ´┐Ż una questione di ordine pubblico che merita persino una riunione dell'apposito Comitato provinciale con il Questore, il comandante dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Il prefetto ritiene infatti che la canzone della Resistenza e dell'antifascismo possa produrre fenomeni eclatanti, turbare la campagna elettorale e ulteriori turpitudini.

E al termine della riunione del Comitato si decide quindi che durante la cerimonia si esclude di intonare l'inno della resistenza e della liberazione. Si potr´┐Ż cantare solo la Canzone del Piave.

Il prefetto va allontanato da Pordenone.

Con rammarico esprimo la delusione per il profilo e il silenzio dell'amministrazione comunale di Pordenone.

Sulla materia ho presentato una interrogazione al ministro dell'interno.

E il 25 aprile tutti a cantare Bella Ciao.




  17/04/2014

SONEGO INCONTRA LA MINISTRO DELLA DIFESA ROBERTA PINOTTI

AVIANO. Il governo ´┐Ż consapevole che le comunit´┐Ż locali desiderano proseguire la tradizionale e proficua collaborazione con le forze armate statunitensi presenti ad Aviano da lungo tempo. Si tratta di una collaborazione che ha sempre dato buoni frutti e che il governo considera un valore.

Lo comunica il senatore Lodovico Sonego a seguito di un incontro con la ministro della difesa Roberta Pinotti. La conversazione si ´┐Ż svolta su iniziativa del parlamentare pordenonese.

Ho incontrato la ministro Pinotti in relazione a preoccupazioni presenti in sede locale sul futuro di Aviano. Preoccupazioni peraltro non suffragate da decisioni o notizie dell'Amministrazione statunitense o di altre istituzioni.

´┐Ż scontato l'interesse delle comunit´┐Ż locali, e anche il mio impegno istituzionale, a proseguire una collaborazione pluridecennale con la difesa statunitense.




  07/04/2014

ELECTROLUX. LA LOGICA INDUSTRIALE PIANO PIANO SI FA STRADA

L'incontro di Roma ´┐Ż oggettivamente un passo in avanti perch´┐Ż la logica industriale si sta facendo strada piano piano e lentamente prende il posto di quella puramente finanziaria fatta propria sino a qualche settimana fa da quartier generale di Stoccolma.

L'approccio industriale ´┐Ż quello che ci consente ora di ragionare sulla base del presupposto che in Italia continueranno ad esserci quattro siti produttivi e che il confronto sul recupero di market share viene prima di quello sugli esuberi.

Quello di oggi ´┐Ż solo un traguardo volante, la gara non ´┐Ż ancora finita e quindi nessun dorma.




  26/03/2014

I SENATORI DELLE REGIONI AUTONOME A TUTELA DEGLI STATUTI

Il senatore Lodovico Sonego (PD) ha presentato un disegno di legge costituzionale che modifica il vigente articolo 116 della Carta introducendo norme di salvaguardia degli statuti di autonomia delle regioni e delle provincie speciali.

Primi firmatari sono: Lodovico Sonego (Pd, Friuli Venezia Giulia), Han Berger (SVP, Bolzano), Vincenzo Gibbino (FI, Sicilia), Silvio Lai (Pd, Sardegna), Albert Lani´┐Żce (Union Vald´┐Żtaine), Giorgio Tonini (Pd, Trento). Seguono le firme di altri 25 senatori di tutte le regioni a statuto speciale.

... leggi tutto [ link ]



  26/03/2014

SACCONI E SONEGO HANNO INCONTRATO ERNESTO FERRARIO CEO DI ELECTROLUX

I senatori Maurizio Sacconi e Lodovico Sonego hanno incontrato il CEO Electrolux EMEA Ernesto Ferrario, il responsabile delle relazioni industriali Marco Mondini. L'incontro si ´┐Ż svolto in Senato a Roma.

Il management ha confermato che la multinazionale svedese intende mantenere in Italia una forte e qualificata presenza industriale a partire da programmi di investimento e di innovazione dei prodotti che riguarderanno tutti gli stabilimenti italiani.

I dirigenti si sono soffermati a lungo sugli impegni economici e gestionali che gi´┐Ż da ora sono in corso di implementazione a conferma dei programmi enunciati.

... leggi tutto [ link ]



  11/03/2014

ELECTROLUX. UN PASSO AVANTI NELL'ODIERNO INCONTRO GOVERNO SINDACATI

Il sostegno ai processi di innovazione dell'azienda e la decontribuzione selettiva dei contratti di solidariet´┐Ż sono un serio passo avanti per la vicenda Electrolux.

I ministri Guidi e Poletti, e il sottosegretario de Vincenti, stanno facendo cose utili.

Ora Stoccolma deve farci vedere i programmi industriali dopo la fase delle pur utili aperture verbali delle settimane passate. Programmi con esigibili piani di investimento e di innovazione del prodotto.

Ci sar´┐Ż a breve una fase negoziale con la pertecipazione di tutte le parti in causa.

In quella occasione sar´┐Ż possibile arrivare a capo della complessa questione Electrolux solo se tutti i protagonisti faranno un passo avanti.




  10/03/2014

SONEGO SUL DOCUMENTO DEL 4 MARZO DI ASSOPORTI

Il nuovo documento di Assoporti modifica un po' il tiro correggendo cose grossolane presenti nel pronunciamento di qualche tempo fa, ma i problemi di fondo permangono anche nel nuovo documento.

Anche con la versione del 4 marzo Assoporti vuole mettere le brache al mondo candidando alcuni porti (quali?) a decidere, e persino oltre il confine di Stato, la politica dei trasporti, delle infrastrutture, ecc... E tutti gli altri, a cominciare da regioni, comuni e ministeri, ferrovie, aeroporti, ecc. dovrebbero dire signors´┐Ż.

In Assoporti ci sono derive napoleoniche che andrebbero contenute.

... leggi tutto [ link ]



  25/02/2014

LE NORME PROPOSTE DAL SENATORE SONEGO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL NORD EST SONO LEGGE

Fra le norme entrate in vigore con la conversione del decreto legge Destinazione Italia vi ´┐Ż infatti anche l'estensione dell'area di intervento della Societ´┐Ż FINEST SPA a tutti i paesi del mediterraneo il che significa Grecia, Cipro, Turchia, Siria, Libano, Israele, Egitto, Libia, Tunisia, Algeria, Marocco, Malta, Spagna, Francia.

