scrivimi
Pordenone, lì venerdi 20 ottobre 2017









 
24/01/2017

SONEGO E IL PIANO INDUSTRIALE DI FERROVIE DELLO STATO

Il senatore interloquisce in Commissione con il Presidente del Gruppo Renato Mazzoncini









 
19/01/2017

SONEGO SUL CONTRATTO DI PROGRAMMA MANUTENZIONI DI RFI

Il Contratto di Programma MIT-RFI 2016-2021 per la parte manutenzione (ordinaria e straordinaria) è un documento positivo che merita l'approvazione del Senato. Ministero e Azienda di Stato hanno fatto un buon lavoro.

Lo dichiara il Senatore Lodovico Sonego al termine dell'audizione dell'amministratore delegato della societa' Maurizio Gentile.

Quanto al Contratto di Programma sezione investimenti Sonego apprezza la prosecuzione dell'impegno per la modernizzazione infrastrutturale di tutta la penisola.

Più specificamente il senatore del Pd giudica positivamente l'attivita' di RFI per il completamento della linea AV/AC del Corridoio Mediterraneo tra Brescia e Padova.

Negativo invece che la società abbia sottoscritto con la Regione Friuli Venezia Giulìa una intesa che anche formalmente accantona la prosecuzione del Mediterraneo da Venezia a Trieste e Lubiana con una nuova linea AV/AC per ripiegare, invece, su una illusoria azione di upgrading della linea storica. Non si tratta solo di un errore infrastrutturale ma anche di politica estera.

Sonego ha anche sollecitato RFI ad affrontare subito il nodo della connessione in alta velocità degli aeroporti di Fiumicino e Venezia. Il collegamento con Fiumicino è oltretutto rilevante per migliorare le performance di Alitalia.





 
11/01/2017

SONEGO. SODDISFAZIONE PER IL SUCCESSO DEL GRUPPO FSI NEL REGNO UNITO

Grande soddisfazione per l'acquisizione di National Express Essex Thameside (UK) da parte del gruppo Ferrovie dello Stato.

Lo afferma il senatore Lodovico Sonego che rammenta come si sia sempre pronunciato in favore di dell'internazionalizzazione dell'azienda ferroviaria di Stato.

L'acquisizione britannica, prosegue Sonego, si colloca nel solco di un processo di crescita del Gruppo FSI che non può che avvenire nell'ambito dell'internazionalizzazione. Ora aggiungo i migliori auguri all'azienda italiana per la gara del servizio Londra Edimburgo.

Nel mercato italiano, come sostengo da sempre, è bene che i servizi ferroviari vengano messi a gara nel modo più esteso; così come FSI sfrutta le opportunità del mercato aperto britannico è necessario che anche quello italiano metta a gara i servizi.

Si tratta di una opzione essenziale per modernizzare il sistema paese a cominciare dal trasporto ferroviario.





 
17/11/2016

SEN. SONEGO E TOMASELLI TRASMETTONO A VERTICE FS SEGNALAZIONE ANTITRUST SU FSE

(FERPRESS) - I senatori del PD Lodovico Sonego e Salvatore Tomaselli hanno trasmesso ieri all’AD del gruppo FSI Renato Mazzoncini, all’AD Maurizio Gentile e al Commissario delle Ferrovie del Sud Est Andrea Viero, la segnalazione deliberata, l’11 novembre scorso, dall’Autorità Garante per la Concorrenza e per il Mercato, assunta sulla base di una loro richiesta di valutazione sul futuro di Ferrovie del Sud Est inviata all’inizio dell’estate.

Sonego e Tomaselli ponevano con la loro richiesta all’Antitrust tre questioni:

A) se non sia desiderabile che i regolatori favoriscano le integrazioni plurimodali dell’offerta impedendo tuttavia le posizioni dominanti nella singola modalità e nella plurimodalità attraverso limiti di market share;

B) se non sia desiderabile al fine della non discriminazione nell’accesso alla rete che, previo scorporo, l’infrastruttura ferroviaria di FSE venga conferita a RFI e così rimanga totalmente pubblica;

C) se non sia necessario, stante la vigente legislazione, che la scelta dell’acquirente di FSE avvenga con procedure di pubblicità e concorrenza”.