La societ´┐Ż FINEST, nata per accompagnare l'internazionalizzazione delle piccole e medie imprese del Nord Est, potr´┐Ż ora svolgere la sua missione anche in quei paesi che sono altrettanti mercati strategici per l'economia nordestina.

L'area del Mediterraneo si somma ora ai paesi dei Balcani e ad Est dellEuropa che sono da tempo l'area di intervento di FINEST.




  05/02/2014

AUDIZIONE DELL'AD DI ELECTROLUX ERNESTO FERRARIO

Le dichiarazioni rese ieri dal management di Electrolux in Commissione non sono state convincenti. Lo ha dichiarato il senatore Sonego nel corso dell'audizione della presidente del FVG Debora Serracchiani.

Ho chiesto al management di informare gli azionisti di Electrolux AB del costo della negativa campagna d'Egitto per la quale gli azionisti di Stoccolma hanno pagato un prezzo d'ingresso di 300 milioni.

Ho ricevuto risposte evasive.

... leggi tutto [ link ]



  28/01/2014

SE ELECTROLUX VUOLE IL MURO ANDRA' A SBATTERE

Io sto con gli operai e con la fabbrica e per questo dico che da Porcia non si sposta nemmeno un bullone. "Losses for the shareholders" con perdite incalcolabili se Stoccolma non cambia registro disponendosi ad un confronto costruttivo con Governo, regioni e sindacati. Se Electrolux sceglie la strada del muro contro muro sar´┐Ż accontentata, si far´┐Ż male e si faranno male i suoi azionisti.

Le dichiarazioni aziendali spazzano via l'illusione che in questa vicenda un territorio potesse salvarsi a scapito di altri. Del resto le ragioni delle difficolt´┐Ż industriali di un sito sono esattamente quelle degli altri, il problema industriale riguarda tutti.

Ora si tratta di entrare nel merito del problema industriale con la trattativa in sede governativa.



  28/01/2014

ELECTROLUX: SONEGO, DA PORCIA NON SI SPOSTA UN BULLONE

"Io sto con gli operai e con la fabbrica e per questo dico che da Porcia non si sposta nemmeno un bullone". Lo afferma il sen. Lodovico Sonego (Pd). "Se Electrolux sceglie la strada del muro contro muro - prosegue, in una nota - sar´┐Ż accontentata, si far´┐Ż male e si faranno male i suoi azionisti.

Le dichiarazioni aziendali spazzano via l'illusione che in questa vicenda un territorio potesse salvarsi a scapito di altri. Del resto le ragioni delle difficolt´┐Ż industriali di un sito sono esattamente quelle degli altri, il problema industriale riguarda tutti.

Ora si tratta di entrare nel merito del problema industriale con la trattativa in sede governativa", conclude. (ANSA).



  28/01/2014

I CARROZZIERI DI CONFARTIGIANATO PORDENONE INCONTRANO IL SENATORE LODOVICO SONEGO

´┐ŻC´┐Ż´┐Ż un impegno a modificare le norme che penalizzano gravemente le imprese del settore dei carrozzieri ´┐Ż ´┐Ż l´┐Żesordio del presidente di Confartigianato Pordenone, Silvano Pascolo ´┐Ż e questo grazie all´┐Żintervento del senatore pordenonese Lodovico Sonego che il 15 gennaio ha sostenuto e fatto votare una risoluzione che investe della questione il Governo chiamato a modificare le norme proposte su Rc Auto.

Ma abbiamo ritenuto utile e necessario organizzare un incontro con il senatore e gli imprenditori pordenonesi affinch´┐Ż siano chiare le ragioni per cui riteniamo che il risarcimento in forma specifica introdotto nel decreto legge Destinazione Italia, vada rimosso´┐Ż.

... leggi tutto [ link ]



  13/01/2014

SONEGO: GLI ELETTORI CHIEDONO DI POTER DECIDERE CHI LI RAPPRESENTA

La bozza Renzi, soprattutto con l'introduzione del doppio turno, costituisce un serio passo avanti.

Bisogna ora farne un'altro introducendo le preferenze perch´┐Ż sarebbe inconcepibile continuare con le liste bloccate scelte dalle segreterie nazionali dei partiti e impedendo ai cittadini elettori di scegliersi i rappresentanti in parlamento.

La libert´┐Ż di scelta dell'elettore e' un principio costitutivo della rappresentanza democratica e la pur straordinaria esperienza delle primarie del Pd non ´┐Ż sufficiente a garantirla.

Se a ci´┐Ż si aggiunge che le primarie sono un'opportunit´┐Ż offerta solo dal Pd, e che le altre forze politiche decidono la loro rappresentanza parlamentare in maniera autocratica, emerge con forza l'urgenza di introdurre lo strumento della preferenza unica.



  13/01/2014

PARTE DA PORDENONE IL CONTRATTO DI RICOLLOCAZIONE - COMMA 215

Pordenone proporr´┐Ż un programma condiviso per le politiche regionali di ricollocazione. E´┐Ż quanto emerso dall´┐Żincontro promosso dal senatore Lodovico Sonego, dai consiglieri regionali Renzo Liva e Renata Bagatin e svoltosi oggi. Nei prossimi giorni ulteriori sviluppi.

L´┐Żargomento dell´┐Żincontro era il comma 215 della legge di stabilit´┐Ż per il 2014 appena votata dal Parlamento e che assegna alle regioni risorse per sperimentare da subito i contratti di ricollocazione per i lavoratori che hanno perso l´┐Żimpiego.

La norma stabilisce inoltre che il ministero del lavoro emanera un decreto attuativo nel quale verranno ulteriormente specificate le caratteristiche del contratto regionale di ricollocazione e che le risorse a disposizione delle regioni saranno di 15 milioni nel 2014 e di 20 milioni ciascuno per gli anno 2015 e 16.

... leggi tutto [ link ]



  08/01/2014

IL DANNOSO QUADRUPLICAMENTO DELLA LINEA FERROVIARIA VENEZIA - TRIESTE

La proposta di quadruplicamento della linea esistente avanzata dal commissario straordinario per la linea ferroviaria AV-AC Venezia-Trieste ´┐Ż ambientalmente e socialmente insostenibile e serve solo a nascondere il proposito reale di non fare nulla.

La nuova ferrovia AV-AC del Corridoio Mediterraneo ´┐Ż una primaria necessit´┐Ż del Friuli Venezia Giulia per diventare quella piattaforma logistica che da sempre desidera essere, ma il quadruplicamento ´┐Ż il modo migliore per non realizzarla.

Quadruplicamento significa collocare due ulteriori binari in stretto affiancamento ai due esistenti attraversando una catena di centri abitati nei quali le abitazioni sono vicinissime ai binari che ci sono gi´┐Ż. Due nuovi binari e la previsione di un traffico che aumenta moltissimo, con treni molto pi´┐Ż lunghi, pesanti e molto pi´┐Ż veloci significano uno scenario che ci si pu´┐Ż immaginare.

... leggi tutto     [ ... ]



  07/01/2014

SONEGO. DALLA LEGGE DI STABILITA' FONDI STATALI PER RICOLLOCARE I DISOCCUPATI

E' una sperimentazione molto importante e il Friuli Venezia Giulia pu´┐Ż usarla per svolgere nuovamente un ruolo innovativo su scala nazionale cos´┐Ż come accadde nel 1997 con la regionalizzazione dei servizi statali del collocamento e come accadde nel 2005 con la legge regionale sul buon lavoro.

Il senatore Sonego sottolinea in questo modo l'importanza del comma 215 della legge di stabilit´┐Ż per il 2014 che consente alla regioni di sperimentare il contratto regionale di ricollocazione.

Si tratta di norme che consentono alle regioni di organizzare pi´┐Ż efficaci politiche attive del lavoro anche stabilendo patti di ricollocazione con il lavoratore che ha perso il lavoro e viene assistito nel trovarne uno nuovo sulla base di azioni di incontro di domanda e offerta.

... leggi tutto     [ ... ]



  30/12/2013

SONEGO. GLI IMPEGNI TARIFFARI DI AUTOVIE VENETE VANNO MANTENUTI

Chi pensasse di disattendere gli impegni presi da Autovie Venete non applicando completamente l'aumento tariffario della A4, gi´┐Ż scritto nero su bianco nel piano finanziario della concessionaria, nuocerebbe al Friuli Venezia Giulia e alla realizzazione della terza corsia. Lo dichiara il senatore Lodovico Sonego con due motivazioni.

La prima, ´┐Ż in gioco la credibilit´┐Ż del Friuli Venezia Giulia con parlamento e governo. Va detto anzitutto che al Senato siamo riusciti a far passare l'emendamento Sonego-Pegorer-Russo-De Monte, nella versione poi riformulata dal governo 30+100 milioni nel 2014 e 2015, spiegando ai colleghi senatori e al governo stesso che quei soldi servivano per realizzare le opere della terza corsia che senza contributo statale non sarebbero state bancabili nonostante l'aumento tariffario gi´┐Ż stabilito dal piano finanziario di Autovie.

... leggi tutto     [ ... ]



  27/12/2013

SONEGO FA INCONTRARE ALICE ROSSINI CON LA VICEPRESIDENTE DEL SENATO

Il senatore Sonego ha organizzato l'incontro tra Alice Rossini e la vicepresidente del senato Valeria Fedeli. L'incontro si ´┐Ż svolto nei giorni scorsi a Palazzo Madama.

Come si ricorder´┐Ż Alice Rossini ´┐Ż la mamma della piccola che circa un anno fa ´┐Ż stata rapita dal padre e illegalmente fatta espatriare con destinazione Aleppo, in Siria. Da allora la madre cerca inutilmente di riabbracciare la figlia di cui ha persino perso ogni notizia.

... leggi tutto     [ ... ]



  30/11/2013

FINE DELLA PENALIZZAZIONE PER I CONGEDI AI SENSI DELLA L.104/92

Il senatore Sonego e altri colleghi si sono adoperati per abrogare una norma che penalizzava le persone che assistono un famigliare disabile. La norma discriminatoria ´┐Ż stata cassata dal Senato con la prima lettura della legge di stabilit´┐Ż ed ´┐Ż stata poi confermata dalla Camera. Oggi il Senato ha votato definitivamente quanto approvato nelle due prime letture e quindi la norma ´┐Ż legge. Ecco di che cosa si tratta.

La riforma Fornero aveva introdotto una grave penalizzazione per le persone che chiedevano un congedo dal lavoro per assistere un famigliare disabile ai sensi della legge 104 del 1992. La "Fornero" aveva infatti stabilito che chi chiede un permesso per assistere un famigliare disabile va in pensione dopo rispetto alla data stabilita dalle vigenti norme previdenziali.

... leggi tutto     [ ... ]



  18/12/2013

SONEGO INCONTRA DE VINCENTI SULLA CIG PER IDEAL STANDARD

Causa la necessit´┐Ż di essere in Senato a votare il senatore Sonego non potr´┐Ż essere presente all'incontro che si svolger´┐Ż domani 18 dicembre al Ministero del lavoro per la cassa integrazione straordinaria della holding Ideal Standard e per la cassa in deroga di Orcenico.

Il senatore, tuttavia, affrontato proprio oggi la questione della cassa straordinaria e di quella in deroga incontrando per tali specifiche ragioni il sottosegretario allo sviluppo economico Claudio De Vincenti in un lungo incontro che poi ´┐Ż servito anche per una panoramica generale sulle questioni economiche.

Sonego ha ribadito la necessit´┐Ż che i provvedimenti di CIG arrivino presto e il sottosegretario ha confermato l'impegno del governo in tal senso, anche sulla base di una stretta collaborazione tra Ministero dello sviluppo economico e quello del lavoro.




  18/12/2013

SONEGO INTERROGA IL MINISTRO SOLLECITANDO IL NO ALLA OKROGLO-UDINE OVEST

Il senatore Lodovico Sonego prende posizione con una interrogazione al ministro dello sviluppo economico contro la realizzazione dell'elettrodotto italo-sloveno destinato a collegare le stazioni elettriche di Okroglo e di Udine Ovest.

Un elettrodotto che connetta il sistema elettrico italiano e quello sloveno ´┐Ż oggettivamente necessario per la sicurezza e l'efficienza del sistema nazionale e continentale, commenta Sonego.

E' noto infatti a tutti che la magliatura elettrica a cavallo delle Alpi ´┐Ż insufficiente, cos´┐Ż si spiega il black-out che mise al buio l'Italia nel 2003 e per questo anche la interconnessione sul confine orientale ´┐Ż strategica.

Proprio per tali ragioni la Commissione europea ha approvato lo scorso ottobre un regolamento delegato che include tra i progetti energetici europei prioritari ance la Linea 380 Kw Okroglo-Udine Ovest confermando la programmazione degli investimenti di Terna SpA.