L’Antitrust con una comunicazione di 11 pagine inviata a tutte le cariche istituzionali, tra cui il ministero del Tesoro e quello delle Infrastrutture e Trasporti, ha rappresentato le proprie osservazioni, alle segnalazioni dei due senatori, che riguardano le criticità che attualmente si registrano sul versante concorrenziale relativamente all’attività di trasporto regionale ferroviario. L’Antitrust in premessa sottolinea il fatto che nella situazione attuale il trasporto ferroviario regionale continua ad essere gestito in regime di affidamento diretto almeno fino al 2032 dal monopolista storico, cioè da Trenitalia. L’Autorità in un altro passaggio auspica che si possa arrivare alla costituzione di una ROSCO, cosa che ridurrebbe in maniera sostanziale le barriere alla partecipazione delle gare anche se si sta assistendo ad ingenti acquisti di materiale rotabile da parte di Trenitalia che di fatto vanno in direzione opposta alla costituzione di ROSCO . Sulle Ferrovie del Sud Est in particolare l’Antitrust, fermo restando che la situazione critica della società ha imposto il trasferimento delle azioni della società pugliese a FSI, ma tale trasferimento rischia di configurarsi come aiuto di Stato senza, peraltro, aver dato alcuna pubblicità all’operazione precludendo un’eventuale selezione di acquirenti.

In conclusione l’Autorità Garante per la Concorrenza e per il Mercato indica uno scenario alternativo a quello seguito dal Governo e cioè che si sarebbe potuto scorporare le attività di FSE, connesse alla gestione della rete ferroviaria pugliese, attribuendole a RFI, mentre per quanto avrebbe riguardato la scelta dell’eventuale acquirente del ramo di azienda, relativa all’offerta di servizi di trasporto, si sarebbe dovuto valutare attraverso una procedura trasparente e competitiva chi avrebbe potuto garantire obiettivi sia di breve termine(continuità servizio, tutela dei creditori e dei lavoratori) che obiettivi di lungo termine quali l’efficienza e la qualità del servizio che la minimizzazione dei costi. L’Antitrust confida che le sue osservazioni, che hanno di fatto accolto quanto evidenziato da Sonego e da Tomaselli, vengano prese in adeguata considerazione.

la lettera inviata dai senatori [ link ]





 
28/07/2016

AGENZIA PER LA SICUREZZA FERROVIARIA COMPETENTE SU TUTTE LE RETI ED IMPRESE

Le reti ferroviarie locali e regionali isolate adibite al trasporto passeggeri e le imprese ferroviarie che esercitano unicamente servizi di trasporto urbano, extraurbano o regionale su tali reti saranno assoggettate alla regolazione e al controllo dell'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie.

Diversamente da quanto accade ora ed esattamente come accade invece già per la rete ferroviaria nazionale.

Le reti e le imprese ferroviarie che saranno sottoposte all'Agenzia Nazionale avranno tempo dodici mesi per adeguarsi alla nuova regolamentazione.

Questo il contenuto di un disegno di legge presentato dai senatori Sonego, Lai, Margiotta, Tomaselli del Partito Democratico.





 
13/07/2016

SUBITO UN DECRETO LEGGE SULLA SICUREZZA FERROVIARIA

Sonego e Tomaselli. Subito un decreto legge e poi la proprietà statale della rete ex concesse

Subito un decreto legge per estendere le regole di sicurezza ferroviaria della rete nazionale e i controlli dell'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria alla rete delle ferrovie ex concesse.

L'Italia è un paese ad alta sicurezza ferroviaria, cosa di cui essere orgogliosi e che è il frutto di professionalità nella gestione e di molti lungimiranti investimenti che troppo spesso sono stati criticati con superficialità.

La rete delle ex concesse, con una estesa non trascurabile e prevalentemente a binario unico, fa però eccezione. Bisogna immediatamente estendere alle ex concesse le regole che valgono per la rete nazionale.

Dopo l'urgente decreto legge si tratterà di avviare anche una riforma più strutturale. Solo la proprietà statale delle reti ferroviarie è in grado di garantire i requisiti di sicurezza ed efficienza che tutti ci aspettiamo.