Va detto tuttavia che, ferma restando la necessit´┐Ż della interconnessione Italia-Slovenia, quella specifica linea avrebbe un impatto ambientale inaccettabile per tutte le valli del Natisone e pertanto ´┐Ż bene operare da subito per non dare corso alla sua realizzazione.

In alternativa ´┐Ż possibile usufruire del cunicolo esplorativo della ferrovia AV/AC Venezia-Trieste-Divača per collocare una linea sotterranea GIL (Gas Insulated Line) che colleghi le stazioni elettriche di Divača e di Redipuglia.




  18/12/2013

SONEGO INFORMA I LAVORATORI CISL DELLA BASE DI AVIANO RIUNITI IN ASSEMBLEA

Il senatore Lodovico Sonego ha informato Eugenio Sabelli, segretario CISL dei lavoratori civili della base Usa di Aviano, dei contenuti del comma 328 della legge di stabilit´┐Ż approvata dal Senato.

Proprio oggi, infatti, i lavoratori civili della base di Aviano si sono riuniti in assemblea e con l'occasione il senatore ha loro comunicato che il testo della legge di stabilit´┐Ż approvato dal Senato include una norma che favorisce la ricollocazione del personale civile dipendente di organismi della Comunit´┐Ż atlantica che siano stati licenziati a seguito di ristrutturazione dell'organizzazione delle strutture di difesa.

La norma potr´┐Ż entrare in vigore se confermata dalla Camera che proprio in questi giorni sta esaminando il provvedimento.




  16/12/2013

LE IENE TROVANO LA BIMBA ILLEGALMENTE PORTATA IN SIRIA.
SONEGO PRESENTA UNA SECONDA INTERROGAZIONE IN SENATO


Il senatore Lodovico Sonego ritorna sulla vicenda della bimba sottratta alla madre, e illegalmente trasferita in Siria dal Padre, con una seconda interrogazione alla ministra degli affari esteri.

In maggio Sonego aveva presentato una circostanziata interpellanza chiamando in causa il governo allo scopo di aiutare la madre della bimba a rintracciare la figlioletta, in giugno il viceministro degli esteri aveva risposto tempestivamente ma lasciando intendere che sarebbe stato difficile rintracciare la bambina a causa della guerra civile che insanguina la Siria.

Insomma il governo, pur essendosi impegnato, dichiarava come sostanzialmente impossibile rintracciare la piccola.

... leggi tutto     [ ... ]



  09/12/2013

SONEGO SUI RISULTATI DELLE PRIMARIE DEL PD

Le primarie sono state un successo del Pd e dei suoi elettori, oltre tre milioni di votanti sono un risultato che non ha eguali in Italia e in Europa.

Ho sostenuto Cuperlo con la passione che metto sempre in queste sfide; ha vinto Renzi con un margine autorevole.

Ora tutti al lavoro con il Pd e il leader che si ´┐Ż affermato con le primarie.

E' il medesimo commento che ho fatto in occasione delle primarie vinte da Prodi, da Veltroni e da Bersani. Ritengo che sia il modo giusto di stare nel Partito democratico.




  05/12/2013

SONEGO E PEGORER ASSIEME A COLDIRETTI PER LA TUTELA DEL MADE IN ITALY

Le preoccupazioni di Coldiretti, che in questi giorni ha organizzato un presidio al passo del Brennero, sono pienamente condivisibili e proprio per tale ragione ho presentato due interrogazioni al ministro delle risorse agricole insieme al senatore Pegorer.

E' infatti opportuno che l'Italia si organizzi allo scopo di tutelare la vera origine italiana delle produzioni agroalimentari. Accade sempre pi´┐Ż spesso che in paesi esteri e a volte persino in Italia compaiano prodotti che per ragioni commerciali e in mala fede lucrano sull'immagine e le propriet´┐Ż del prodotto Made in Italy pur non possedendo n´┐Ż le propriet´┐Ż n´┐Ż l'origine di tali produzioni.

E' tempo allora che il Made in Italy venga protetto soprattutto per ci´┐Ż che riguarda la filiera agroalimentare. Su questo terreno c'´┐Ż piena collaborazione con Coldiretti.




  03/12/2013

SONEGO SUL PORTO DI TRIESTE. AUDIZIONE DEL COMANDANTE DELLA GUARDIA COSTIERA

Trieste e il suo porto hanno una opportunit´┐Ż irripetibile che tuttavia potr´┐Ż essere pienamente colta a condizione che ci si attrezzi subito con adeguate infrastrutture ferroviarie, servizi di manovra, servizi amministrativi e di banchina.

Lo afferma il senatore Sonego commentando un passaggio dell'audizione dell'Ammiraglio Felicio Angrisano, comandante generale del Corpo delle capitanerie di porto-Guardia Costiera, presso la VIII Commissione del Senato sulla riforma della legge 84/94.

"Tra il 2014 e il 2015, ha dichiarato l'ammiraglio, solcheranno i nostri mari circa 240 navi portacontainer di ultima generazione - da 18.000 TEUS - di lunghezza superiore a 370 metri e con pescaggi superiori a 16 metri.

Caratteristiche che richiedono adeguati parametri portuali non rinvenibili nell'attuale panorama dei porti nazionali, se non a Trieste e Gioia Tauro."




  30/11/2013

ELECTROLUX: PROSIEGUO DELLE RELAZIONI CON STOCCOLMA

Confermo ci´┐Ż che ho detto nel consiglio comunale di Pordenone. Prima di tutto dobbiamo costruire un adeguato potere negoziale del sistema Italia con Stoccolma e pertanto le mobilitazioni dei lavoratori e delle istituzioni locali importanti.

In Veneto e in Emilia si pensa ancora che il temporale riguardi solo Porcia e che allora la mobilitazione sia una dovuta solidariet´┐Ż con Pordenone. Non ´┐Ż cos´┐Ż, Electrolux ha deciso di ritirarsi da tutta l´┐ŻEuropa occidentale e sta solo dosando le sue decisioni operative per avere il tempo di organizzare il trasloco in maniera ordinata.

... leggi tutto     [ ... ]





  25/11/2013

130 MILIONI DI EURO DAL SENATO PER LA A4

Un consistente lavoro di squadra che ha visto impegnati i quattro senatori Pd del Friuli Venezia Giulia, la presidente della giunta regionale Debora Serracchiani, il relatore della legge di stabilit´┐Ż senatore Giorgio Santini e il Governo ha consentito la approvazione di un emendamento che assegna alla Regione 130 milioni di euro per la realizzazione della terza corsia della A4 da Quarto d'Altino a Villesse.

Le risorse sono assegnate nel modo seguente: 30 milioni nel 2014 e 100 nel 2015.

E' un segno tangibile, commenta il senatore Lodovico Sonego, del concreto impegno delle istituzioni regionali e statali per lo sviluppo infrastrutturale del Nordest.






  20/11/2013

APPROVATO IL CONTRATTO MINISTERO / RFI - RICADUTE PER LA SACILE GEMONA

"La linea Sacile-Gemona ´┐Ż uno dei casi italiani che ha spinto la Commissione Trasporti del Senato ad esprimere un parere molto severo, se non di vera a e propria bocciatura, sul Contratto di Programma-Parte servizi e manutenzioni tra Ministero dei trasporti e Rete Ferroviaria Italiana". Lo rende noto il senatore Lodovico Sonego che da lungo tempo, sin da quando era assessore regionale ai trasporti, si occupa dell'infrastruttura.

Ecco i fatti. La Commissione VIII del Senato, Infrastrutture e Trasporti, ha approvato l'Atto del Governo n. 21, Contratto di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e RFI per la parte dei servizi.

... leggi tutto     [ ... ]






  19/11/2013

AB ELECTROLUX RISPONDE ALLA LETTERA SONEGO - SACCONI

Il CEO di AB Electrolux Keith McLoughlin ´┐Ż stato cortese e sollecito nel rispondere alla lettera mia e del senatore Sacconi.

La corrispondenza, che riscontra in data 12 novembre la lettera spedita dall'Italia il 7 dello stesso mese, conferma le preoccupazioni di Stoccolma per la produzione del bianco nel mondo e in Europa.

Quanto all'investigazione appena lanciata McLoughlin conferma che non ´┐Ż ancora stata presa decisione alcuna per le attivit´┐Ż presenti nel paese.

Il CEO conferma l'approccio collaborativo della Societ´┐Ż in merito alle informazioni richieste dai due senatori e incarica del dossier il dott. Ernesto Ferrario Vice presidente operativo di EMEA e CEO di Electrolux Italia.

E' ora auspicabile che le informazioni richieste arrivino tramite il manager incaricato con altrettanta tempestivit´┐Ż della lettera di McLoughlin, anche allo scopo di rendere ancora pi´┐Ż stringente il dialogo tra tutte le parti interessate.

Confermo che il confronto con AB Electrolux si deve svolgere da subito in sede governativa e che tale discussione va portata a termine per la fine di gennaio partendo dall'affermazione autorevole che allo stato delle cose nessuna decisione ´┐Ż stata ancora presa con riferimento agli impianti italiani.






  29/10/2013

OPPORTUNA UNA INVESTIGAZIONE SU ELECTROLUX


Electrolux ha aperto una investigazione sui siti produttivi italiani. Ora ´┐Ż opportuna una investigazione del governo italiano su Electrolux.

Lo sostengono i senatori Sonego e Pegorer, ed altri senatori delle regioni interessate alla presenza della multinazionale svedese, che hanno presentato una interrogazione a risposta scritta al ministro dell'industria.

L'interrogazione chiede una investigazione governativa parallela a quella di Electrolux per sapere:

1) quali siano stati gli eventuali vantaggi economici assegnati sin qui, in qualsivoglia maniera, dalle autorit´┐Ż polacche ed ungheresi per le delocalizzazioni gi´┐Ż effettuate in quei due paesi;

2) quali siano gli eventuali vantaggi economici che le autorit´┐Ż polacche ed ungheresi assegnerebbero, in qualsivoglia maniera, per le delocalizzazioni che Electrolux starebbe per fare cessando attivit´┐Ż in Italia;

3) se il governo non ritenga di chiedere ad Electrolux di rendere di pubblico dominio, all'insegna dei principi di trasparenza e del Fair Trade, tutti i benefici economici (derivanti in modo diretto, indiretto, sotto qualsivoglia forma e da chiunque attribuiti e tali da modificare in qualsiasi misura le normali condizioni di un mercato libero e concorrenziale) di cui godono le sue attivit´┐Ż commerciali e manifatturiere in tutto il mondo.





  17/10/2013

ACCOLTE LE SOLLECITAZIONI PER LA DETRAZIONE FISCALE DEL 50%


Il governo ha accolto le sollecitazioni, mie e di altri colleghi, manifestate sin dalla predisposizione e conversione del Decreto Legge 63/2013 dello scorso mese di giugno.

Il Disegno di Legge di Stabilit´┐Ż per il 2014 proroga infatti i benefici fiscali a favore degli interventi di risparmio energetico delle abitazioni che come da legge vigente scadono il prossimo 31 dicembre. La proroga ´┐Ż un fatto rilevante perch´┐Ż in caso contrario la misura avrebbe avuto uno scarso impatto poich´┐Ż episodica e di durata troppo breve.

Con la legge di stabilit´┐Ż varata dal Consiglio dei ministri, e che andr´┐Ż alla approvazione del Parlamento, la detrazione di imposta lorda sar´┐Ż estesa a tutto il 2014 in ragione del 65 % e all'intero 2015 in ragione del 50%.

Per le parti comuni dei condomini la misura varr´┐Ż per tutto il 2015 al 65% e per l'intero 2016 al 50%.

E' molto importante che sia stata confermata anche la misura della detrazione d'imposta del 50% sulle spese, fino a 10.000 euro, che vengono fatte per acquistare mobili o elettrodomestici.

Si tratta di una misura di grande rilievo per il sostegno della domanda interna di mobili ed elettrodomestici e quindi allo scopo di una politica industriale anticiclica.

Ora c'´┐Ż da attendere la approvazione definitiva dei due rami del Parlamento, ma presumo che non mancher´┐Ż.





  14/10/2013

SITUAZIONE DELLA ACC DI MEL


Il commissario ACC Maurizio Castro ha lanciato un appello che vale la pena di prendere in considerazione. E' interesse comune, anche degli istituti di credito, fare ogni sforzo per mantenere e anzi rilanciare le attivit´┐Ż manifatturiere del territorio.

Se ci sono opportunit´┐Ż di rimettere in corsa le fabbriche che danno segni di difficolt´┐Ż queste vanno colte senza esitazione.