E' del resto la scelta che solo qualche giorno fa avevamo motivatamente indicato per la rete ferroviaria di un'altra ex concessa pugliese. Le reti ex concesse vanno conferite al più presto nella rete nazionale di RFI.





 
13/04/2016

IL SENATO APPROVA MOZIONE SONEGO SU PRIVATIZZAZIONE DEL GRUPPO FERROVIE DELLO STATO

Premesso che:

nei programmi del Governo e della sua maggioranza, ivi incluso il DEF 2014, vi è la parziale privatizzazione del Gruppo FSI che attualmente é di totale proprietà pubblica;

il Gruppo costituisce un consistente soggetto industriale italiano ed europeo evidenziando nel 2014 un fatturato di 8.4 MLD di euro, un utile netto di 303 milioni, investimenti per 4,26 MLD e 69.100 dipendenti;

il Gruppo, tramite la controllata RFI, è anche concessionario dello Stato e proprietario della rete nazionale dell'infrastruttura ferroviaria che ha un'estesa di 16.700 chilometri;

il Gruppo svolge tradizionalmente la sua funzione sulla base di ricavi assicurati dall'utenza ma anche sulla base di: a) consistenti trasferimenti dello Stato e delle regioni per sovvenire in misura significativi il costo del servizio; b) trasferimenti statali per coprire la totalità del costo degli investimenti e della manutenzione della rete.


                                   


leggi tutto il documento [ link ]





 
14/02/2016

SONEGO RILANCIA LA POLITICA DEI CORRIDOI EUROPEI

un articolo de Il Piccolo

La politica dei collegamenti ferroviari tra FVG e Slovenia «è ferma». La prima conseguenza? «Il danno per il porto di Trieste, il primo scalo italiano per tonnellaggio».

Lodovico Sonego, senatore del Pd, somma le dichiarazioni di novembre del coordinatore europeo del Corridoio Mediterraneo Laurens Jan Brinkhorst a quelle più recenti del commissario Ue dei Trasporti Violeta Bulc, in visita lunedì scorso a Trieste, e lancia l'allarme: «Di fronte a uno stop deciso in Italia, in FVG e pure in Slovenia, l'Europa registra e non apprezza».

... leggi tutto il documento [ link ]





 
10/02/2016

SONEGO SCRIVE AL MINISTRO PER I LAVORI SUL NODO FERROVIARIO DI UDINE

un articolo di Alessandra Ceschia per il Messagero Veneto

Il senatore: un esempio di "bad practice" che vanificherà l’investimento austriaco di oltre 8 miliardi.
Il Comitato pendolari: con il traffico passeggeri in cintura tempi più lunghi e maggiori costi agli utenti

Sessanta milioni di euro investiti per «peggiorare le caratteristiche della linea internazionale del corridoio Baltico Adriatico riducendo velocità e aumentando i tempi di percorrenza». È così che il senatore Lodovico Sonego liquida il finanziamento assegnato dallo Stato a Rete ferroviaria Italiana per gli investimenti sul nodo ferroviario di Udine.

Lo sostiene nell’aspra denuncia che ha inviato al commissario europeo ai trasporti Violeta Bulc e al ministro dei trasporti Graziano Del Rio.

I fondi sono stati assegnati per migliorare il collegamento tra la stazione di Udine Centrale e quella di Udine Vat a Nord della città e lungo la direttrice del Corridoio Baltico-Adriatico. L’attuale struttura a binario singolo consente una velocità superiore ai 140 km/h e tempi di percorrenza medi di 4 minuti.

... leggi tutto il documento [ link ]











 
16/12/2015

SONEGO SULLA PRIVATIZZAZIONE DEL GRUPPO FFS

La privatizzazione del Gruppo FFS decisa dal Governo, sino al 40 % e con il mantenimento della proprietà pubblica della rete dell'infrastruttura, consentirà di migliorare la politica italiana del trasporto.

Lo ha dichiarato il senatore Lodovico Sonego in Commissione trasporti del Senato che oggi ha audito la presidente del gruppo Gioia Ghezzi e l'amministratore delegato Renato Mazzoncini sullo schema di DPCM che avvia la cessione di una parte delle azioni del Gruppo.