  14/10/2013

INCONTRO IDEAL STANDARD AL MISE


L'azienda ha esordito comunicando la irragionevole decisione di chiudere Orcenico, soluzione che abbiamo respinto al mittente spiegando che la chiusura di uno stabilimento, qualunque esso sia, non costituisce la soluzione dei problemi industriali del gruppo Ideal Standard Italia.

Ho anche precisato con molta trasparenza che chi pensa di chiudere Orcenico, o di ridurlo ad una trentina di dipendenti il che significa la stessa cosa, mette il territorio nella condizione di non aver pi´┐Ż nulla da perdere e di poter agire di conseguenza.

Bain Capital non ha valutato con adeguata attenzione gli oneri che a questo punto ricadrebbero sui suoi bilanci. Davvero la chiusura dello stabilimento di Zoppola non sarebbe un affare.





  11/10/2013

AMNISTIA O INDULTO SONO UNA SOLUZIONE SBAGLIATA


Amnistia o indulto sono una soluzione sbagliata, lo dico avendo ben presente la situazione drammatica dell'amministrazione della giustizia e la condizione inumana delle carceri. Giustizia e organizzazione carceraria manifestano problemi cui va data una risposta all'altezza di un paese moderno e civile ma in realt´┐Ż l'atto di clemenza di cui si parla ´┐Ż solo uno dei mezzi con i quali si alza bandiera bianca perch´┐Ż in questo modo i problemi si eludono e non si risolvono.

Sgombriamo il campo dalla questione Berlusconi. D´┐Ż per presupposto, il ch´┐Ż per il vero non ´┐Ż del tutto acquisito, che la discussione sulla clemenza non implichi l'ex premier nemmeno per le sanzioni accessorie e che pertanto le deliberazioni parlamentari riguarderebbero terzi ma non il leader del Pdl.

Fissato il presupposto l'indulto o l'amnistia non sono la soluzione e l'esperienza di analogo deliberato parlamentare varato con Prodi e Mastella lo conferma: la clemenza sfolt´┐Ż le carceri che tornarono ben presto a riaffollarsi come prima per le stesse ragioni dell'affollamento precedente.

E' ragionevole prevedere che in assenza di riforme e di nuova edilizia carceraria accada nuovamente ci´┐Ż che accadde con Prodi e Mastella. Dunque, come molti dicono in questi giorni, ´┐Ż dalla riforma e dall'edilizia penitenziaria che si deve iniziare, ma ´┐Ż pensabile si riesca a fare in tempi brevi una convincente riforma e a migliorare l'ospitalit´┐Ż delle carceri s´┐Ż da consentire che il dibattito sulla clemenza offra sbocchi ravvicinati? Vorrei dire di s´┐Ż proprio perch´┐Ż ho in mente le carceri italiane eppure so che se lo facessi sarei ingannevole.

Se le cose stanno cos´┐Ż, e cos´┐Ż stanno, la clemenza non ´┐Ż un problema odierno. Parteciper´┐Ż alla discussione che sull'argomento si svolger´┐Ż nel gruppo senatoriale del Partito democratico con queste considerazioni e, pur consapevole delle difficolt´┐Ż della situazione, sollecitando l'inizio di quel cammino di riforme che comunque vanno fatte.





  09/10/2013

SONEGO INTERROGA SACCOMANNI SULL'AGENZIA DELLE ENTRATE DI MANIAGO


Il senatore Lodovico Sonego ha rivolto una interrogazione al ministro dell'economia e delle finanze in merito alla proposta chiusura dell'ufficio dell'Agenzia delle Entrate di Maniago.

Il parlamentare chiede in particolare al Ministro se non intenda dare disposizioni affinch´┐Ż la competente amministrazione receda dal proposito della chiusura in considerazione del fatto che tale decisione non comporterebbe particolari riduzioni degli oneri a carico del bilancio dello Stato mentre i disagi per gli utenti sarebbero notevoli.





  16/09/2013

INCONTRO SONEGO, BERSANI, ZANONATO E AGRUSTI PER IDEAL STANDARD


I capannelli del transatlantico di Montecitorio durante il dibattito sulla fiducia al Governo Letta sono anche un'occasione per parlare di Ideal Standard.

Lodovico Sonego, Flavio Zanonato, Pierluigi Bersani e Michelangelo Agrusti colgono l'occasione per confermare di comune intesa che l'immediato presente, e il futuro, dei quattro siti italiani nei quali ´┐Ż presente Ideal Standard si decide stabilendo una comune strategia dei quattro territori regionali. Poi sulla base di tale strategia condivisa si dialoga con Bain Capital.

Come ha affermato Sonego nel corso dell'ultima riunione al ministero la Regione Friuli Venezia Giulia e Orcenico sono in Italia, stanno con l'Italia, e, diversamente da come qualcuno ha pensato in passato, ´┐Ż illusorio pensare di salvare uno stabilimento del gruppo a scapito di un'altro.

Per questo serve una sostanziale unit´┐Ż politica e di proposta dei territori.
 




16/09/2013

DICHIARAZIONE DI LODOVICO SONEGO SUL NUOVO OSPEDALE DI PORDENONE


La presidente Serracchiani e i suoi assessori hanno compiuto con tempestivit´┐Ż una scelta razionale e lungimirante.

Il nuovo ospedale di Pordenone sar´┐Ż il cardine di una organizzazione sanitaria moderna al servizio della provincia e della regione.

Ora si tratta di procedere con la massima speditezza nella realizzazione.
 




16/09/2013

SONEGO, BAGATIN, GEROLIN, LIVA E ZECCHINON INCONTRANO I SEGRETARI PROVINCIALI CGIL CISL UIL


Il senatore Lodovico Sonego e i consiglieri regionali Renzo Liva, Renata Bagatin, Daniele Gerolin e Armando Zecchinon hanno incontrato i segretari provinciali CGIL CISL UIL Giuliana Pigozzo, Arturo Pellizzon e Roberto Zaami.

L'incontro, promosso dagli esponenti democratici, ha avuto lo scopo di un comune approfondimento sulla situazione economica della provincia con riferimento particolare alla manifattura. In tale contesto ´┐Ż stata dedicata attenzione alla situazione del gruppo Electrolux.

Non ci faremo chiudere le fabbriche. E' stato questo l'esordio di Sonego con riferimento ad Ideal Standard ma volendo mandare un messaggio chiaro e forte di carattere generale a chi su diversi versanti teorizza, o lascia camminare, l'idea che la deindustrializzazione sia una specie di piano inclinato con moto inevitabile e progressivamente accelerato.

Di qui la proposta ai sindacati di allestire una squadra che unisce forze sociali, imprenditoriali e le istituzioni con l'obiettivo di promuovere azioni di politica industriale. Non ci bastano pi´┐Ż le politiche difensive, hanno affermato i rappresentanti istituzionali del Pd, per quanto queste siano necessarie per alleggerire i momenti di difficolt´┐Ż.

E' necessario inaugurare una fase nuova nella quale si affiancano alle misure di difesa sociale azioni di una pi´┐Ż strutturata politica industriale.

Il bonus del 50% per l'acquisto di mobili e di elettrodomestici legato alle ristrutturazioni edilizie che ho proposto e che il Parlamento ha approvato, ha affermato Sonego, ´┐Ż un primo passo in tale senso dopo una lunga assenza di interventi statali, ma ora bisogna aggiungere dell'altro. E' proprio su ci´┐Ż che ora bisogna concentrarci.

I consiglieri regionali Gerolin, Zecchinon, Bagatin e Liva che nelle varie commissioni del Consiglio regionale si occupano di questioni connesse all'industria o al lavoro sono dal canto loro intervenuti per confermare che la Regione sar´┐Ż anche in questa occasione protagonista delle scelte di politica industriale come del resto si sta verificando nel caso di Ideal Standard.

La riunione si ´┐Ż poi focalizzata anche su Electrolux sottolineando che il gruppo vive i problemi di tutto il settore italiano del bianco a cominciare da Indesit e Whirlpool. Condivisione di tutti i partecipanti all'incontro della necessit´┐Ż che Governo e Regione svolgano una funzione di primo piano, per il gruppo e per il settore, gi´┐Ż dalle prossime settimane.

Gli esponenti del Pd e i sindacati hanno concordato il metodo della continuit´┐Ż nell'azione comune, anche con le altre espressioni sociali e rappresentative del territorio.
 




11/09/2013

IDEAL STANDARD AL MISE


Oggi si ´┐Ż svolto al Ministero dello sviluppo economico il previsto incontro tra sindacati, Ideal Standard, istituzioni per scongiurare il proposito della chiusura di uno degli stabilimenti del gruppo.

Al termine il senatore Lodovico Sonego, che ´┐Ż intervenuto nella discussione ribadendo che la ventilata prospettiva di chiudere Orcenicco ´┐Ż inaccettabile, ha rilasciato la seguente dichiarazione.

" Incontro positivo perch´┐Ż da oggi si discute senza la pregiudiziale della propriet´┐Ż che pretendeva la chiusura dello stabilimento di Orcenicco.

Incontro utile anche perch´┐Ż da oggi comincia una discussione di merito nella quale si esamineranno i problemi industriali del gruppo, ma anche alla luce delle proposte della Regione Friuli Venezia Giulia.

Davanti a noi c'´┐Ż una strada molto impegnativa e i colli di bottiglia non sono finiti. Per´┐Ż ci sono opportunit´┐Ż che non esistevano qualche tempo fa. "
 




22/08/2013

DETRAZIONE FISCALE DEL 50% PER GLI ELETTRODOMESTICI LEGATI ALLE RISTRUTTURAZIONI


La detrazione fiscale del 50% per gli elettrodomestici legati alle ristrutturazioni che ho proposto e che il Parlamento ha approvato ´┐Ż un primo passo molto importante, ora bisogna fare i passi successivi.

La detrazione fiscale dar´┐Ż frutti utili di qui a fine anno e gli stabilimenti italiani del bianco ne trarranno giovamento.

Bisogna che da settembre si allestisca una politica industriale che mettendo insieme sindacati, produttori, la Regione e il Governo aggiunga alla decisione parlamentare della detrazione fiscale una politica pi´┐Ż strutturata con lo scopo di ottenere in un triennio un nuovo radicamento della manifattura del bianco nel nostro paese.

Chi sostiene che l'elettrodomestico ´┐Ż roba vecchia dice fesserie. Si tratta invece di puntare sul binomio elettrodomestico e innovazione anche per evitare che quella stessa scommessa siano altri a vincerla lasciandoci con un palmo di naso.

Persino il Regno Unito ha rispolverato l'impegno industriale e oggi ´┐Ż un non trascurabile esportatore di automobili dopo aver scioccamente scelto per anni di abbandonare la manifattura.

A settembre bisogna mettere insieme sindacati e produttori con lo scopo di allestire una nuova politica industriale dell'elettrodomestico. La differenza la far´┐Ż per´┐Ż la buona politica a cominciare dal Governo e dalla Regione.

Per quanto mi riguarda ´┐Ż del tutto scontato che mi considero della partita a sostegno di un settore per il quale mi sono speso sin dalla campagna elettorale dello scorso mese di febbraio.

In tale contesto meritano attenzione le proposte di Maurizio Castro e di quanti altri, anche in queste settimane agostane, si stanno impegnando per il settore dell'elettrodomestico.
 




07/08/2013

DICHIARAZIONI DEL MINISTRO MAURIZIO LUPI SULLA TAV IN FRIULI VENEZIA GIULIA


Facendo seguito a un quesito del senatore Sonego in commissione infrastrutture e trasporti del Senato il ministro Maurizio Lupi ha dichiarato: " Le politiche vanno fatte dal Governo e dalle regioni. I commissari sono solo strumenti del governo ".

Sonego, riferendosi all'attivit´┐Ż del commissario della TAV Bortolo Mainardi che mette in discussione gli accordi sul tracciato della ferrovia AV-AC Portogruaro Trieste definiti nel corso del decennio 2003-2013, aveva chiesto a Maurizio Lupi se il commissario Mainardi avesse titolo a compiere rilevanti scelte strategiche nella localizzazione delle opere della ferrovia AV-AC, soprattutto senza coinvolgere la Regione.

Le dichiarazioni del ministro giungono dopo che i senatori Sonego e Pegorer avevano depositato una interrogazione sul l'attivit´┐Ż del commissario TAV.
 




01/08/2013

I BENEFICI FISCALI DEL 50% PER MOBILI ED ELETTRODOMESTICI SONO LEGGE


Qualche minuto fa il Senato ha approvato in via definitiva le norme di legge che estendono ai mobili e agli elettrodomestici i benefici fiscali assegnati alle ristrutturazioni edilizie.