Sonego ha dato atto dei grandi passi avanti fatti dalle FFS nell'ultimo decennio non mancando di sottolineare pure che la futura partecipazione privata sarà rilevante per ulteriormente migliorare il profilo industriale dell'Azienda a servizio del Paese.

Il senatore non ha mancato di sottolineare infine la necessità che nella privatizzazione si assicuri una reale indipendenza giuridica e gestionale della rete dell'infrastruttura.





 
24/11/2015

SONEGO. DUE BUONE NOTIZIE PER LE FERROVIE

Ferrovie. Due buone notizie in pochi giorni che confermano che le riforme sono sulla buona strada.

La prima è l'approvazione della deliberazione n. 96 dell'Autorità di regolazione dei trasporti in materia di tariffazione dell'accesso alla rete ferroviaria. Un provvedimento che favorirà la crescita e il miglioramento del trasporto ferroviario dei passeggeri e delle merci.

La seconda sono le dichiarazioni del ministro Graziano Del Rio che annuncia che la positiva parziale privatizzazione del Gruppo FSI si farà nel 2016 con la precisazione che la rete delle infrastrutture rimarrà pubblica.





 
23/07/2015

SONEGO. CONDIVISIBILI DICHIARAZIONI DI DEL RIO SUL GRUPPO FSI

Largamente condivisibili le dichiarazioni del Ministro Del Rio che in Commissione trasporti del Senato, parlando della quotazione del Gruppo FS, ha sottolineato la necessità di operare per preservare l'autonomia della rete delle infrastrutture.





 
21/07/2015

LE INFRASTRUTTURE DI CONNESSIONE


Gentili ospiti, l’incontro odierno si prefigge di fare il punto sulle strategie e sulle azioni da implementare in tempi ravvicinati per migliorare in modo sensibile la connessione tra reti e nodi del sistema trasportistico nazionale; proponiamo cioè di concentrare l’attenzione su un aspetto specifico della politica italiana del trasporto, le infrastrutture di connessione come dice il titolo del convegno, senza farci prendere la mano da divagazioni che non aiuterebbero ad affrontare l’argomento.

L’approfondimento di questa mattina si colloca in un quadro generale che definirei come segue: l’Italia ha superato la drammatica emergenza del 2012 ed è uscita dalla procedura di infrazione per eccesso di deficit, Governo e Parlamento stanno procedendo con le riforme strutturali e ora ci sono segnali incoraggianti -anche se tutt’ora insufficienti- sul versante della ripresa del PIL e degli investimenti. La grande sfida cui ora è chiamato tutto il sistema Paese è costituita dallo sforzo per far crescere il prodotto lordo colmando il divario di produttività che ci separa dai frontrunner continentali e globali.

... leggi tutto il documento [ link ]





 
02/07/2015

CARGO FERROVIARIO. DDL PER ESTENDERE AL NORD LO SCONTO-PEDAGGIO


Quattro senatori PD propongono di emendare la finanziaria in modo da utilizzare appieno i 100 milioni del nuovo servizio universale. Soddisfatta Fercargo.

Non è passata nemmeno una settimana dall’ufficializzazione dell’allarme lanciato da Fercargo e quattro parlamentari del PD (Lodovico Sonego, Marco Filippi, Stefano Esposito e Daniele Borioli) hanno presentato un disegno di legge (“Misure per favorire il trasporto merci su ferrovia”) che potrebbe risolvere il problema rilevato dall’associazione che rappresenta le imprese ferroviarie operanti nel settore del trasporto merci indipendenti dal Gruppo FSI.

Secondo Fercargo lo stanziamento di 100 milioni di euro annui (per 2015, 2016 e 2017) stabilito con l’ultima legge finanziaria (in luogo del tradizionale servizio universale ad esclusivo beneficio di Trenitalia) rischia di andare parzialmente (al 60%) inutilizzato perché la norma prevede che il contributo, destinato ad RFI affinché sconti il relativo pedaggio per l’uso delle linee, possa essere applicato solo a servizi ferroviari “aventi origine o destinazione nelle regioni Abruzzo, Molise, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia”.