Chi ristruttura un immobile e vi colloca nuovi mobili e nuovi elettrodomestici ha diritto ad ottenere, entro un limite di spesa massimo di 10.000 euro, un detrazione fiscale del 50% sulla spesa per quei mobili e quegli elettrodomestici.

Si tratta di un provvedimento rilevante per moltissime famiglie consumatrici, ma le norme sono rilevanti anche in termini di politica industriale perch´┐Ż sostengono la domanda dei prodotti dei settori del mobile e degli elettrodomestici che soffrono moltissimo per il calo degli acquisti di beni di consumo durevole.

Fin dalla campagna elettorale per le politiche mi sono impegnato per la approvazione di tali misure ed e' per tale ragione che sin dalla elezione ho proposto e promosso ci´┐Ż che il Parlamento ha ora licenziato in modo definitivo.
 




04/07/2013

DETRAZIONE FISCALE DEL 50% PER MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

Il Senato approva le proposte di Sonego e di altri quaranta senatori


L'aula del Senato ha approvato l'articolo 16 del DDL 783 stabilendo che i benefici fiscali delle ristrutturazioni edilizie sono estesi, per una spesa rendicontabile massima di 10.000 euro, anche all'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe A+ destinati all'unit´┐Ż immobiliare oggetto della ristrutturazione.

Lo annuncia il senatore Lodovico Sonego che sin dall'inizio della legislatura ha operato per il varo di misure che favoriscano la ripresa della domanda interna di mobili ed elettrodomestici.

Andavano in questo senso una lettera al governo firmata da 35 senatori e poi un emendamento, approvato, firmato da 40 senatori. Entrambi gli atti con primo firmatario Sonego.

Il comma 2 dell'articolo 16 stabilisce che entro i 96.000 euro che si possono rendicontare per ottenere in dieci anni una detrazione fiscale pari al 50% della spesa sostenuta per una ristrutturazione edilizia vi possono essere anche 10.000 euro di spesa rendicontabile per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

Il beneficio decorre dal 6 giugno, dalla data di entrata in vigore del decreto legge 4 giugno 2013, n. 63.

Si tratta di una misura destinata ad incontrare un grande favore del pubblico e a sostenere la domanda interna di due rilevanti settori della manifattura italiana: il mobile e l'elettrodomestico. Settori che oggi soffrono in modo pronunciato la contrazione del mercato, vedi i casi di Indesit, Wirlpool e Natuzzi.

Ora il provvedimento passa alla camera dei Deputati.
 




25/06/2013

CONVEGNO DEL PD A SPILIMBERGO PER RIAPRIRE LA SACILE GEMONA


Sala del Caseificio affollata per ragionare insieme sulla ferrovia Sacile Gemona ed in particolare per chiedere a Rete Ferroviaria Italiana, la societ´┐Ż del Gruppo Ferrovie dello Stato che possiede la linea, di rimettere immediatamente in servizio l'infrastruttura.

Il convegno del Pd, svoltosi venerd´┐Ż 21 e presieduto dalla sindaco di Pinzano Deborah Del Basso, ´┐Ż una delle tappe della mobilitazione che vedr´┐Ż coinvolti il territorio e gli enti locali per rimettere in funzione i collegamenti ferroviari che servono una parte rilevante del territorio regionale. Servizi che sono essenziali anche per tutta la pedemontana occidentale.

La linea ´┐Ż stata messa fuori servizio da una frana all'inizio della scorsa estate, la frana ´┐Ż stata rimossa ma ora RFI cerca di cogliere la palla al balzo per non riattivare pi´┐Ż l'infrastruttura che considera un ramo seconda tagliare.

La societ´┐Ż di stato vuole scappare e chiudere la ferrovia ma, rammenta il senatore Sonego, RFI ha l'obbligo di legge di continuare a far funzionare la linea.

La serata, introdotta da una colta presentazione del professor Romano Vecchiet che ha ricostruito la nascita e la storia della Sacile-Gemona, ´┐Ż entrata nel vivo della vicenda politica odierna con l'intervento del consigliere regionale Armando Zecchinon. L'esponente regionale ha richiamato l'attenzione sul valore economico e sociale dei collegamenti ferroviari sin qui assicurati dalla ferrovia. Collegamenti che non possono essere sostituiti da scadenti e non equivalenti autoservizi sostitutivi.

Ha preso la parola anche il sindaco di Maniago Andrea Carli che ha sottolineato il valore della Sacile-Gemona anche per l'intero maniaghese a cominciare dal trasporto scolastico.

´┐Ż stato poi il turno di Sonego il quale ha rammentato che il trasporto pubblico locale ´┐Ż un servizio essenziale per cittadini ed imprese. Il TPL ´┐Ż a tutti gli effetti un segmento del welfare la cui importanza Viene subito dopo sanit´┐Ż ed assistenza, soprattutto nelle aree montane.

Sono queste le ragioni per le quali RFI deve rimettere in funzione la ferrovia per consentire che la Regione possa assicurare lo svolgimento del servizio facendo circolare i treni. Cosa di sua competenza.

Sonego ha concluso dichiarando che sulla riapertura della Sacile-Gemona non si fanno passi indietro e che oltre a tutte le iniziative politiche che sono state messe in atto e che verranno attivate sono da mettere nel conto pure altre azioni.

Il parlamentare ha infine condiviso la proposta della consigliera comunale Ius, che sosterr´┐Ż sottoponendola al ministro Lupi, finalizzata alla cessione gratuita della vecchia linea Casarsa-Pinzano per farne una pista ciclabile.
 




11/06/2013

SONEGO SU INCONTRO IDEAL STANDARD AL MISE


"Se pensate di farci perdere del tempo venendo a dirci che avete l'intenzione di chiudere uno stabilimento avete sbagliato tutto ed ´┐Ż meglio che torniate a casa." E' in questo modo che Sonego ha preso la parola rivolgendosi al magement di Ideal Standard prima ancora che il rappresentante del MISE aprisse la riunione.

Gli esponenti aziendali hanno quindi illustrato lo stato dell'azienda senza peraltro riuscire ad indicare una strategia in grado di risolvere i problemi del Gruppo e quindi rassicurare il lavoratori.

"E' fortemente consigliabile che il management sfrutti le settimane che ci separano dal prossimo incontro per proporre una strategia in grado di affrontare i problemi industriali del Gruppo. C'´┐Ż la sensazione che Il management non sia consapevole che ci sono seri problemi industriali che vanno risolti industrialmente e non con finzioni."