... leggi tutto il documento [ link ]





 
31/06/2015

MANUTENZIONE DELLA NORMA SUL FERROBONUS


Un gruppo di senatori del Pd, Sonego, Filippi, Esposito, Borioli ed altri hanno depositato un disegno di legge allo scopo di migliorare l'utilizzo dei cento milioni annui stanziati con la finanziaria per il 2015, ma a valere con il medesimo importo anche sui successivi due esercizi, per sostenere il cosiddetto Ferrobonus.

IL comma 294 della legge 190 del dicembre 2014 aveva lo scopo di abbattere i costi a carico dei vettori ferroviari per l'accesso alla rete.

La norma del 2014 confinava il beneficio ai trasporti originati o destinati alle regioni italiane centromeridionali, l'implementazione della norma ha tuttavia evidenziato che tali traffici sono insufficienti ad assorbire tutta la dotazione finanziaria disponibile che rimane inutilizzata per oltre la metà dello stanziamento.

Di qui il disegno di legge dei senatori del PD che propongono di utilizzare a consuntivo le risorse non spese nelle regioni centromeridionali per insufficienza di domanda in favore di traffici originati o destinati nelle regioni settentrionali.

La misura non ha solo lo scopo di promuovere il cargo ferroviario ma anche di evitare che le risorse stanziate finiscano in economia a causa del fatto che "il cavallo non beve".





 
31/06/2015

MISURE PER FAVORIRE IL TRASPORTO MERCI SU FERROVIA


Disegno di legge

Misure per favorire il trasporto merci su ferrovia

Di iniziativa dei senatori Sonego e altri

Relazione L'articolo 1 , comma 294, della legge 23 dicembre 2014, n.190 prevede lo stanziamento di un importo di 100 milioni di euro per la totale compensazione degli oneri (accesso all'infrastruttura e traghettamenti) sostenuti dalle imprese ferroviarie nello volgimento di servizi ferroviari merci nelle aree centromeridionali del Paese. L'esperienza dell'applicazione della norma del 2014 dimostra che il mercato è in grado di garantire un tiraggio della misura inferiore alla metà della dotazione finanziaria del comma 294.

Tenuto conto che l'ammontare complessivo delle risorse allocate a bilancio eccede la reale domanda dei servizi ferroviari in parola e che quindi, in considerazione del fatto che "il cavallo non beve" e le risorse stanziate in eccesso non vengono utilizzate con la conseguenza di mandarle in economia, si ravvisa la necessità urgente di consentire l'impiego delle menzionate eccedenti risorse nelle aree del paese non indicate dal comma 294 e per le medesime finalità.

... leggi tutto il documento [ link ]





 
20/03/2015

SONEGO SULLA PRIVATIZZAZIONE DEL GRUPPO FS




La privatizzazione decisa dal Governo, si parla di un 40% dell'intero Gruppo, costituisce una vicenda industriale italiana di prima grandezza. FS è infatti la maggiore azienda italiana del trasporto e della logistica e la terza società ferroviaria in Europa.

Il gruppo FS esercita inoltre un rilevante ruolo sociale in tutto il paese per la sua influenza sulla mobilità delle persone e per il numero di addetti.

Il Gruppo fattura circa 8,5 MLD annui e ha circa 70 Mila dipendenti.

La Commissione definirà il programma dei suoi lavori nei prossimi giorni ma si può già anticipare che lavorerà a stretto contatto di gomito con il Governo. Cosa scontata del resto.

Non credo che i cambiamenti debbano suscitare timore, è importante che innovazioni così rilevanti siano frutto di dibattito.





 
19/03/2015

SONEGO RELATORE SULLA PRIVATIZZAZIONE DI FS




La Commissione VIII del Senato, infrastrutture e trasporti, ha incardinato oggi l'affare assegnato n. 514 che concerne "Aspetti inerenti al progetto di privatizzazione del Gruppo Ferrovie dello Stato". Relatore è stato nominato il senatore Lodovico Sonego.

Il programma di lavoro della Commissione sulla materia della privatizzazione del Gruppo FS verrà definito.

... ultim'ora del Corriere della Sera     [ link ]